Avvistato il primo asteroide interstellare, si chiama Oumuamua

È stato avvistato un asteroide arrivato dallo spazio molto probabilmente dopo un lunghissimo viaggio durato centinaia di migliaia o forse milioni di anni. L‘asteroide in questione sarebbe entrato nel nostro sistema solare con una velocità molto elevata, circa 95000 km all’ora e dopo essersi avvicinato al sole, adesso sta tornando negli spazi siderali. Tra il 2018 e 2019 molto probabilmente secondo quanto riferiscono gli esperti, l’asteroide potrebbe passare vicino ai grandi pianeti del nostro sistema solare per poi allontanarsi Praticamente per sempre. L’asteroide in questione si chiama Oumuamua, un asteroide dalla forma piuttosto singolare visto che somiglia molto a un sigaro o ad un astronave di cui si è cominciato a parlare il 19 ottobre 2017, quando il telescopio Pan-STARSS 1, che si trova alle Hawaii, pare abbia inquadrato un puntino di luce che brilla nel cielo in una posizione dove fino alla sera precedente, non si era avvistato alcun oggetto.

Come abbiamo già riferito, l’asteroide in questione è rossastro dalla forma affusolata, lungo circa 800 metri e con un raggio medio di 80 metri ed è stato scoperto da un gruppo di astronomi dell’Institute for astronomy di Honolulu dell’Eso e dell’Esa ed è stato descritto in un articolo pubblicato su nature.

La prima osservazione come abbiamo avuto modo di anticipare, è avvenuta il 19 ottobre del 2017 e inizialmente i ricercatori avevano ipotizzato che l’oggetto fosse una cometa proveniente dalle regioni più remote del sistema solare Ma poi Hanno accertato che il suo avvicinamento al sole Non produceva alcuna coda a dimostrazione del fatto che la sua superficie non conteneva quantità significative di acqua o ghiaccio, a differenza proprio delle comete. Inoltre, la sua traiettoria molto eccentrica pare abbia suggerito che l’origine dell’asteroide fosse aliena ovvero proveniente direttamente da fuori il nostro sistema solare ed è stato così che nel giro di pochi giorni questa asteroide è diventato un osservato speciale, proveniente dallo spazio interstellare.

Effettuate tutte queste considerazioni, l’asteroide è stato definitivamente classificato come asteroide interstellare e chiamato 1I/2017 U1, Dove  la lettera I sta proprio per interstellare e gli è stato dato anche il nome di Oumuamua, che in brasiliano significa “primo Messaggero che viene da un’altra Stella”. Al momento l’asteroide si trova ad una distanza di circa 200 milioni di km dalla Terra e pare si stia allontanando Grazie all’effetto fionda del sole ad una velocità ancora maggiore di quella con cui è entrato ovvero 140000 km orari. “Stiamo continuando a osservare questo oggetto unico nel suo genere e speriamo di riuscire a identificare con maggior precisione il suo luogo di origine e la prossima destinazione del suo viaggio galattico“, ha dichiarato Olivier Hainaut, coautore dello studio. Stando ai ricercatori, questo asteroide non è più l’unico ospite interstellare presente nel nostro sistema solare, ma visto che oggetti simili sono molto veloci, risultano difficili da scoprire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.