Rich Piana in coma per eccessivo uso di steroidi e anabolizzanti

2

Il bodybuilder Rich Piana è in coma per overdose di anabolizzanti. L’uomo, di quarantasei anni, è un famoso culturista professionista che tempo fa aveva ammesso di fare uso di steroidi da circa trent’anni. Noto come sosia del personaggio di fantasia Hulk, Piana è stato soccorso nella sua casa in Florida (Usa) il pomeriggio di lunedì 7 agosto. Trasferito in ospedale, è stato indotto in coma farmacologico e non sono note al momento le sue condizioni di salute.

Piana ha vinto diversi concorsi di bodybuilding e nel 1998 è stato nominato Mr. California. Il culturista statunitense si è classificato primo anche nel Sacramento Pro e nei Campionati del Border States Classic XXX Bodybuilding, Fitness e Figure nel 2009, undicesimo al Campionato degli Stati Uniti NPC nel 2003 e settimo nel 1999. E’ una social star su Instagram, su cui conta circa 1,2 milioni di follower. Secondo un articolo di Deadspin, Piana mangia nove pasti al giorno e beve soluzioni a base di proteine.

La tossicodipendenza, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), “è uno stato psichico e fisico risultante dall’interazione tra un organismo vivente e una sostanza, caratterizzato da modificazioni del comportamento o reazioni che determinano la compulsione ad assumere la sostanza in modo continuativo o periodico, per sperimentare i suoi effetti psichici e per evitare gli effetti di privazione”. La dipendenza da tali sostanze si differenzia, quindi, tra dipendenza fisica, quando l’astensione dall’uso provoca un bisogno, e dipendenza psichica, quando la sostanza genera uno stato mentale di cui il soggetto ha bisogno. “Il doping consiste nell’uso di una sostanza o nell’adozione di una pratica medica non giustificati da condizioni patologiche,finalizzato al miglioramento della prestazione agonistica”.
Il doping, rispetto alla tossicodipendenza, potenzia la dipendenza psichica in quanto l’assunzione delle sostanze dopanti è motivata già a priori da un bisogno di tipo mentale: l’eccellenza nella competizione. Infatti l’utilizzo di sostanze nella pratica sportiva ha fondamentalmente l’obiettivo di ridurre la percezione del dolore e della fatica, ridurre il peso corporeo, aumentare la massa e la forza muscolare con lo scopo ultimo di migliorare la prestazione e il rendimento dell’atleta. A questo va aggiunto che alcune delle sostanze utilizzate, le così dette body image drugs, modificano l’aspetto corporeo, rimandando all’atleta un’immagine di sé che corrisponde alle proprie aspettative e alla quale ha difficoltà a rinunciare. A questo proposito una particolare attenzione meritano le Appearence and Performance Enhancing Drugs (APED), sostanze utilizzate per migliorare la prestazione e l’aspetto fisico. Di queste fanno parte gli Steroidi Androgeni Anabolizzanti (Anaboiic- Androgenic Steroids – AAS), una classe di ormoni steroidei che include l’ormone naturale maschile testosterone e i suoi numerosi derivati sintetici. Il loro utilizzo è diventato un problema riguardante la salute pubblica sia perché è uscito dai confini del mondo dello sport sia perché è spesso associato all’uso di altre sostanze dopanti e alle classiche sostanze d’abuso come la cannabis, la cocaina e gli oppioidi.
Lo sviluppo della chimica, della farmacologia e della biologia molecolare ha consentito, ai giorni nostri, di moltiplicare le sostanze in grado di favorire gli atleti nella preparazione sportiva e nel corso della gara nonché per recuperare in tempi brevi le energie spese, specie quando gli impegni agonistici sono molto frequenti. Una maggiore disponibilità e varietà di prodotti, le opportunità di acquisto on line, insieme alla spinta ad eccellere con il minor dispendio sia di tempo che di fatica, hanno favorito la diffusione del doping in modo trasversale, non solo all’interno del mondo agonistico, ma anche tra soggetti che praticano attività sportiva a livello amatoriale o a livello scolastico, target particolarmente fragile, con la conseguenza di incrementare la dipendenza.
Il ricorso al farmaco avviene con leggerezza, considerato un’opportunità “moderna” per risolvere in modo sbrigativo problemi che potrebbero essere affrontati con la giusta dose di allenamento, una sana dieta e un corretto riposo.
La letteratura scientifica ma anche i rapporti delle Forze dell’Ordine, i procedimenti giudiziari e i report dei laboratori accreditati dalla World Antidoping Agency (WADA) hanno evidenziato un’associazione tra sostanze usate a scopo di doping e sostanze d’abuso (es. steroidi anabolizzanti e cocaina e stimolanti amfetamino-correlati). Le principali motivazioni di questa associazione doping and drug addiction sono due: da una parte l’atleta consuma sostanze d’abuso quali cocaina, amfetamine e stimolanti in genere in contesti ricreativi, da un’altra intende favorire (es. capacità aerobica dovuta all’assunzione di eritropoietina associata agli effetti stimolanti di amfetamino simili o cocaina) o contrastare (es. sintomi depressivi dovuti al consumo cronico di steroidi contrastati dall’uso concomitante di cocaina) gli effetti dovuti al consumo delle sostanze utilizzate per il miglioramento delle prestazioni sportive.
Inoltre è stato approfondito il problema delle dipendenze indotte dagli steroidi anabolizzanti e dal testosterone.
Queste sostanze sulla base dei criteri del Diagnostic and Statistica! Manual of Mental Disorders (DSM V) inducono dipendenza per un insieme di ragioni farmacologiche, psicologiche e genetiche (APA, 2014).
Tali sintomi possono essere ricondotti:
a) all’assunzione più elevata di quella programmata;
b) al desiderio di diminuire o controllare la dose, nonostante l’incapacità di farlo;
c) alle frequenti intossicazioni o sintomi da astinenza in situazioni fisicamente pericolose;
d) alla gran parte di tempo speso in attività correlate all’assunzione delle sostanze dopanti;

