Casella, spaventoso incendio: per salvarsi si lanciano dalle finestre

Lo ha fatto sapere la direzione sanitaria dell’ospedale Gaslini di Genova, dove è ricoverato. I sanitari stanno valutando se sia il caso di sottoporlo a un intervento chirurgico e stanno effettuando tutti gli accertamenti del caso, anche se il quadro clinico è gravissimo. Sul posto numerose squadre dei vigili del fuoco e militi delle pubbliche assistenze. Il marito è in coma all’ ospedale Galliera. Nessuna notizia ancora sulle cause dell’incendio.

Le condizioni del piccolo saranno ora monitorate ogni due ore. Solo dopo eventualmente si potrà ipotizzare un espianto di organi. L’abitazione della famiglia è all’ ultimo piano di un palazzina di due piani. Non gravi le condizioni delle donna perché lei è riuscita ad attutire la caduta aggrappandosi ai tubi del gas.

Notte di paura nell’entroterra del capoluogo ligure. “Sapevamo che l’impianto elettrico non era a norma” ha denunciato dall’ospedale. Il rogo che ha provocato l’incendio, a detta dei vigili del fuoco, sarebbe divampato dalla stufetta a legna della famiglia Fraietta. PER IL PICCOLO È MORTE CEREBRALE È stata dichiarata la morte cerebrale per il bambino di sei anni e mezzo lanciato dal padre dalla finestra nel tentativo di salvarlo dalle fiamme, caduto rovinosamente da un telo che avrebbe potuto salvarlo. Quando i pompieri sono giunti sul posto, l’edificio è crollato su se stesso.

La finestra era l’unica via di salvezza: così, per scampare alle fiamme, hanno gettato prima il figlioletto e poi si sono lanciati a loro volta.

Le fiamme si erano rapidamente propagate cotringendo la famiglia a rifugiarsi dal lato delle finestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.