Allarme salmonella all’Ospedale Gaslini di Genova: 70 tra medici ed infermieri infettati

0

E’ allarme salmonella a Genova e nello specifico all’Ospedale Gaslini dove lo scorso venerdì al Palazzo Meridiana si è tenuto un convegno medico organizzato dall’ospedale con la Fondazione Menarini, e pare che tutti i partecipanti, ovvero una settantina tra cui medici, infermieri e ricercatori, abbiano subito avvertito i sintomi di quella che inizialmente sembrava una semplice influenza, ovvero dolori addominali, vomito, diarrea, febbre alta, poi invece si è appurato che tutti coloro i quali avevano partecipato al convegno, avevano gustato le pietanze del catering offerto per l’occasione.

Molto probabilmente a causa del caldo o anche della cattiva manipolazione e conservazione, gli alimenti del rinfresco si sono deteriorati favorendo la proliferazione di germi e causando una vera e propria epidemia di salmonella.

Pare siano almeno 5 i medici, gli infermieri ed i ricercatori ad aver accusato i sintomi più gravi, ma comunque a solo scopo preventivo, la direzione ospedaliera ha deciso di sospendere tutti gli operatori sanitari che avevano preso parte al congresso; a tal riguardo anche coloro i quali non hanno accusato alcun sintomo dovranno restare a casa per qualche giorno al fine di evitare l’eventuale diffusione dell’infezione tra colleghi e pazienti. Intanto nella mattinata di giovedì è scattato il blitz degli ispettori di igiene alimentare per 4 ore, che hanno controllato cucina e dispensa della ditta genovese che ha curato il catering del convegno internazionale medico scientifico organizzato all’ospedale Gaslini a Palazzo della Meridiana, dove come già abbiamo detto, sono rimasti intossicati circa 60 persone tra cui medici, ricercatori e biologi.

“Abbiamo inviato diversi campioni in laboratorio aspettiamo i primi risultati nelle prossime ore”, è questo quanto spiegato dalla responsabile Ersilia D’Aste.Non è possibile stabilire con certezza quale sia stata la causa; i campioni biologici prelevati sono stati spediti ad un laboratorio specializzato che dovrebbe dare una risposta nelle prossime ore. “L’Istituto Giannina Gaslini, in prima linea nell’umanizzazione delle cure, è impegnato anche nell’agevolare tutti gli aspetti legati all’ospedalizzazione e all’accesso alle strutture ospedaliere dei sui piccoli pazienti. Il nostro grande policlinico pediatrico, che ha come missione la cura dei bambini, è per cultura e tradizione sensibile anche al tema del rispetto dell’ambiente. Per queste ragioni, uno dei primi in Italia, l’Istituto Gaslini ha deciso di avviare questa forma di attività sperimentale, per il sostegno della mobilità sostenibile”, è questo quanto dichiarato dal presidente dell’Istituto Gaslini Pietro Pongiglione. 

Ricordiamo che la trasmissione della salmonella avviene per via oro-fecale attraverso animali infetti o loro derivati, attraverso acque contaminate e persino attraverso il contatto con superfici contaminate, ma sembra che gli alimenti rappresentino la principale via di trasmissione di questa tossinfezione alimentare. Per evitarla è importante curare l’igiene personale, lavarsi spesso le mani prima, durante e dopo la manipolazione degli alimenti, lavare bene la frutta e la verdura, cuocere bene carne, pollame e uova, mantenere gli alimenti nella giusta temperatura di conservazione e lavare bene gli utensili, macchinari, contenitori e superfici che entrano a contatto con gli alimenti.

Rispondi o Commenta