Bill Cosby. Nullo il processo a carico del “papà d’America”

L’attore ha sempre negato ogni responsabilità e, pur ammettendo l’uso del sedativo Quaalude, ha sempre sostenuto che i rapporti con la Constand – e con le altre donne che lo accusano – erano sempre consenzienti. L’accusa, dal canto suo, non intende mollare e ha dichiarato che ritenterà di inchiodare Cosby.

La giuria chiamata a decidere le sorti del ‘papa’ d’America’ Bill Cosby e’ in “stallo su tutti i capi d’accusa”. La donna, una dipendente della Temple University che aveva conosciuto Cosby sul lavoro, lo aveva denunciato nel 2005 per essere stata drogata e violentata nella casa di Cosby a Philadelphia, l’anno precedente.

Vittoria “ai punti” in tribunale per l’attore comico statunitense Bill Cosby.

Da lunedì scorso, infatti, i giurati cercavano di prendere una decisione in merito ma, a quanto pare, le prove non hanno convinto appieno della sua colpevolezza e nella giornata di sabato i 12 membri della giuria dopo 40 ore di esame delle prove hanno comunicato al giudice che non ci sono margini per trovare l’unanimità. “E’ troppo presto per festeggiare, Mr Cosby”, ha sentenziato Gloria Allred, legale di parte avversa.

Nelle ultime ore Bill Cosby ha parlato per la prima volta pubblicamente, ringraziando la giuria e i suoi sostenitori. “E’ un giorno importante, abbiamo lavorato duramente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.