Bollette, rialzo per l’elettrica il secondo dall’inizio dell’anno: in calo il gas

0

Ancora una cattiva notizia per italiani o meglio per le tasche degli italiani visto che per la seconda volta dall’inizio dell’anno, aumenteranno’ nei prossimi giorni i prezzi delle bollette dell’energia elettrica per oltre due terzi delle famiglie italiane. Dunque, se da una parte sembra essere arrivata una nuova stangata per gli italiani, dall’altra secondo alcune indiscrezioni, sembra tornino a scendere i costi del gas naturale dopo due rialzi consecutivi. Secondo quanto riferito dall’Autorità per l’energia, dal prossimo mese di aprile le tariffe elettriche subiranno un aumento delle +2,9%, mentre saranno in calo del 2,7% quello del gas; a tal riguardo l’Autorità per l’energia ha precisato che è sulla luce che saranno i rialzi di inizio anno nel mercato all’ingrosso, innescati dalle emergenze sui mercati europei, soprattutto quello francese e dall’eccezionale ondata di freddo.

Sulla base di alcuni dati effettivi, la spesa per la famiglia tipo relativa all’elettricità, al lordo delle tasse tra il 1 luglio 2016 e il 30 giugno 2017 sarà di 505,54 euro, ovvero lo 0,7% in più rispetto ai 12 mesi precedenti pari a 3,7 euro. Per quanto riguarda invece il gas come già avevamo anticipato, il prezzo tenderà a scendere e nello specifico la spesa sarà di circa €1029 ovvero il 4,4% in meno, corrispondenti a €47. Come abbiamo già accennato sembra che la ragione principale del medesimo rialzo dei costi della corrente sia attribuibile al fermo deciso dall’autorità francese, responsabili della sicurezza nucleare; alcune settimane fa era stato scoperta un’anomalia nel cappotto di cemento che protegge il reattore nella centrale in costruzione a Framanville, in Normandia ed in seguito a tale scoperta circa un terzo degli impianti, nello specifico 21 su 58, è stato sottoposto ad una verifica accurata.

La conseguenza è stata che la Francia dovendo utilizzare tutta l’energia prodotta per il mercato interno, non ha più esportato elettricità nei paesi confinanti e tale fenomeno sembra abbia coinvolto nei mesi invernali anche altri paesi europei tra i quali la Germania, la Svizzera, il Belgio la Spagna e la Gran Bretagna. Invece, la riduzione dei costi per quanto riguarda le bollette del gas, questa è legata alla riduzione di diverse componenti tra le quali la materia prima che ha registrato un leggero calo con quotazioni del gas e nei mercati all’ingrosso e attese leggerissima diminuzione nel prossimo trimestre.

“Una brutta notizia, considerato che da aprile a luglio nessuno potrà usufruire della riduzione del prezzo del gas, essendo i riscaldamenti spenti. In concreto, quindi, sui bilanci delle famiglie inciderà solo l’aumento dell’elettricità”, ha affermato Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori. Il Codacons intervenuto nella giornata di ieri, ha giudicato tale aumento ingiustificato e nel contempo Federconsumatori ha lanciato l’allarme per l’abolizione del mercato tutelato contenuta nel decreto legislativo concorrenza.

Rispondi o Commenta