Blitz dei Nas in tutta Italia,19 arresti nel settore farmaceutico e imprenditori tra cui il Professor Fanelli

0

Maxi blitz quello portato a termine nella giornata di ieri dai carabinieri del Nas di Parma in seguito ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale della città emiliana.  Il bilancio di questa operazione è di 19 persone arrestate tra dirigenti medici e imprenditori nel settore farmaceutico, 75 persone indagate,17 aziende coinvolte in attività illecita ed infine il sequestro di due società e di circa €500000. Tra gli arrestati figura anche il luminare italiano per le terapie del dolore Guido Fanelli, il quale è finito agli arresti domiciliari perché  considerato il perno di un vasto sistema di corruzione e riciclaggio che ha coinvolto diverse aziende farmaceutiche italiane ed estere. Nello specifico il professor Fanelli, ordinario di Anestesia e Rianimazione e all’Università di Parma, è stato consulente tecnico del governo per l’estensione della legge 38 del 2010 sulle cure palliative e terapia del dolore, nonché presidente della commissione istituita ad hoc dal 2008 al 2015 presso il Ministero della Salute, ed è stato anche il relatore del piano oncologico nazionale del 2008.

Secondo quanto emerso dalle indagini, che ricordiamo sono state condotte dai carabinieri del Nas di Parma, il professor Fanelli avrebbe sfruttato la sua funzione di pubblico ufficiale per favorire i “grandi” del mercato farmaceutico attraverso sperimentazioni e convegni, ed in cambio avrebbe ricevuto denaro, beni immobili, automobili e addirittura uno yacht chiamato “Pasimafi V”,  da cui ha preso nome proprio l’inchiesta. Nello specifico sembra che nelle strutture di cui Fanelli era il responsabile venivano svolte sperimentazioni cliniche illegittime su pazienti ignari,  tutti a spese del sistema sanitario nazionale, al solo scopo di promuovere e divulgare i prodotti farmaceutici delle ditte con le quali vi era un certo tipo di legame,  il tutto con la collaborazione anche di un dirigente del Ministero della Salute;  in cambio come già abbiamo anticipato, il professore avrebbe ricevuto denaro e altri benefici,  per questo motivo è finito ai domiciliari al pari di altre 18 persone tra cui manager di case farmaceutiche, medici e anche imprenditori.

Sono stati posti ai domiciliari, il commercialista Giulio Corno; Giovanni Capasso, amministratore della DoctorConsulting Srl; Danio Concari direttore vendite TeleflexMedical Srl Unipersonale; Massimo Allegri, dirigente medico presso Struttura Complessa 2a Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma; Ugo Grondelli,membro del consiglio di amministrazione della società Alteco Medical Ab; Marcello Grindelli amministratore delegato e legale rappresentante Spindial SpA.; Enzo Lucherini direttore commerciale Ibsa Farmaceutici Italia Srl; Giuseppe Vannucci agente di commercio libero professionista di fatto amministratore della società Appmed Srl; Marco Filippini General Manager per il Sud Europa dell’industria farmaceutica Mundipharma Pharmaceuticals; Riccardo Cerbai, Business Unit DirectorRespiratory presso MundipharmaPharmaceuticals Srl; Alberto Grua,consigliere Grunenthal Italia Srl e Farmaceutici Formenti Srl, capo commerciale per Europa, Australia, Nord America e membro del Corporate Executive Board di Grunenthal; Thilo Karl Stadler per la Grunenthal Italia Srl., membro dell’Executive Board e General Manager sud Europa; Fabio De Luca General Manager divisione Pharma di Angelini F.A.C.R.A.F. Spa a Socio Unico; Paolo Carlo Crippa amministratore delegato della TeleflexMedical S.r.l. Unipersonale e Noher Ivan Ias Boninsegni Area Manager presso St. Jude Medica Italia Spa con Socio Unico. Sarebbero state avviate anche le procedure per l’emissione di misure interdittive nei confronti di 5 persone tra cui un dirigente del Ministero della Sanità.

I reati contestati agli indagati sono quelli di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al riciclaggio, abuso d’ufficio, peculato, truffa aggravata e trasferimento fraudolento di valori.

Rispondi o Commenta