Dieta acqua e limone,10 benefici per dimagrire in modo naturale

0

La bevanda dell’acqua e limone alla caratteristica di sostenere la perdita di peso, questo rimedio infatti, può entrare a far parte di qualsiasi dieta dimagrante, non tanto come sostitutivo di cibi ma in quanto, a determinate importanti caratteristiche: stimola dolcemente il metabolismo in modo naturale modo dolce, supporta le funzioni digestive, e favorisce la disintossicazione. Tutti questi elementi sono fondamentali se vogliamo una perdita di peso corretta.

L’acqua e limone al mattino rientra tra la lista dei migliori rimedi naturali per dimagrire e per chi quindi ha voglia di intraprendere la strada verso la perdita dei grassi e liquidi in eccesso. Inoltre è un metodo utile anche per altri disturbi o, semplicemente per migliorare l digestione.

Bere acqua tiepida e limone è un modo per disintossicarsi e rimineralizzarsi in maniera naturale. Approfondiamo dunque i benefici per la salute dell’acqua e limone.

Tra i maggiori effetti positivi troviamo il miglioramento della digestione. Inoltre, il limone è un potente alcalinizzante, che può aiutare a compensare eventuali situazioni di acidosi.

Come preparare l’acqua e limone

Per dare inizio alla vostra terapia disintossicante e rimineralizzante a base di acqua e limone dovrete seguire alcune indicazioni. Utilizzate acqua di rubinetto a temperatura ambiente o leggermente tiepida. Scegliete sempre limoni freschi, se possibile biologici o coltivati da voi. Evitate il succo di limone confezionato. Spremete mezzo limone in un bicchiere e colmatelo con l’acqua.

E’ bene bere l’acqua e limone al mattino, a digiuno. Evitate l’acqua fredda per la preparazione dell’acqua e limone, poiché richiederebbe un maggior dispendio di energia da parte dell’organismo per l’assimilazione della bevanda. E’ utile grattugiare la scorza dei limoni prima di spremerli, in modo da poterla conservare ed utilizzare per cucinare.

I 10 benefici dell’acqua e limone
1) Migliora la digestione

Il succo di limone stimola la produzione della bile da parte del fegato, necessaria nel coso della digestione. I limoni sono ricchi di vitamine e di sali minerali, che aiutano ad espellere le tossine accumulatesi nel tratto digerente. Le proprietà digestive del limone contribuiscono ad alleviare i sintomi della digestione, come bruciore di stomaco e gonfiore. L’American Cancer Society suggerisce di somministrare acqua e limone ai malati di cancro per stimolare i movimenti intestinali.

2) Depurativa e diuretica

L’acqua e limone ha un effetto depurativo e diuretico. Bere acqua e limone aiuta l’organismo a liberarsi delle tossine, in gran parte poiché questa bevanda stimola la diuresi. Le tossine vengono espulse più rapidamente, garantendo la salute dell’apparato urinario. L’acido citrico presente nei limone contribuisce a massimizzare la funzione degli enzimi che stimolano il fegato e aiutano il corpo a disintossicarsi.

3) Stimola il sistema immunitario

I limoni presentano un elevato contenuto di vitamina C, utile nel contrastare e nel prevenire l’influenza. Sono ricchi di potassio, che stimola la funzionalità dei nervi e del cervello. Il potassio aiuta inoltre a ridurre la pressione sanguigna. La vitamina C ha effetti antinfiammatori e viene utilizzata come aiuto contro l’asma ed altri sintomi respiratori. Inoltre, migliora l’assorbimento del ferro da parte dell’organismo. Il ferro è importante affinché il sistema immunitario funzioni in modo corretto. I limoni inoltre riducono la quantità di muco prodotta nel nostro corpo.