e) all’aumentata tolleranza che richiede dosi sovraterapeutiche sempre crescenti;
f) allo sviluppo dei sintomi d’astinenza quali depressione, stanchezza, cefalea e ritardi psicomotori.
Visti i numerosi punti di contatto tra mondo delle droghe e mondo del doping risulta particolarmente interessante un raffronto tra la normativa che regola le due materie.
La legge nazionale italiana che disciplina l’intera materia relativa agli stupefacenti è il Testo unico sugli stupefacenti (DPR 309/90). Questo provvedimento stabilisce regole riguardo alla produzione, al commercio e all’uso delle sostanze stupefacenti, alla repressione delle attività illecite, alla prevenzione delle tossicomanie, alla cura delle persone tossicodipendenti.
Il Testo unico sugli stupefacenti è soggetto a continue modificazioni e le tabelle contenenti l’indicazione delle sostanze stupefacenti e psicotrope vengono costantemente aggiornate.
Nel 1999 dalla collaborazione di tutto il movimento olimpico mondiale con i governi di molte nazioni nasce la WADA organo super partes con il potere di emanare leggi in materia di doping.
In Italia la materia è disciplinata dalla legge del 14 dicembre 2000 n. 376 Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping secondo la quale “costituiscono doping la somministrazione o l’assunzione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l’adozione o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell’organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti” e “sono equiparate al doping la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l’adozione di pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, finalizzate e comunque idonee a modificare i risultati dei controlli sull’uso dei farmaci e delle sostanze”.
Vengono, inoltre, individuati “i farmaci, le sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e le pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping”.
Su proposta della Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive (CVD) viene stilata la lista delle classi di farmaci, sostanze e pratiche vietate per doping, comprendente anche le sostanze indicate dalla WADA.

Eroina
Come l’oppio e la morfina anche l’eroina deriva dal papavero. Si presenta come una polvere bianca o marrone,spesso granulosa. L’eroina è stata creata nei primi del ‘900 come “cura” per la dipendenza da morfina e a quei tempi fu pubblicizzata (assieme all’aspirina) per raffreddore e tosse.
Cos’è, perché attrae
L’assunzione di eroina avviene per lo più per via inalatoria o per via endovenosa, provocando una sensazione di benessere diffuso, la scomparsa di paure o angosce e annullamento del dolore fisico.Chi la utilizza ricerca il flash, un momento di benessere acuto e improvviso. L’assunzione, anche di poche dosi, può generare dipendenza in modo molto rapido, sia dal punto di vista fisico che psicologico. Con l’uso prolungato della sostanza scompaiono gli effetti piacevoli e la dose serve solo per combattere i sintomi (molto dolorosi) dell’astinenza. L’eroina, infatti, come tutti i derivati dell’oppio provoca una grande tolleranza e assuefazione, più se ne usa più ne serve per ottenere gli effetti della dose iniziale.
I rischi
La salute dell’eroinomane peggiora, si abbassano le difese immunitarie, si cariano i denti e l’uso per via endovenosa provoca spesso flebiti e ascessi. L’uso promiscuo di filtri o siringhe può trasmettere l’infezione da Hiv,epatiti B e C.
La vita ruota in breve tempo attorno alla dose giornaliera. I legami affettivi, familiari, amicali, lavorativi, quando vengono faticosamente mantenuti, risultano comunque compromessi dall’uso della sostanza; l’eroinomane è costretto a procurarsi continuamente denaro per acquistare la dose (o le dosi) giornaliere, arrivando spesso a spacciare, a rubare ©prostituirsi.
I segnali
Una persona che ha assunto un oppioide, quale eroina e morfina,avrà pupille contratte della dimensione di una capocchia di spillo. Avrà prurito con grattamento frequente. Può avere pallore e sudorazione abbondante con grande sete.Se l’oppioide è stato sniffato, le narici possono essere escoriate e rosse;se iniettato ci saranno segni di iniezione sulle braccia o dietro le ginocchia o a livello delle caviglie.

