Allarme bomba a Pistoia e Firenze: uffici della Questura e del Tribunale evacuati, tutto rientrato nel pomeriggio

Tanta paura nella giornata di ieri a Pistoia per un allarme bomba. Ebbene si, nella giornata di ieri e nello specifico nel primo pomeriggio al Polo della sicurezza di via Pertini a Pistoia, struttura che ospita la questura, la polizia stradale e la prefettura è scattato l’allarme bomba dopo che un uomo ha lanciato al di sopra della cancellata alta almeno quattro metri, uno zaino per poi dileguarsi; intorno alle ore 13.45 i poliziotti di servizio al corpo di guardia hanno visto la scena sopra descritta dalle immagini delle telecamere del circuito di videosorveglianza ed hanno lanciato l’allarme. Nel giro di pochi secondi sono giunti i soccorsi e l’area adiacente alla struttura ovvero il Polo della sicurezza di via Pertini è stata circoscritta con delle fettucce di plastica ed il personale impiegato negli uffici della struttura sono stati fatti allontanare in attesa degli artificieri. Subito dopo aver visionato le immagini, i poliziotti della Squadra volante, si sono messi alla caccia dell’uomo, ovvero un uomo dalla carnagione olivastra con addosso un giubbotto nero.

Sul posto sono giunti anche gli artificieri ed i vigili del fuoco, i quali hanno provveduto a fare tutti gli accertamenti del caso e si è scoperto che si è trattato di un falso allarme, perché all’interno dello zaino non vi era nulla di pericoloso; ebbene si all’interno dello zaino pare siano stati ritrovati soltanto documenti che pare appartenessero ad n uomo noto alle forze dell’ordine e una serie di capi d’abbigliamento. Subito dopo, dunque, è rientrato l’allarme e gli impiegati via via sono tornati alle loro postazioni di lavoro. Tanta la paura sia per i dipendenti che per i residenti della zona, ma fortunatamente si è trattato di un falso allarme. Tutto il materiale ritrovato all’interno dello zaino i trovano ad oggi al vaglio degli investigatori della Digos e potrebbero essere utile all’identificazione del proprietario e dunque dell’autore di questo gesto. Quasi contemporaneamente pare essere scattato un altro allarme a Firenze, dove alle ore 14 è giunta una telefonata anonima al centralino, piuttosto breve nella quale si diceva soltanto: “C’è una bomba”.

Al telefono una voce elettronica e dunque anonima che ha comunicato l’allarme bomba avvisando che sarebbe stato meglio lasciare immediatamente l’edificio. Tutti coloro i quali erano presenti all’interno del Tribunale, ovvero avvocati, giudici e utenti sono stati immediatamente invitati ad abbandonare gli uffici; nel giro di pochi minuti si sono riversati sul luogo diverse pattuglie dei Carabinieri a cui si è aggiunta anche una camionetta degli artificieri. Dopo aver ispezionato tutta la struttura, tutte le aule presenti nei vari piani, l’allarme è rientrato, intorno alle ore 15.30. Si tratta del sesto allarme bomba all’inizio dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.