4) Regola il pH

I limoni sono tra gli alimenti più alcalinizzanti. L’acido citrico in essi contenuto infatti non crea acidità nel corpo, una volta metabolizzato. Acido citrico e vitamina C contribuiscono a ridurre i livelli di acidità del sangue. Bere acqua e limone regolarmente aiuta ad evitare una situazione di acidosi nell’organismo. Ad esempio, la presenza di acido urico a livello delle articolazioni è una delle cause principali di infiammazione.

5) Purifica la pelle

La vitamina C e gli antiossidanti contenuti nel limone aiutano a contrastare i danni provocati dai radicali liberi e la formazione delle rughe. La vitamina C è fondamentale per avere una pelle splendente e la sua natura alcalina uccide alcune tipologie di batteri responsabili dell’acne. Essa ringiovanisce la pelle agendo dall’interno dell’organismo.

6) Energia e buonumore

L’energia che riceviamo dal cibo che mangiamo deriva dagli atomi e dalle molecole che lo compongono. Il limone ed il suo succo contengono ioni negativi che permettono di donare all’organismo maggiore energia durante la digestione. L’aroma di limone possiede inoltre la proprietà di stimolare il buonumore e di ridurre ansia e depressione.

7) Guarigione

La vitamina C contenuta nel succo di limone stimola la guarigione delle ferite ed è un nutriente essenziale per mantenere la salute delle ossa, del tessuto connettivo e della cartilagine. Possiede inoltre proprietà anti-infiammatorie. La vitamina C contribuisce al mantenimento di una buona salute e al suo recupero dopo la malattia o un infortunio.

8) Rinfresca l’alito

I linoni rinfrescano l’alito, aiutano a liberarsi dal mal di denti e dalla gengivite. L’acido citrico contenuto nei limoni può erodere lo smalto. Per questo motivo si consiglia di attendere per un po’ di tempo nel lavarsi i denti dopo aver bevuto acqua e limone, o di lavarli prima di berla. E’ utile inoltre risciacquare la bocca con della semplice acqua dopo aver bevuto acqua e limone. Per proteggere lo smalto, si consiglia inoltre di assumere la bevanda con una cannuccia.

9) Idratazione

L’acqua e limone contribuisce all’idratazione dell’organismo e supporta il sistema linfatico. Se l’organismo non risulta idratato a sufficienza, possono insorgere alcuni sintomi, tra i quali troviamo stanchezza, scarse difese immunitarie, stress, mancanza di chiarezza mentale e di energia, pressione alta o troppo bassa, insonnia e stitichezza.

10) Dimagrire

Bere acqua e limone può stimolare la perdita di peso. I limoni sono ricchi di pectina, una fibra che aiuta a contrastare la fame improvvisa. Alcuni studi hanno dimostrato che coloro che seguono una dieta alcalinizzante riescono a perdere peso più rapidamente.

Ecco che vi spieghiamo il tutto nei dettagli.

ACQUA E LIMONE AL MATTINO PER DIMAGRIRE
Da poco è stato scoperto che assumere acqua e limone al mattino può aiutare la perdita di
peso in modo naturale ed economico anziché spendere un sacco di soldi in prodotti dimagranti che talvolta non fanno bene alla salute. Una volta svegli al mattino, basta scaldare una tazza di acqua e aggiungere il succo di un limone spremuto e un cucchiaino di miele possibilmente biologico. Andate avanti quotidianamente in questo modo, unendo anche l’attività fisica e pian piano potrete notare gli effetti positivi sulla vostra linea e non solo.

ACQUA E LIMONE AL MATTINO PER MIGLIORARE LA DIGESTIONE

Un altro effetto benefico di questa “terapia naturale” è quello di migliorare la digestione, agendo positivamente anche su bruciore di stomaco. Ovviamente è sempre bene associare una corretta alimentazione, in modo da tenere sotto controllo la situazione.

ACQUA E LIMONE AL MATTINO PER AUMENTARE LE DIFESE IMMUNITARIE
La vitamina C contenuta nel limone aiuta l’aumento di difese immunitarie, in modo da prevenire i malanni stagionali come raffreddore e influenza, ma anche per mantenere un buon equilibrio psico-fisico grazie ai sali minerali come calcio, potassio e magnesio.

