Caso di meningite alle Eolie, è un ragazzo 24enne

C’è un caso di meningite alle Eolie. E’ stato segnalato dalla guardia medica di Vulcano e successivamente confermato dai medici del “Papardo” di Messina dove è ricoverato. Il giovane aveva trascorso una serata in discoteca, a Lipari. Dopo aver accusato un malore è stato visitato dapprima all’Ospedale Fogliani di Milazzo. I medici sono ottimisti ma il ragazzo rimane sotto controllo, secondo il protocollo previsto in questi casi, vista la viralità della malattia. A quanto pare si tratterebbe di una infezione di tipo batterico.

Le malattie infettive spesso causano fenomeni di allarme più o meno giustificati, accompagnati dalla diffusione, attraverso la televisione e le prime pagine dei giornali, di preoccupanti notizie di ricoveri, situazioni di contagio e decessi, come è di recente avvenuto per la meningite meningococcica.

Il termine meningite è generico ed indica un’infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono e proteggono cervello e midollo spinale. La meningite è generalmente di origine infettiva, determinata cioè da virus, batteri o funghi, ma può essere causata meno frequentemente da neoplasie, fenomeni autoimmunitari o dall’assunzione di alcuni farmaci.
Tra le forme infettive, quella più frequente e di solito meno grave, è la forma virale, dovuta a virus di comune diffusione, come i virus influenzali o gli herpes virus.

Questa forma non è contagiosa, perché dovuta all’eccezionale superamento della barriera emato-encefalica da parte del germe, a causa della presenza nel soggetto colpito, in quel particolare momento, di alcune condizioni predisponenti, come uno stato, anche transitorio, di immunodepressione; se lo stesso virus infettasse un altro soggetto, provocherebbe l’insorgenza della sola malattia di base; ad esempio, nel caso di un virus influenzale, comparirebbero solo i sintomi dell’influenza.

Il meningococco, invece, è un batterio che causa elettivamente la meningite; quindi venendo a contatto con un soggetto ammalato di meningite meningococcica e contagiandosi attraverso le goccioline respiratorie, si correrebbe il rischio di sviluppare proprio questa malattia, che di solito si manifesta, con sintomi caratteristici, dopo un periodo di incubazione variabile da 1 a 10 giorni.

Quando il batterio dal rinofaringe, dove è comunemente ospitato in soggetti portatori sani (in Italia il 10-20% della popolazione generale), raggiunge le meningi, provoca un’infiammazione che si manifesta in maniera acuta con febbre, cefalea intensa, rigidità nucale, nausea, vomito e spesso anche macchie cutanee (maculopapule o petecchie); nei casi fulminanti possono verificarsi porpora, shock, coma e morte.

Il malato è contagioso durante la fase acuta dei sintomi e nei giorni immediatamente precedenti l’esordio, ma cessa di esserlo dopo 24 ore dall’inizio di un adeguato trattamento con antibiotici. La contagiosità è comunque bassa; la meningite da meningococco viene, infatti, generalmente trasmessa solo a chi ha avuto un contatto stretto (conviventi o casi di esposizione diretta alle secrezioni attraverso baci, condivisione di spazzolino da denti, posate, ecc.) con il malato nei 10 giorni precedenti l’inizio dei sintomi.

In questi casi è importante effettuare una profilassi con antibiotici, cominciandola entro 48 ore dall’ultimo contatto con il malato, ed attuare la sorveglianza sanitaria per i successivi dieci giorni, in modo da individuare e trattare immediatamente eventuali casi secondari.
I batteri che causano la meningite, ed in particolare il meningococco, non possono vivere a lungo fuori dell’organismo umano, per cui facendo arieggiare i locali e provvedendo alla loro accurata pulizia, se ne causa l’inattivazione.