Intossicazione acuta
Si manifesta con miosi, depressione dello stato di coscienza fino al coma, eloquio disartrico, deficit attenzione e memoria.
Overdose
È la causa più diretta di morte per l’uso di eroina, si manifesta associando eroina ad alcool o psicofarmaci, ma anche per concentrazioni di eroina diverse dalla quella utilizzata normalmente. I sintomi dell’overdose sono:
E incoscienza©coma 0 depressione respiratoria
► pupille “a spillo”
[T| iporiflessia fino alla scomparsa dei riflessi
► ipotensionefinoalloshock.
In caso di overdose è necessario:
► starevicinoal paziente,evitando che si addormenti [E porlo in posizione di sicurezza (decubito laterale con il capo
iperesteso) per mantenere la pervietà delle vie aeree.
[E somministrare una dose di farmaco antagonista (Narcan 0,4-0,8 mg ev,eventualmente anche imo sottocute)
[E monitorare il paziente nelle ore successive.
La sindrome astinenziale da oppiacei può ricordare il quadro di una malattia febbrile ed è costituito da:
[E piloerezione [E lacrimazione [E midriasi [E sbadigli [E sudorazione
S rinorrea e congestione delle mucose nasali
► mialgie E vomito
E crampiaddominaliediarrea.
La crisi astinenziale, per quanto possa presentarsi in modo drammatico, non rappresenta di norma un pericolo per la vita del soggetto. Inizia a manifestarsi dopo 6-8 ore dall’ultima somministrazione di eroina ma raggiunge il suo picco nell’arco di 2-3 giorni. L’intera sindrome si concludespontaneamentein 7-10giorni.
Trattamenti Sostitutivi Metadone: è una sostanza oppioide, questo vuol dire che, pur non essendo ricavata dall’oppio, come la morfina, ma essendo prodotto chimicamente, agisce sul nostro organismo sugli stessi bersagli su cui agiscono gli oppioidi. Il metadone si assume per via orale, questo fa si che l’assorbimento sia molto più lento rispetto a quanto avviene con l’eroina inalata o assunta pervia endovenosa.
La conseguenza è che il metadone non dà quella sensazione di euforia immediata che è provocata dall’eroina.
Inoltre le trasformazioni che il metadone subisce nel nostro organismo e la sua eliminazione Attraverso il rene e le vie biliari sono molto lente (in media i livelli nel sangue si dimezzano dopo 8-25 ore con notevoli variazioni tra un paziente e l’altro).
Questa sostanza inoltre, somministrata tutti i giorni a una certa dose, tende ad accumularsi fino a raggiungere nel sangue, in circa una settimana, un livello quasi costante.
A questo livello, detto in inglese “steady state”, la quantità introdotta è circa uguale a quella eliminata giornalmente.
Buprenorfina: è un agonista parziale dei recettori degli oppioidi e deriva dalla tebaina (un alcaloide dell’oppio). Si somministra pervia sublinguale, se ingerita si dimezza l’assorbimento. Viene sescreta con feci ed urine.
Ha un’azione analgesica 7-10 volte maggiore della morfina per via orale, l’effetto disforico è minore rispetto a quello creato dall’eroina.
Ha un forte legame recettoriale impedendo il legame dell’eroina ai siti recettoriali.
Cocaina
L’uso della cocaina risale al 2000 A.C.,è nel XIX secolo che la cocaina raggiunge proporzioni di utilizzo vastissime. Nel 1914 è posta fuori legge.
Il costo della cocaina è diminuito diventando più accessibile.
Cos’è e perché attrae
La cocaina è una sostanza psicoattiva eccitante estratta dalla pianta della coca.
L’uso della cocaina all’inizio dà sicurezza, efficienza, vitalità intellettuale,esalta la resistenza fisica.È spesso utilizzata allo scopo di aumentare l’intimità interpersonale.
La cocaina può essere consumata in vari modi: sniffata (tirata), fumata, iniettata. Gli effetti iniziano a manifestarsi entro3-5 minuti quando la cocaina viene sniffata,entro 30-45 secondi se iniettata e in tempi ancora più brevi se fumata. Tali effetti durano poco più di un’ora.
Rischi
Maggiori se la cocaina è iniettata in vena o fumata perché arriva più velocemente al cervello: tremori, ipertensione, tachicardia, innalzamento della temperatura, difficoltà a mangiare e dormire, agitazione psicomotoria.
Deficit di critica e impulsività: pericoloso durante la guida o in situazioni cui l’aggressività va tenuta sotto controllo.
Quando termina l’effetto c’è il cosiddetto down. Il consumatore cronico è spesso ansioso, irritabile, sospettoso e suscettibile. Nei casi estremi può arrivarealla paranoia,al delirio,alleallucinazioni.
In poco tempo la cocaina porta all’abuso: si sente sempre più forte il bisogno di prenderne ancora,fino al punto in cui, se dosi e frequenza aumentano, non si riesce più a farne a meno.
Intossicazione:midriasi,irrequietezza,contratture muscolari,agitazione psicomotoria.