ACQUA E LIMONE AL MATTINO, PROPRIETA’ ANTISETTICHE
Non mancano le proprietà antisettiche e battericida del limone, in grado di combattere e
prevenire infezioni. Assumete sempre una tazza di acqua tiepida al mattino assieme al suo
succo e aggiungete un cucchiaino di miele.

ACQUA E LIMONE AL MATTINO IN CASO DI ANEMIA E PATOLOGIE GRAVI
In caso di anemia, effettuate questo trattamento ogni giorno, indicato anche per soffre di
diabete. Inoltre un bicchiere di acqua e limone è in grado di prevenire il tumore all’intestino.

IL TRATTAMENTO DEPURATIVO DEL LIMONE BOLLITO

Si effettua per circa due mesi; il metodo appartiene alla tradizione naturopatica.
COME PROCEDERE
La sera si fa bollire a fuoco molto basso, per 15 minuti, con coperchio, un limone biologico*
in circa uno o due bicchieri di acqua pura, dopo averlo tagliato a cubetti. Si lascia riposare la notte; il mattino dovrà essere depositato sul fondo (altrimenti la volta successiva, bollire qualche minuto in più). Assumere a digiuno; intiepidire, filtrare bere il decotto a piccoli sorsi, assieme ad un cucchiaino di olio di lino, spremuto a freddo, oppure un cucchiaio di olio di girasole, o sesamo, spremuti a freddo. Oppure un cucchiaio di altro olio, che li contenga. Alcune persone riescono ad assumere anche l’estratto di due limoni bolliti con altrettanti bicchieri d’acqua precedentemente uniti. Bene, se ciò è gradito, perché così si intensifica la terapia. In tal caso, iniziare con i due limoni + acqua, bolliti, dopo circa 3-4 giorni da quando si è cominciato con un limone + acqua, bollito.

L’arancio, il mandarino ed il pompelmo non sono datti per questo metodo, non manifestando gli stessi effetti del limone. Anzi, alcune persone, con arancio e mandarino, ed in misura minore con il pompelmo, possono lamentare gas o colite, dovuti a intolleranza agli stessi, i quali contengono alte frazioni di acido tartarico, ritenuto uno dei responsabili principali del fenomeno, presente solo in tracce nel limone.

Con il limone bollito si evita inoltre, in genere, il fenomeno della stitichezza temporanea,
perchè gli estratti amarognoli della decozione (= bollitura) dei semi e della scorza sono dei validi stimolanti del succo biliare e della peristalsi (= regolare movimento intestinale).

EFFETTI DEL TRATTAMENTO
Il limone ha un sapore acidulo (tonico epatico secondo la Medicina Tradizionale Cinese),
ma sviluppa una reazione finale basica nei tessuti (dovuta ai carbonati presenti), molto utile per il riequilibrio del pH tessutale (equilibrio dell’acidità-basicità). L’olio essenziale, estratto in parte con la bollitura, è un ottimo drenante linfatico. Gli oli spremuti a freddo** provocheranno una leggera stimolazione biliare, ma essendo polinsaturi (a differenza dell’olio d’oliva, monoinsaturo, o del burro, saturo) non causeranno un affaticamento digestivo particolare.

Inoltre, a differenza dei citati olio d’oliva e burro, i primi contengono alte frazioni del gruppo della vitamina “F” (acidi polinsaturi essenziali linolenico e linoleico), preziosi precursori delle prostaglandine i tipo 1 e 3, ad azione antinfiammatoria, ed anche stimolanti in forma naturale la produzione di alcuni ormoni. In sintesi, il limone contiene varie sostanze che promuovono un’azione di drenaggio epatico e renale, ovvero esso “depura” l’organismo.