Ecco dieci cose da sapere sulla meningite in Italia, soprattutto sulla forma più aggressiva, quella di natura batterica, e sulle vaccinazioni disponibili per prevenirla. L’analisi dei dati conferma che non esiste alcuna evidenza di emergenza di sanità pubblica a livello nazionale. È importante seguire il calendario vaccinale e consultare sempre il proprio medico in merito all’opportunità e alle tempistiche delle vaccinazioni. A cura di: Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità (ISS) e Agenzia italiana del farmaco (AIFA).

1. C’è oggi un’emergenza meningite?
Non c’è attualmente un’epidemia di meningite. In base ai dati dell’ISS, nel 2015 e nel 2016 si sono verificati in Italia quasi 200 casi per anno di malattia invasiva da meningococco, la maggior parte dei quali causati dai sierogruppi B e C. L’andamento rispecchia il trend degli ultimi anni. In generale, la letalità riguarda il 10% dei casi.
Il vaccino va somministrato solo alle fasce di popolazione raccomandate e ai gruppi a rischio, per mantenere alta la protezione collettiva e individuale dalla malattia. La diffusione della meningite in generale è bassa ed è rimasta costante negli ultimi cinque anni.
L’unica variazione epidemiologica negli ultimi due anni riguarda il focolaio di meningococco C presente in Toscana che è però circoscritto in un’area specifica nella quale la Regione ha immediatamente predisposto l’offerta gratuita della vaccinazione ad una ampia quota della popolazione.
2. Quali batteri causano la meningite?
Tra gli agenti batterici che causano la meningite il più temuto è Neisseria meningitidis (meningococco), oltre a Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e Haemophilus influenzae. Del meningococco esistono diversi sierogruppi, dei quali i più diffusi sono: A, B, C, Y, W135, X.
Il più aggressivo è il meningococco di sierogruppo C, che insieme al B è il più frequente in Italia e in Europa.
3. Quali sono le fasce più a rischio di contrarre l’infezione causata dai diversi tipi di meningococco?
I bambini piccoli (al di sotto dei 5 anni di età) e gli adolescenti, ma anche i giovani adulti sono a rischio più elevato di contrarre infezione e malattia. Per quanto riguarda il sierogruppo B, la maggior parte dei casi si concentra fra i bambini più piccoli, al di sotto dell’anno di età.

4. Quali sono i vaccini anti-meningococco a disposizione ed esattamente contro quali ceppi?
Esistono tre tipi di vaccino anti-meningococco:
• il vaccino coniugato contro il meningococco di sierogruppo C (MenC): è il più frequentemente utilizzato e protegge solo dal sierogruppo C
• il vaccino coniugato tetravalente: protegge dai sierogruppi A, C, W e Y
• il vaccino contro il meningococco di sierogruppo B: protegge esclusivamente contro questo sierogruppo.
5. Sono obbligatori o raccomandati?
I vaccini anti-meningococco sono vaccini raccomandati.
Sono tutti inseriti nel nuovo Calendario vaccinale LEA, incluso nel Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019, ed è previsto siano offerti gratuitamente a specifiche fasce di popolazione, che sono quelle a maggior rischio di infezione.
La scheda vaccinale in vigore prevede:
• la vaccinazione contro il meningococco B nei bambini nel corso del 1° anno di vita (3 dosi al 3°, 4°, 6° mese di vita e 1 richiamo al 13° mese)
• la vaccinazione anti-meningococco C nei bambini che abbiano compiuto un anno di età (1 dose al 13°-15° mese)
• la vaccinazione con vaccino coniugato tetravalente nell’adolescenza, sia come richiamo per chi è già stato vaccinato contro il meningococco C da piccolo sia per chi non è mai stato vaccinato.
Al di fuori delle fasce di età sopracitate, il vaccino è fortemente raccomandato in persone a rischio perché affette da alcune patologie (talassemia, diabete, malattie epatiche croniche gravi, immunodeficienze congenite o acquisite, asplenia, etc.) ed è consigliato anche in presenza di particolari condizioni (lattanti che frequentano gli asili nido, ragazzi che vivono in collegi o dormono in dormitori, reclute militari, e per chiunque debba recarsi in Regioni del mondo dove la malattia meningococcica è comune, come ad esempio alcune zone dell’Africa).