Urgenze nell’abuso di cocaina
L’overdose: può manifestarsi con tachicardia, aumento della pressione, aggressività, ipertermia; può portare alla morte per arresto cardiaco,convulsioni o paralisi respiratoria. Terapia: monitorare segni vitali,sedare il paziente; in caso di dolore cardiaco,eseguire ECG per escludere Infarto Miocardico Acuto.
Segnali
Una persona che ha assunto cocaina o amfetamine solitamente avrà gli occhi vitrei e le pupille molto dilatate.
Potrà cercare di nasconderlo indossando costantemente occhiali da sole o altri occhiali scuri. Si noteranno attività e comportamenti anomali: irritabilità, nervosismo o aggressività. Gli stimolanti come la cocaina accelerano le funzioni del corpo per cui la persona non riuscirà a stare seduta tranquillamente, a rimanere ferma o a controllarsi, e potrà trascorrere lunghi periodi senza dormire.Potrà avere insonnia per poi dormire lungamente. La persona avrà la bocca secca e berrà insolite quantità di acqua per placare la sete. Aspirerà continuamente con il naso pur non avendo il raffreddore.
Amfetamine
Sono sostanze stimolanti (usati durante la guerra, dagli studenti negli anni ’60,in alcuni farmaci contro l’obesità).
Vengono spacciate sotto forma di pasticche, raramente in polvere.
Cosa si ricerca usandole
L’assunzione è per via orale,come polvere si può sniffare o iniettare. Vengono anche usate come sostanze da taglio unite a MDMA (exstasi = metilenediossimetamfetamine) o Isd.
L’uso delle amfetamine dà la percezione di poter abolire i propri limiti fisici di fame e sonno, i segnali di stanchezza; la sostanza aumenta la facilità di parola, la sensazione di potenza, la resistenza fisica.
Danni
Rebound:aumenta la stanchezza, l’irritazione e la depressione.Questo porta l’assuntore a ricercare una maggiore quantità di sostanza per stare bene.
Uso prolungato: provoca diminuzione di peso, ed è spesso causa di psicosi.Questi effetti possono comparire anche dopo una sola assunzione.
Possibili effetti tossici anche letali (soprattutto se associata all’MDMA) quali aritmie cardiache, ipertermia (aumento delle temperatura), disidratazione e collasso cardiovascolare.
Segnali: insonnia, inversione ritmo sonno-veglia. Desiderio di mangiare cioccolato, Aggressività eccessiva e fuori luogo,scarsa attenzione,depressione.