Vitamine e minerali
Se il dimagramento avviene lentamente e, nel contempo, si rieduca l’intero organismo a un nuovo modo di nutrirsi, la pelle non perde tono ed elasticità.
Quando si parla di diete insensate, ci si riferisce a diete che, privando la persona che sta dimagrendo di alcune sostanze essenziali, la si priva, nel contempo, di vitamine minerali e altro con effetti disastrosi anche per tutto l’organismo.
Cerchiamo di spiegare meglio che cosa vuol dire un’alimentazione ricca di vitamine: le vitamine si possono comperare come tutti sanno dal farmacista in barattoli e barattolini, ma è più sano prenderle direttamente dal cibo che, se scelto con giudizio e con un minimo di cognizione di causa, ci fornisce tutto quello di cui abbiamo normalmente bisogno.
Tra l’altro le vitamine contenute negli alimenti naturali sono quelle che vengono meglio assimilate.
Per esempio la vitamina C contenuta negli agrumi, quando viene ingerita al naturale, mangiando cioè un’arancia o un pompelmo, è accompagnata da particolari sostanze chiamate flavonoidi che ne aumentano gli effetti.
La stessa cosa si può dire dei minerali che molta frutta e verdura contengono, è più efficace assorbirli direttamente attraverso l’alimentazione che prendendo pillole.
Quindi per avere una pelle sana e soda anche dopo una cura dimagrante è importante attenersi ai suggerimenti che seguono.
Vitamina C: mangiate ogni giorno un agrume; d’estate potrete bere una spremuta di pompelmo. Ricchi di vitamina C sono anche i kiwi, i pomodori, il crescione, il cavolo, le fragole.
Mangiate a ogni pasto un frutto o una verdura cruda, almeno una volta al giorno, ma meglio se piu volte. Se fumate molto, dovete ricordare che il vostro fabbisogno di vitamina C aumenta.
Cercate di fare in modo che la vostra provvista di verdura e frutta sia il più fresca possibile, ma nel contempo non abbiate paura di usare della frutta o verdura surgelata: a volte contengono piu vitamine di quelle fresche, che prima di arrivare sulle nostre tavole subiscono tutta una serie di trasporti che ne sciupano la freschezza e non migliorano certo il loro valore nutritivo.
Ricordate anche che la vitamina C è fragile e non sopporta il calore, conservate quindi nelle migliori condizioni gli alimenti che la contengono.
Vitamina B1 : fate uso, come abbiamo già scritto nel capitolo che precede e in quello sulla dilatazione, di pane e cereali integrali. Mangiate regolarmente della carne magra di maiale o del prosciutto magro.
Non dimenticate le uova: almeno tre alla settimana.

