Candidato Pd di Ancona pubblica video omofobo e sessista “Acqua di frogio”, è polemica

Nuove polemiche sul Pd di Ancona dopo il caso del consigliere comunale Diego Urbisaglia, il quale pare sia stato espulso per un post su Facebook in cui aveva attaccato pesantemente la vittima del G8 di Genova Carlo Giuliani, scrivendo “Se in quella camionetta ci fosse stato mio figlio, gli avrei detto di prendere bene la mira e sparare”.

Questa volta a finire nei guai è il candidato ventenne alle segreteria Fabio Ragni, il quale sembra essere finito nella bufera per un video omofobo e sessista, che lo stesso aveva chiamato “Acqua di frogio“. Si tratterebbe di una parodia, ma il video in cui vengono pubblicizzate le qualità di un profumo che riuscirebbe a trasformare gli eterosessuali in gay, pare abbia scatenato parecchie polemiche nel partita di Mattia Renzi e tra le associazioni arcobaleno.

Sembra che il candidato alla segreteria, abbia rimosso subito il video ma questo è stato riproposto da Gaypost e così il caso politico esploso in tutto il Pd. Studente di Giurisprudenza,  Ragni aveva postato ben tre anni fa un video girato da lui e realizzato con alcuni amici- attori in cui si prendono in giro gli omosessuali ma pare sia si sia trattata di una ragazza di pessimo gusto a partire proprio dal titolo e si tratterebbe di un corto che racconta di un profumo in grado di trasformare, come già detto, un ragazzo gay lasciato e insicuro a super cool, in grado di fare colpo su un altro che prima di vedere quel ragazzo e sentire quel fantastico profumo ” era veramente eterosessuale”.

Come già  detto, il giovane pare che resosi conto della gravità della sua azione sia intervenuto cancellando immediatamente il video dai social, ma è stato subito pubblicato sul sito “Gaypost.it” per denunciare l’episodio. Così Fabio Ragni su Facebook, dopo le polemiche per il video ha tenuto a porgere le sue scuse giustificandosi in questo modo: “Chi mi conosce sa che persona sono, sa che mi sono battuto per i diritti degli omosessuali, sa che ero a favore di una legge Cirinnà che prevedesse i matrimoni e non solo le unioni civili”.

Poi le scuse: “Detto questo mi scuso con tutta la comunità gay se il video che ho fatto ha offeso. Mi dispiace, non ho giustificazioni, se non il fatto che il video in questione è stato fatto molto tempo fa. Ho poi provveduto a rimuoverlo in tempi non sospetti perché ho, ben pensato, fosse di cattivo gusto.La cosa che più mi spiace è essere dipinto come quello che non sono. Spero di non essere martoriato per un errore goliardico di oltre tre anni fa”. Il video, nello specifico sembra essere stato girato bene quattro anni fa e poi a febbraio-marzo scorsi rimosso da Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.