Exstasy
L’exstasy è un composto sintetico, generalmente spacciato in pasticche colorate o capsule,molto più raramente in polvere.
La sostanza principale in essa contenuta, è: l’MDMA (exstasy, X, E, XTC, Adam, Ice; Speed,Eve,thedrug).
In realtà calarsi una pasticca è un salto nel buio, non si sa quello che si prende.
L’MDMA (la sostanza principale della pasticca) veniva utilizzata negli anni ’60, in situazioni terapeutiche protette,come coadiuvante nella psicoterapia.
Perché attrae
Per sopportare lo stress della notte e favorire la disinibizione.
I composti a base di metilossianfetamine agiscono dopo 20/40 minuti raggiungendo il loro picco dopo 60/90 minuti. Con l’assunzione sembrano sparire le barriere e le inibizioni.
La fase successiva di down si presenta, al contrario, con astenia, depressione e apatia, per qualcuno considerata altresì una ulteriore forma di piacere.
Vengono anche usate come sostanze da taglio unite a MDMA (exstasi = metilenediossimetamfetamine) o LSD.
Danni diretti
I danni sono legati ai diversi contenuti delle pasticche.
L’MDMA provoca ipertensione arteriosa, aumento della temperatura corporea e può causare la morte in soggetti con scompensicardiaci,renali oepatici.
Alterazioni dei circuiti serotoninergici nel Sistema Nervoso Centrale. Dosaggi multipli: si possono presentare tachicardie, capogiri, irrequietezza, svenimenti, crampi; a lungo andare possono comparire sintomi semi-permanenti come ansia, depressione, attacchi di panico, aggressività, difficoltà di concentrazione, paranoia,allucinazioni.
L’associazione con alcool e altre sostanze e il conseguente e improvviso down è spesso causa di incidenti stradali durante il ritorno a casa.
Aumenta la probabilità di rapporti sessuali a rischio.
Segnali
Insonnia, inversione ritmo sonno-veglia. Desiderio di mangiare cioccolato. Aggressività eccessiva e fuori luogo,sbadato,depresso.

Allucinogeni
Sostanze di diversa composizione chimica, che hanno in comune effetti simili: LSD, mescalina,psilocibina,peyote,ketamina.
Alcune di queste sostanze sono molto antiche (uso rituale in popolazion indigene).
Diffuse negli anni ’60/70 all’interno dei movimenti giovanili collegati alla cultura psichedelica (ricerca di esperienze di sè e di rapporti interpersonali più consapevoli e autentici), negli anni ’90 queste sostanze sono ritornate in forma massiccia sul mercato,associate a un uso più consumistico della sostanza.
L’LSD viene prodotto per lo più sotto forma di francobolli,zollette di zucchero o pillole; e varia molto negli effetti a seconda dei tagli (sostanze che si aggiungono alla principale) con exstasy, stricnina, amfetamine.
Il peyote è un cactus contenente diversi principi attivi ed è utilizzato soprattutto in Centro America, viene spacciato sotto forma di bottoni freschi o secchi.
La Ketamina è una droga-dance (droghe associate al week-end e alle lunghe notti in discoteca) spesso spacciata come exstasy in associazione con efedrina e caffeina, ma produce la percezione di dissociazione dal proprio corpo e percezioni extrasensoriali, in particolare legatealladimensionedella morte.
Perché attraggono
Le sostanze allucinogene producono effetti molto diversi e molto soggettivi.
Viaggi (trip) psichedelici: la percezione di sè e dell’ambiente circostante viene alterata,è quindi possibile non distinguere la realtà dall’immaginario e perdere i confini spazio temporali, confondendo il proprio sè con quanto ci circonda. I viaggi possono essere piacevoli oppure “badtrip”.
La durata dell’effetto dura dalle quattro alle dodici ore (per la ketamina una quindicina di minuti).Anche a distanza di mesi, si possono riproporre flashback.
Non generano dipendenza fisica, ma, come altre sostanze, possono ingenerare fenomeni di dipendenza psicologica. L’effetto di una sola dose può comportare, inoltre, sensazioni molto traumatiche, e dolorose, per la psichee l’integrità dell’Io.
Danni
Possono verificarsi attacchi di panico, psicosi durature o permanenti, soprattutto in soggetti giovani e psicologicamente immaturi.
I rischi legati all’assunzione aumentano se la persona non è “accompagnata” nel suo trip da qualcuno che possa proteggerla, da eventuali danni fisici, che nella perdita di realtà potrebbero essere commessi a sè stessi o agli altri, e da sensazioni negative che l’acido può provocare.