Vitamina B2: mangiate regolarmente del fegato o del rognone. E contenuta anche nei fagioli e nei legumi secchi oltre che nei funghi. E in buona quantità nei formaggi “blu” come gorgonzola e simili.
Vitamina B in generale: consumate del lievito di birra che contiene tutte le vitamine del gruppo B. Se non amate il suo particolare sapore amarognolo, prendetelo in pillole secche. Mangiate di tanto in tanto un po’di frutta secca.
Limitate il vostro consumo di alcool e di zucchero: più ne fate uso, infatti, più aumenta il vostro fabbisogno di vitamine.
Vitamina A: anche se siete a regime mangiate un poco di burro crudo, almeno 10 g al giorno. Anche per questa vitamina è bene mangiare del fegato e delle uova.
Oltre a ciò essa è contenuta nel crescione, nella lattuga, negli spinaci, nei mirtilli, nelle carote e nelle albicocche, nelle pesche e nel granoturco.
Fate uso di germe di grano regolarmente, esso contiene la vitamina E e molte altre.
Non privatevi del latte.
Per quanto riguarda i minerali sappiate che seguendo una dieta equilibrata e contenente un po’di tutto, cereali, verdura, frutta ecc., sarà difficile che vi manchino.
Mangiate di tanto in tanto dei datteri freschi e delle patate almeno tre volte la settimana. Bevande
Come abbiamo già detto, bisogna evitare le bevande gasate rhe gonfiano e quelle inutilmente zuccherate che ingrassano. Cosa bere allora? e quando?
Bevete a digiuno, in quantità moderate per non dilatare il vostro stomaco, ma è buona abitudine non privarsi di liquidi, essi disintossicano, aiutano a vincere la costipazione e oltretutto è assai spiacevole mangiare senza bere.
Quindi: — un bel bicchiere d’acqua o una tisana al mattino, ottima è la tisana di piccioli di ciliegie, leggermente diuretica, che favorisce l’eliminazione delle tossine; — un altro la sera; — un poco a tavola, ma veramente poco; — del tè leggero o del caffè durante il giorno, per esempio il caffè al mattino durante una pausa di lavoro, il tè durante il pomeriggio; — evitate le bevande zuccherate, succhi di frutta confezionati, o simili; preferite le spremute naturali; — evitate l’alcool che fa ingrassare e, dato che grasso e pancia sono assai spesso strettamente legati…
Non vogliamo dire che dobbiate rinunciare a un bicchiere di vino, semplicemente esercitate una certa moderazione, cercate di non bere liquori e aperitivi.
Sgrassate il brodo. Bevete invece del tè, se vi piace il suo sapore, l’acqua in cui avete fatto cuocere la verdura, soprattutto la verdura verde, come i fagiolini, i broccoli o simili, essa è assai ricca di minerali di cui il vostro fisico ha bisogno ed è un vero peccato che venga spesso buttata.

