Bollo auto 2017, non solo la scadenza del 31 gennaio: ecco quando e come pagarlo

0

Oggi vogliamo parlarvi della tassa automobilistica, o meglio del bollo auto in precedenza denominata anche tassa di circolazione, che altro non è che un tributo locale, che grava sugli autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica italiana il cui versamento è a favore delle Regioni d’Italia di residenza. Ma entro quando si paga il bollo auto 2017/ Secondo quanto riferito la scadenza sarebbe fissata per il 31 gennaio 2017, ma va anche sottolineato che esistono altre scadenze in merito al pagamento, sulla base di quella che è stata la data di versamento dell’imposta nel 2016. Ciò sta a significare che: se il bollo auto è scaduto lo scorso mese di dicembre 2016, il termine ultimo per pagarlo è il 31 gennaio 2017; se il bollo auto scade nel mese corrente si dovrà pagare entro il prossimo 28 febbraio 2017; se il bollo scade ad aprile 2017 si deve pagare entro il mese di maggio e nello specifico entro il 31 maggio 2017; se la scadenza è fissata per il mese di maggio 2017 il pagamento dovrà avvenire entro il 30 giugno 2017; se il bollo scade a luglio 2017, il pagamento dovrà essere effettuato entro il 31 agosto 2017; se la scadenza, è invece fissata per il mese di agosto 2017, il pagamento avverrà entro il 30 settembre 2017; se il bollo scade a settembre 2017, il pagamento sarà effettuato entro il 31 ottobre 2017 ed infine se il bollo avrà scadenza il prossimo dicembre 2017 il pagamento avverrà il 31 gennaio 2018.

Come è facile capire, dunque, non esiste un’unica scadenza, ma tutto dipenderà dalla data di scadenza del precedente anno. Per quanto riguarda l’importo della tassa, invece, gli automobilisti possono rivolgersi al web, dove sono presenti diversi simulatori che gratuitamente calcoleranno l’importo esatto che l’automobilista dovrà andare a pagare. Primo tra tutti, quello presente sul sito dell’Agenzia delle entrate, che è utilizzabile per autoveicoli, motoveicoli e rimorchi; basterà inserire soltanto alcuni dati tra i quali la potenza la direttiva Euro, la regione di residenza, il tipo di veicolo, il modo di alimentazione. Non dovranno essere inseriti dati personali ma solo dati riguardanti le autovetture.

Quello messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate non sembra essere l’unico calcolatore ed infatti anche l‘Aci ovvero l’Automobile club d’Italia ha messo a disposizione la sua calcolatrice, e l’utente dovrà specificare se si tratta di un rinnovo o di una prima immatricolazione. Dove si paga il bollo auto? Da tempo ormai il bollo può essere pagato presso tutti gli uffici postali, presso tutte le agenzie di pratiche auto aderenti al consorzio Sermetra, presso tutte le agenzie di pratica auto Avantgarde, presso tutte le tabaccherie abilitare Lottomatica e Sisal, sportelli bancomat Unicredit ed ancora online si siti di Poste italiane e Banca Sella per i correntisti. Secondo la novità per il nuovo anno, non sembra essere più obbligatorio esporre sul parabrezza la ricevuta dell’avvenuto pagamento.

Rispondi o Commenta