Cioccolato fondente, verdure e legumi per il giusto valore di ferro. Ideale per chi studia

Secondo quanto riferito dagli esperti sembra che la dieta perfetta per gli studenti sia ricca di verdure, cioccolato fondente e legumi. E’ questo quanto riferito nello specifico dai ricercatori della University of Nebraska-Lincoln secondo i quali l’alimentazione ideale per poter ottenere dei buoni voti a scuola è quella ricca di ferro. I ricercatori pare abbiano effettuato uno studio sul campo, prendendo in esame ben 105 ragazze e donne che frequentavano l’Università tutte di età compresa tra i 18 ed i 35 anni e pare che nello specifico siano state esaminate le loro medie scolastiche dei voti ed il livello di attività fisica. I risultati sono stati sorprendenti, visto che quelle con più alti livelli di ferro accumulato avevano ottenuto i migliori voti e più nello specifico coloro che erano più in forma ed avevano adeguate riserve di ferro risultavano avere dei voti superiori rispetto a chi era meno in forma e con riserve di ferro nutrizionale.

Sulla base di questi dati, dunque, gli esperti consigliano le dosi giornaliere consigliate di ferro, che dovranno essere assunte tramite gli alimenti e nello specifico si parla di 10 milligrammi al giorno.” Migliorare il proprio livello di attività fisica o mantenere un alto livello di allenamento può essere importante per gli studenti universitari. Idealmente dovremmo inoltre considerare che la dieta è appropriata per la prevenzione di carenze nutrizionali”, ha dichiarato il Prof.Karsten Koehler della University Of Nebraska-Lincoln ovvero l’autore dello studio in questione. Dunque, la dieta per lo studente, di cui abbiamo precedentemente parlato, sarà quella ricca di verdure a foglie veri, legumi, cereali, frutta secca come i pistacchi e noci, cioccolato fondente e poi carne rossa ma anche carne di pollo; seguendo questa dieta molto ricca di ferro, secondo i ricercatori, gli studenti potrebbero prendere buoni voti a scuola o all’Università. Il ferro è considerato molto importante per il nostro organismo perchè insieme ad un’attività fisica regolare regala migliori prestazioni scolastiche.

Come abbiamo già sottolineato, il ferro è molto importante per il nostro corpo, perchè è necessario per la formazione dell’emoglobina e la sua attività e secondo quanto riferito dall’Organizzazione mondiale della sanità, sembra in tutto il mondo sono circa 700 milioni le persone che soffrono di carenze di ferro dovute ad una cattiva alimentazione, ovvero priva di cibi ricchi di ferro e squilibrata. E’ importante assumere all’incirca 10 mg di ferro al giorno attraverso l’alimentazione appunto.  Allo stato carenziale di ferro vengono inoltre associati problemi quali la sensazione di affaticamento e la perdita della concentrazione. Non volendo ricorrere all’assunzione di fibra animale, è possibile trovare il ferro in: Spirulina (1 cucchiaino): 5 mg – Soia (1 / 2 tazza): 4,4 mg – Semi di zucca (28 g): 4.2 mg – Quinoa (un etto abbondante): 4 mg – Melassa (1 cucchiaio): 4 mg – Concentrato di pomodoro : 3,9 mg – Fagioli bianchi (1 / 2 tazza) di 3,9 mg – Spinaci (1 / 2 tazza): 3,2 mg – Pesche secche (6 metà): 3,1 mg – Succo di prugne (due etti e 25 g): 3 mg – Lenticchie (un etto abbondante): 3 mg – Cioccolato fondente (100g): 17 mg.

Carenza ferro: conseguenze e cause

Il ferro è necessario per la formazione dell’emoglobina e la sua attività. Secondo OMS, circa 700 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di carenze di ferro dovute da una cattiva alimentazione. Una corretta dieta dovrebbe introdurre giornalmente fino a 10 mg di ferro. Tra le cause della carenza di ferro troviamo appunto una cattiva alimentazione, priva dei cibi ricchi di ferro e squilibrata. Una difficoltà dell’intestino ad assorbire questo minerale a causa di alterazioni gastro-intestinali o abuso di lassativi. Flusso mestruale abbondante, gravidanza, allattamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.