La pancia: perchè
Per eliminare davvero una pancia ben insediata da vari anni, dovrete avere costanza e pazienza e non aspettarvi dei miracoli.
Non si eliminano in quattro e quattr’otto delle abitudini che si sono protratte per anni e anni, ma se sarete perseveranti otterrete davvero dei buoni risultati.
In ogni caso una volta raggiunto il risultato desiderato dovrete continuare a mantenere le buone abitudini acquisite, se non volete che il problema si ripresenti.
Le cause possono essere varie: non tutti quelli che hanno la pancia sono grassi, ma se siete grassi avrete sicuramente la pancia oltre a tutto il resto! Se siete magri in tutto il corpo, ma avete la pancia, significa che la vostra alimentazione è probabilmente inadatta a voi e alla vita che conducete, oppure è una cattiva alimentazione tout court che va cambiata radicalmente con grande vantaggio generale anche per la vostra salute (pelle più bella, capelli e unghie piu robusti, figura più soda e più slanciata in generale, oltre che più energia e più resistenza alle malattie!).
La vostra pancia potrebbe anche essere aggravata da un antiestetico rilassamento cutaneo reso, a sua volta, più evidente dalla mancanza di esercizio fisico.
Il portamento della schiena, come abbiamo già accennato, influenza anch’esso l’aspetto dell’addome, ma di questo parleremo in un capitolo a parte.
Ricordate però che in ogni caso e qualunque sia la causa o le cause specifiche della vostra pancia, non potrete mai eliminarla senza fare ginnastica poiché i muscoli di questa parte del corpo non hanno molte occasioni di lavorare e di esercitarsi con i movimenti normali che una persona compie durante una giornata lavorativa, fatta eccezione per pochi che compiono particolari tipi di lavoro.
Suggerimenti e consigli utili
La prima cosa, quindi, che dovrete fare dopo aver letto questo libro sarà esaminare con onestà le possibili cause della vostra pancia così da poter mettere a punto un piano di battaglia per poterla eliminare e per imparare a far sì che non ritorni mai plU.
In genere le cause sono molteplici, non si illuda chi, per esempio, ha la pancia a causa di un’alimentazione sbagliata o eccessiva di poter riequilibrare la propria alimentazione, potendo poi continuare come se niente fosse a condurre una vita assolutamente sedentaria.
O, al contrario, di buttarsi a fare delle vere e proprie orge di ginnastica sbagliatissimo perché bisogna allenarsi molto gradualmente – seguite da orge altrettanto entusiastiche di ravioli e meringhe con panna, innaffiate da vino e birra a garganella.
E non illudetevi di risolvere il difficile problema del rilassamento cutaneo, senza fare degli esercizi addominali, perché la pelle è pur attaccata a qualche cosa e non è certo sufficiente far uso di creme cosmetiche.
Quindi, fatto un esame delle possibili cause della vostra pancia, che sono sicuramente diverse dalle cause che provocano lo stesso identico problema in altre persone, potrete incominciare a fare qualcosa in proposito.
Ci permettiamo di darvi alcuni consigli.
Se parlerete di tutto ciò con amici e conoscenti come spesso accade, dovrete sicuramente ascoltare i sospiri di molti sconfitti che vi diranno che, dopo aver tentato tutto ciò che è possibile tentare, si sono rassegnati a vivere con la pancia, oltre che magari con la cellulite e tutto il resto possibile: le rughe, l’adipe e le smagliature, perche non c’è proprio niente da fare.
Vi consigliamo caldamente di non farvi scoraggiare, la maggior parte della gente non ha veramente provato, oppure, il che è peggio, ha fatto mille tentativi incoerenti e incostanti, imbrogliando se stessa e buttando molti soldi al vento, senza perseverare in nessuno di questi, con l’illusione piissima che si possa eliminare del grasso e che si possa rimediare a uno stato di incuria, durato magari degli anni, stando sdraiati in poltrona o ancor peggio in bagni di schiuma venduti come miracolosamente dimagranti.
Continuate nei vostri sforzi senza farvi scoraggiare da chi non ha perseverato. Non scoraggiatevi neppure se non vedete subito dei risultati eccezionali.
Il vostro problema non è uguale a quello di nessun altro, è il vostro problema, può darsi che vi siate veramente trascurati nel passato e che ci voglia un po’di tempo per poter vedere i primi risultati.
Abbiate pazienza soprattutto con voi stessi: se rompete la dieta, se saltate la ginnastica per un po’, concedetevi il perdono e ricominciate pazientemente senza fare tragedie né rassegnarvi; preparatevi piuttosto a una strategia a lungo termine. Per quanto riguarda la ginnastica ricordate che non è sano fare solo esercizi per i muscoli addominali e, in generale, solo per una parte del corpo, trascurando tutto il resto.
In altri libri di questa stessa collana troverete dei corsi completi di ginnastica, ma se volete, in ogni caso, concentrarvi in alcuni giorni della settimana solo e unicamente sulla pancia, fate per prima cosa, sempre, alcuni esercizi di riscaldamento.