6. Quali sono gratuiti e quali a carico del cittadino?
I vaccini contro la meningite inseriti nel nuovo Calendario vaccinale LEA, incluso nel Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019, sono gratuiti per specifiche fasce di popolazione, che sono quelle a maggior rischio di infezione.
In particolare:
• la vaccinazione contro il meningococco B è gratuita per i bambini nel corso del 1° anno di vita (3 dosi al 3°, 4°, 6° mese di vita e 1 richiamo al 13° mese)
• la vaccinazione anti-meningococco C è gratuita per i bambini che hanno compiuto un anno di età (1 dose al 13°-15° mese)
• la vaccinazione con vaccino coniugato tetravalente è gratuita per gli adolescenti, sia come richiamo per chi è già stato vaccinato contro il meningococco C da piccolo sia per chi non è mai stato vaccinato.
La vaccinazione contro il meningococco B prevede dosaggi diversi a seconda dell’età in cui si inizia a vaccinare, anche se il vaccino è indicato soprattutto al di sotto di un anno di età.
Per quanto riguarda i vaccini contro gli altri agenti batterici della meningite, la vaccinazione contro Haemophilus influenzae tipo b (emofilo tipo b) è solitamente effettuata, gratuitamente, insieme a quella antitetanica, antidifterica, antipertosse, antipolio e antiepatite B, al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino, come da calendario vaccinale italiano. Non sono necessari ulteriori richiami.
La vaccinazione contro lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è offerta gratuitamente e il calendario nazionale prevede la somministrazione di tre dosi: al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino. Il nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale ne prevede l’offerta attiva e gratuita anche ai soggetti di 65 anni di età.

7. Quanto dura l’effetto della protezione vaccinale?
Generalmente, la durata della protezione dipende dal tipo di vaccino e dall’età in cui viene somministrato. Infatti, mentre alcuni vaccini, come quello anti-epatite B, conferiscono una protezione duratura lungo tutto l’arco della vita, per altri vaccini, come quelli contro difterite e tetano, sono raccomandati richiami decennali. Riguardo ai vaccini anti-meningococcici, i dati attualmente disponibili in letteratura non consentono di stabilire la necessità di un richiamo. In Italia, con il nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale, è stata inserita una dose di richiamo nell’adolescenza in quanto è un’età a maggior rischio (seppure sempre molto basso) rispetto al resto della popolazione, per rafforzare la risposta immunitaria ad una eventuale infezione.
8. Qual è il valore del richiamo vaccinale?
Il richiamo di una vaccinazione permette di mantenere elevata la protezione immunitaria individuale nei confronti di una specifica malattia infettiva e garantire, qualora i livelli di copertura vaccinale siano elevati, anche nella popolazione generale l’instaurarsi della cosiddetta immunità di gregge, una specie di scudo di protezione, essenziale a limitare la circolazione di un determinato microbo ed evitare il riemergere di malattie ormai sotto controllo, difendendo così anche le fasce di popolazione più vulnerabili come anziani, bambini molto piccoli ancora non completamente vaccinati e soggetti a rischio.
9. Negli adolescenti va fatta la vaccinazione? E se è stata fatta a un anno di età va fatto un richiamo?
La vaccinazione anti-meningococcica con vaccino tetravalente è raccomandata agli adolescenti, in quanto rientrano tra le categorie a maggiore rischio di contagio, sebbene limitato rispetto ad altre malattie infettive molto più contagiose, come influenza e morbillo. Il nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale raccomanda la vaccinazione nell’adolescenza anche per chi sia stato vaccinato contro il meningococco C da piccolo. Nell’evenienza di soggetti già vaccinati, la dose di richiamo serve a rafforzare la risposta immunitaria ad una eventuale infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.