Botti di Capodanno, si contano i feriti: 184 in tutta Italia di cui 12 gravi, nessuna vittima

0

Terminati da pochissimo i festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno, è tempo di bilanci e nello specifico si contano i feriti causati per lo più dai botti di Capodanno. E’ pesante il bilancio del Capodanno 2017, anche non risultano esserci vittime, ma si parla di oltre 180 feriti in tutta Italia. Solo nella notte di Capodanno, 104 persone sono rimaste ferite, 44 delle quali sono state ricoverate in ospedale; sono questi i dati diffusi dal Viminale nella giornata di ieri, riguardo gli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti nella notte tra il 31 dicembre e l’1 gennaio. Nonostante si parli di bilancio piuttosto pesante, va sottolineato che rispetto agli altri anni il numero di feriti va diminuendo ed ancora quest’anno non si sono contate vittime, a differenza degli anni passati. Nel dettaglio, quest’anno i feriti gravi, quelli cioè con prognosi superiore ai 40 giorni, sono stati 12 (16 nel 2016) mentre i feriti lievi (con prognosi inferiore o uguale ai 40 giorni) sono stati 168 (a fronte dei 174 dello scorso anno).Nello specifico, è emerso che sono quattro anni che non si registrano più decessi a causa dei fuochi d’artificio nella notte di San Silvestro, gli ultimi avvennero nel 2013 quando si verificarono due vittime, due anche nel 2012 e nel 2008, una nel 2009 e nel 2011, nessuna nel 2010.

Purtroppo, secondo i dati diffusi, sembra si sia verificato un incremento di feriti tra i minorenni, e quest’anno sembra si siano registrati 48 casi in più rispetto allo scorso Capodanno. Pare, inoltre, si sia verificato un incremento dei feriti derivanti dall’uso di armi da fuoco e per proiettili vaganti che risultano essere sei rispetto ai tre dell’anno precedente. Solo in Lombardia,secondo i dati diffusi dalla Polizia di Stato, i feriti registrati nelle prime ore del 2017 sono stati venti e nello specifico gli incidenti con feriti da botti sono stati 12 in provincia di Milano, 2 a Sondrio, 2 a Pavia, 2 a Brescia, 1 a Varese e 1 a Como. Nella città di Milano, sono stati registrati 5 feriti, tutti di età compresa tra i 14 ed i 67 anni, e l’episodio più grave riguarda un 14enne trasportato d’urgenza all’ospedale di Sesto San Giovanni e pare abbia riportato gravi lesioni alla mano destra dopo che gli era scoppiato in mano un petardo.

Nel napoletano si sono contati 46 feriti fra cui i due più gravi sono un bambino di nove anni ed uno di 12; a Napoli città si sono registrati 31 feriti, per lo più persone che hanno riportato ustioni o altri danni. Sempre a Napoli, poco dopo la mezzanotte, in zona Ponticelli, una donna di 64 anni, mentre era affacciata al balcone della propria abitazione, è stata raggiunta alle gambe da un proiettile vagante. A Roma, invece, i feriti più gravi sono stati circa sei, ferite causate per lo più da petardi e proiettili sparati durante i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno.

Rispondi o Commenta