Questa raccomandazione non è senza una ragione precisa: prima di tutto all’inizio di qualunque sessione di ginnastica bisogna riscaldare i muscoli, questo diminuisce grandemente il rischio di farsi male o prendersi piccole storte; in secondo luogo questo migliorerà la circolazione di tutto il corpo; inoltre gli esercizi addominali, come avrete modo di constatare, se li eseguirete per davvero, sono piuttosto faticosi per chi non è esercitato, soprattutto se è da molto tempo che non praticate nessuna attività fisica.
Per questa ragione non potete scaldarvi direttamente con essi.
Cominciate con pochi addominali e cercate di farli ogni giorno, o almeno cinque volte alla settimana aumentandone gradualmente il numero con una certa dolcezza e prudenza.
Un discorso particolare riguarda chi ha la schiena delicata (non parliamo di chi ha disturbi gravi alla schiena poiché queste persone dovranno rivolgersi a un medico e molto probabilmente fare della ginnastica correttiva); queste persone dovranno fare degli esercizi particolari, molto spesso gli addominali eseguiti correttamente rinforzano la muscolatura dorsale, la cui debolezza è responsabile, in molti casi, di molti mal di schiena senza ragione apparente, dopodiche potranno passare agli esercizi di più difficile esecuzione.
Il cattivo portamento della schiena peggiora quello di tutto il corpo e modifica il profilo di esso; la lordosi, per esempio, fa sì che si “butti” l’addome in avanti dando l’impressione di “pancia”, anche se e minima o quasi inesistente. Non trascurate quindi questo aspetto del problema.
Ma se i difetti della vostra schiena sono di piccola entità, potrete risolverli facendo dell’esercizio fisico e irrobustendo il tono dei muscoli di tutta questa parte del corpo assai trascurata. Troverete a questo proposito alcuni esercizi appositamente studiati.
Per riassumere: quali sono in generale le cause della pancia? Un’alimentazione eccessiva e scorretta che causa uno stato di dilatazione, la mancanza di esercizio fisico adeguato, e, scendendo nei particolari, a tutto questo si possono sommare altre cose come il rilasciamento cutaneo, il cattivo portamento della schiena, l’obesità generale di cui la pancia non è che una parte, oltre che rigonfiamenti temporanei come quelli dovuti alla tensione premestruale o semplicemente a tensione.
Cause che determinano la comparsa della pancia
Pancia o non pancia?
Prima di tutto guardatevi allo specchio con onestà: avete per davvero la pancia oppure state solamente cercando di assomigliare a quegli indossatori o indossatrici magrissimi che vi sorridono dalle pagine delle riviste? Se per davvero vi pare di avere la pancia potrete esserne più sicuri facendo una piccola prova casalinga: pizzicatevi la pelle dell’addome tra il pollice e l’indice, se tra le dita quello che riuscite, per così dire, a pizzicare è più di circa due centimetri avete sì un po’di pancia, se è di più molta pancia (in quel caso lo vedete anche senza fare questa prova).
In ogni altro caso, se il grasso superfluo è molto o tale da diventare sintomo di obesità, sarà meglio che consultiate un medico; se, invece, siete solo cicciottelli…
armatevi di un po’di coraggio e di molta buona volontà.
La dieta giusta
E bene percio anche dire che, come provano molte ricerche mediche di dietologi come Tremolières e Apfelbaum, se avete molte volte provato ad allontanarvi da un certo vostro peso che tende a ristabilirsi qualunque cosa voi facciate e a dispetto di qualunque dieta, forse è meglio che rimaniate come siete? a meno che, come dicevamo prima non siate obesi e abbiate bisogno di serie cure mediche.
E bene anche precisare che, se decidete di stare a dieta, sarà bene che non seguiate una dieta astratta ed esagerata, inventata in qualche misteriosa clinica americana, lontana dalle vostre abitudini e dai vostri gusti, che vi deprimerebbe poiché, oltre a tutto, non riuscirestc ncppure a mantenervi fedeli a essa per piu di qualche settimana, ma piuttosto una dieta equilibrata e non priva di qualche piatto gustoso e ben fatto, magari decisa e composta da voi stessi con l’aiuto di un libro o più che vi diano dei consigli utili.
In questo modo non vi parrà imposta dall’esterno e potrete migliorarla e aggiustarla cammin facendo.
Non esiste una dieta ideale, esistono dei soggetti, ognuno dei quali con delle abitudini e dei bisogni oltre che dei consumi energetici differenti: mangiare poi non è solo un’operazione fisica ma anche un azione profondamente mentale e spirituale, che rappresenta per noi molte cose, piacevoli o non, e non si può impunemente privare da un giorno all’altro una persona di un minuto piacere o di un grande piacere senza che essa non collabori.
Oltre a ciò, non siamo macchine e il cibo non è solo qualcosa di solido e liquido che indifferentemente ci va giù per la gola.
Studiando la vostra dieta, dovrete tener conto di tutte queste cose e anche del fatto che non esistono misure ideali, alcune persone dall’ossatura robusta se volessero divenire filiformi andrebbero incontro solo a frustrazioni continue, mentre. imparando a volere un po’di bene a se stesse cosi come sono, può darsi che scoprano di avere una loro bellezza giunonica cd abbondante che non ha nulla da invidiarc agli sncllissimi modelli pubblicitari o ad attori e attrici”alla moda’.