Segnali
Occhi vitrei e sguardo fatuo e assente. La conversazione tenderà verso argomenti esoterici e strani come un”viaggio mentale”Allucinazioni e ansia senza motivo.
Popper
Originariamente nitrito di amile o di butile.Si presenta sotto forma di liquido, contenuto in fialeo bottigliette.
L’assunzione avviene, quasi sempre, per inalazione. Si diffonde anche in Italia,negli anni ’90,parallelamenteal consumodi altredroghesintetiche.
L’effetto sale dopo pochi secondi dall’inalazione e non dura più di 30/40 secondi.
Perché attrae
Il Popper aumenta il battito cardiaco molto velocemente e chi lo assume si sente il “cuore in gola”. L’uso del popper è collegato, in particolare,al mito della sua capacità di potenziare il desiderio e le prestazioni sessuali. L’assunzione produce, infatti,vasodilatazione, rilassamento della muscolatura e un senso di euforia.
Rischi
Il popper può provocare tachicardia, attacchi di nausea, vomito, alterazioni della vista e, in persone predisposte, disturbi cardiaci molto gravi. Se viene assunto insieme ad ecstasy, anfetamine, cocaina, il rischio di attacchi cardiaci aumenta notevolmente,anche nei soggetti in perfetta forma fisica.
Il liquido irrita la pelle e le mucose producendo forti infiammazioni. Esponea maggiorfrequenzadi rapporti sessuali a rischio.
Il rischio di dipendenza psicologica dal popper è molto forte.
Hashish e Marijuana
Derivati della Cannabis Sativa.ll principio,attivo sul cervello,è ilTHC.
I cannabinoidi vengono principalmente fumati (spinello), ma si possono anche ingerire sotto forma di infuso (thè).
Perché si ricerca
Con il fumosi cerca l’aumento delle percezioni interne e esterne, e una maggiore socializzazione con gli altri.
La cannabis produce l’intensificazione della percezione che si vive: maggiore solidarietà ed empatia se si sta bene nel gruppo, o paranoia se il gruppo non è gradito (variazioni su base individuale odi contesto).
Danni
I danni fisici sono a carico del sistema respiratorio: il fumo viene trattenuto più a lungo ed è più caldo.
A dosi elevate, disturbi fisici o psicologici: manie di persecuzione o paranoia associata a tachicardie, mal di testa. Nei soggetti con equilibrio psichico precario i cannabinoidi possono portare in evidenza disturbi di personalità o crisi psicotiche latenti. L’assunzione prolungata di cannabinoidi può dare dipendenza psicologica.
Segnali
Occhi irritati e rossi.Spesso labbra e bocca secche.
Può apparire stordito ed inespressivo,può ridere senza motivo.
Anabolizzanti e altre sostanze (doping)
Il “doping” è l’impiego di sostanze per migliorare la prestazione fisica e atletica anche (ma non solo) attraverso l’aumento della massa muscolare.
Nel doping vengono utilizzate sostanze stupefacenti, per l’effetto stimolante (come cocaina,ecstasy,anfetamine) o analgesico (come la morfina), oppure farmaci a base di ormoni, farmaci diuretici che utilizzati in modo improprio provocano gravi danni all’organismo.
Benché il doping sia illegale,e contro l’etica sportiva,l’uso di sostanze per migliorare le prestazioni è molto diffuso, anche tra persone che praticano attività fisiche nel tempo libero.
Perché si ricercano
Gli anabolizzanti (steroidi anabolizzanti androgeni), come il testosterone,aumentano la massa e la potenza muscolare.
I diuretici aiutano l’eliminazione dei fluidi favorendo la riduzione repentina del peso corporeo.Vengono utilizzati anche per ridurre la presenza di altri farmaci nelle urine ed aggirare, in questo modo, i controlli anti-doping.
Gli ormoni peptidici servono a stimolare la produzione di steroidi nel corpo e producono un effetto euforizzante.
Danni
Gli anabolizzanti (steroidi anabolizzanti androgeni), possono comportare danni al fegato, all’epidermide, all’apparato cardiovascolare e all’apparato endocrino.
L’uso prolungato favorisce l’insorgenza di tumori e di disturbi psichiatrici.
Negli uomini gli steroidi possono provocare una diminuzione dei testicoli e la riduzione della produzione di sperma; mentre nelle donne può verificarsi una mascolinizzazione: riduzione del seno e perdita delle mestruazioni.
L’uso di diuretici per raggiungere una riduzione repentina di peso corporeo può comportare gravi danni esquilibriall’organismo.
Gli ormoni peptidici possono comportare gravi effetti collaterali: allergie, diabete,acromegalia (grave malattia che negli adulti si manifesta con la crescita delle ossa e negli adolescenti con il gigantismo).

2 COMMENTS

Rispondi o Commenta