Leadership Pd, Renzi avanti dopo i primi voti degli iscritti

Nel terzo giorno di congressi nei circoli, Matteo Renzi ha preso il 63,95% (580), Andrea Orlando 34,84% (316) e Michele Emiliano 1,21% (11).  «Dopo la netta affermazione al circolo Pd della Hitachi a Pistoia, Renzi vince anche a Piombino nel circolo delle fabbriche tra i lavoratori del siderurgico con 25 preferenze contro le 4 per Orlando», fa sapere il deputato europeo dem Nicola Danti, coordinatore della mozione Renzi in Toscana.  «È un primo dato significativo – sottolinea l’europarlamentare del Pd – Renzi vince nelle fabbriche e tra gli operai. È la riprova del fatto che non parliamo di lavoro nei convegni, ma cerchiamo di difenderlo con i fatti. Al circolo Breda di Pistoia, Renzi è passato dal 25% del 2013, all’85% raggiunto nei giorni scorsi», conclude Danti.

Invece di fare la campagna congressuale solo attaccando gli altri candidati, Emiliano pensi alle proposte per il Paese e per il Pd e magari si ricordi, di tanto in tanto, di governare anche la Puglia, visto che ne è il presidente” conclude Bordo. Parole pronunciate pochi giorni fa: ‘La sinistra rischia di restare sotto le macerie.

“Saremo al lavoro, sul territorio, anche grazie al supporto dei tanti comitati cittadini che stanno nascendo in queste ore, per un congresso vero e partecipato (sia in questa prima fase dedicata al dibattito tra gli iscritti che nella giornata di festa e mobilitazione delle primarie) che possa rafforzare il Pd e il suo ruolo nel quadro politico nazionale e che possa segnare, è questo il nostro auspicio, la conferma di Matteo Renzi alla segreteria nazionale”. Inoltre sono intervenuti: Paolo Aglietti della Cgil, Giovanni Ronchi della Cisl, Paolo Gori di Confartigianato e i saluti di Marcello Gori di Cna, Renzo Modesti della Cia e Mario Cinelli di Confesercenti. “Senza dimenticare il tema dell’innovazione tecnologica, che si affermi però come sostenibile e inclusiva, cioè alla portata di tutte le realtà produttive indipendentemente dalla loro dimensione”.

Ieri infatti l’annuncio di alcuni componenti l’area Orlando, facenti riferimento a Fabrizio Barbaranelli, della non partecipazione alle votazioni per la Convenzione provinciale a causa di presunte irregolarità nel tesseramento; oggi la presa di distanza da questa decisione da parte di altri componenti dell’area, tra cui Stefano Giannini e l’ex segretario Patrizio De Felici. “Siamo felici delle conferme, che sono arrivate durante la discussione, sul Museo di Doccia”.

“Questo congresso arriva a dieci anni dalla nascita del PD e può costituire davvero un momento opportuno per una verifica profonda del cammino percorso e di quello da compiere”.

Il congresso prosegue nei circoli del Pd sestese: l’appuntamento è per venerdì 24 e sabato 25 marzo per i circoli di Colonnata e Cercina e per venerdì 31 marzo e sabato 1 aprile per i circoli Centro, Querceto, Sud Ferrovia e Quinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.