La dilatazione
Detto questo e chiaro che non e possibile parlare della pancia senza parlare di tutta l’area della vita e dello stomaco.
Ciò non riguarda solo le donne ma anche gli uomini che spesso hanno un bel cuscino di grasso all’altezza della vita e dello stomaco.
E di fatto questa è una pancia dovuta in gran parte, specie se la persona in questione non è in generale grassa, alla dilatazione.
Se la pancia è causata da seri disturbi dell’apparato digerente non vi resta che andare da un dottore, ma se non avete nessun vero disturbo del genere, sarà bene che analizziate le vostre abitudini alimentari.
La tensione premestruale
Facciamo quindi anche un breve accenno al gonfiore tipico che e dovuto alla tensione premestruale.
Se si presenta in forma grave consultate un ginecologo, ma se è nella norma attenetevi a semplici regole di buon senso: quelle regole che vi guidano quando vi sentite più delicati o stanchi del solito.
Cercate di non stancarvi o prender freddo, riposatevi un po’più del solito, una tisana di malva è assai decongestionante, bevetela a letto, al caldo.
In quei giorni se vi sentite molto più gonfia del normale, è molto importante che scegliate un tipo di alimentazione che non incoraggi la dilatazione seguendo le semplici regole descritte nei paragrafi precedenti.
Non prendete diuretici che non vi siano stati ordinati da un medico e non ascoltate i cosiddetti consigli delle amiche, che fanno questo o quello e prendono questa o quella medicina; un medico può dare medicine diverse a persone completamente differenti per il loro equilibrio generale e ormonale.
Se non avete disturbi gravi seguite semplicemente quello che il vostro corpo vi suggerisce e imparate ad ascoltarlo con più attenzione!
Le abitudini alimentari
Qui ci limiteremo a esaminare con cura le abitudini che portano a mangiare in un certo modo, magari affrettato, in un luogo affollato, in piedi, guardando l’orologio, oppure pensando che bisogna andare a prendere i bambini che escono da scuola, ecc., poiche anche la tensione nervosa provoca un malessere generale e il rigonfiamento dello stomaco ne è una conseguenza. Cercate quindi di controllare non solo la quantità di ciò che mangiate, ma soprattutto anche la qualità del vostro rapporto con tutta l’operazione “cibo”; cercate anche se siete a dieta di mangiare con un minimo di calrma5 in un luogo che vi piaccia almeno un po’e dove non si prendano troppe gomitate; se vi capita di mangiare spesso un panino al bar cercate almeno di sedervi e, se il bar non vi piace, cambiatelo.
Le abitudini alimentari si contraggono durante l’infanzia e credo che sia capitato a tutti noi di conoscere intere famiglie di gente grassa e tonda, non sempre “bella grassa” come dice la comune espressione, e non sempre felice di esserlo, ma che, ciononostante, continuava a ingozzare i propri bambini di ogni sorta di dolciumi e leccornie come se stessero per morire di fame, probabilmente per dimostrare loro un affetto che si può manifestare in altro modo che non destinando i propri figli ad essere obesi.
A tutti noi pare, la cosa più naturale del mondo mangiare questo o quello perché l’abbiamo sempre fatto, ci siamo abituati profondamente a quel certo sapore e a quella certa quantità e poi nessuno ci ha mai insegnato a mangiare diversamente o ci ha detto che certi mali piccoli o grandi che abbiamo imparato ad accettare come incurabili, con rassegnazione, non lo sono per nulla ma si possono invece eliminare cambiando le proprie abitudini alimentari.

Rispondi o Commenta