Aviaria, Hong Kong vieta l’import di pollo e uova da Padova

L’autorità sulla sicurezza alimentare di Hong Kong ha preannunciato nella giornata di ieri il blocco delle importazioni di pollame e uova dalla provincia di Padova e la decisione sembra essere stata presa in seguito alla notifica della World organization for animal health su un’epidemia che pare sia risultato altamente patogena di influenza aviaria H5N8. Questo bando pare abbia un effetto immediato con un solo obiettivo di tutelare la salute pubblica dell’ex colonia britannica. Nella giornata di ieri la Coldiretti aveva diramato una nota parlando della individuazione di un focolaio a Sant’Urbano in provincia di Padova che coinvolge delle misure di prevenzione una settantina di allevamenti avicoli e siti nella bassa padovana. Nel contempo però la Coldiretti di Padova ha ricordato che non vi è alcun rischio per la salute umana né tantomeno per il consumo di carne avicola, ma pare abbia espresso maggiori preoccupazioni per le ricadute sulle aziende così come accaduto in altre zone della regione circa 8 mesi fa.

Era intervenuto Federico Miotto il presidente di Coldiretti Padova, il quale era dichiarato che le misure adottate al momento sono comunque doverose perché precauzionali, ma ad ogni modo la Regione deve considerare anche i danni indiretti e non solo riconoscere l’indennizzo per gli abbattimenti. Lo stesso dunque ha chiesto che vengano attivati dei voti necessari perché altrimenti il perdurare di questa situazione, non farà altro che mettere in ginocchio il settore che già risulta essere abbastanza provato da eventi epidemici nel passato, dai quali fortunatamente è riuscito a risollevarsi ma che comunque potrebbe essere esposto a continue ricadute. Hong Kong dunque vieta il pollame e uova provenienti da Padova e la decisione che è dell’autorità della sicurezza alimentare, è arrivata proprio nella giornata di ieri.

Tale bando, come già abbiamo anticipato, sembra avere un effetto immediato al fine di tutelare la salute pubblica dell’ ex colonia britannica; un portavoce dell’autorità avrebbe spiegato che nei primi sei mesi del 2017 Hong Kong ha importato dall’Italia ben 1000 tonnellate di carne di pollame congelata e circa 10000 uova. Lo stesso ha inoltre aggiunto che la Cfs ha contattato le autorità italiane sul caso e seguirà da vicino alle informazioni sugli sviluppi dell’influenza aviaria e ha assicurato che attiveranno delle azioni appropriate in risposta agli sviluppi della situazione.

Nel corso del 2017 la Regione Veneto è stata interessata da ben 16 focolai, 18 abbattimenti preventivi che hanno comportato l’eliminazione di oltre 250.000 capi in particolar modo nella Bassa Veronese, nella bassa padovana, nel Polesine e nel veneziano. Ingenti i danni diretti che sono stati sinora corrisposti a 2.638.145,11 euro; ulteriori indennizzi per un milione e 300 mila euro, sono in arrivo. A preoccupare gli esperti è il fatto che questi nuovi sottotipi virali diventino in grado di trasmettersi all’uomo e soprattutto di trasmettersi da persona a persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.