Dieta shock: Beve 8 litri di acqua e digiuna per tre giorni, donna 65enne in fin di vita

Una 66enne è stata ricoverata d’urgenza all’ospedale Cannizzaro tre giorni fa, dopo essere entrata in stato soporifero. Aveva appena iniziato una dieta ferrea.

Questi accorgimenti e questo digiuno avrebbero avuto l’obiettivo di depurare il corpo della donna dai tanti farmaci che aveva purtroppo assunto in passato per via di alcuni dolori muscolari, ma la donna è finita in ospedale ed ha ottenuto soltanto un ricovero d’urgenza in rianimazione. La signora è stata ricoverata tre giorni fa all’ospedale Cannizzaro con codice rosso, dopo essere stata trasportata da un’ambulanza del 118. Dopo la visita anestesologica e neurologica, i medici hanno subito iniziato una terapia della correzione dei valori che dalle analisi effettuate erano risultati fuori dalla norma; la cura sembra aver sortito gli effetti sperati e nella giornata di ieri sono tornati nella norma. “La paziente è entrata in Pronto Soccorso in codice rosso il giorno 5 febbraio tramite 118, in stato soporoso. I medici hanno compreso subito la gravità e, dopo visita anestesiologica e neurologica, è iniziata la terapia della correzione dei valori, che erano estremamente fuori norma. L’indomani la paziente è stata ricoverata nel reparto di Anestesia e Rianimazione, dove la terapia è proseguita. Oggi le condizioni si sono riequilibrate e nei prossimi giorni la donna potrà essere dimessa dalla Rianimazione”, hanno spiegato i ricercatori.

Nei prossimi giorni, la paziente potrà essere dimessa dalla rianimazione, ma il suo percorso di recupero sarà un pò più lungo. Non si tratta del primo caso, visto che lo scorso dicembre un’altra donna di 59 anni era finita in ospedale dopo aver bevuto diversi litri di acqua; la donna, inglese, è salva grazie al pronto intervento dei medici che l’hanno praticamente salvata. Da quanto raccontato dalla stessa, sembra che accusasse un’infezione alle vie urinarie e per questo motivo il medico le aveva consigliato di bere di più, ma sembra che la donna abbia superato la quantità consigliata fino a sentirsi male ed infatti dopo essere visitata, i medici hanno riscontrato che i livelli di sodio nel sangue erano particolarmente bassi.

Bere troppa acqua può essere pericoloso: se ingerita in un breve lasso di tempo può dare sintomi vicini a quelli di un’overdose. Sembrerebbe proprio di si, l’incredibile vicenda è stata riportata dal quotidiano inglese Daily Mail e racconta la storia di una donna di 59 anni che su consiglio medico avrebbe dovuto bere un bicchiere d’acqua ogni 30 minuti, per contrastare un infezione alle vie urinarie. Gli esperti del King’s College Hospital di Londra hanno subito studiato questo caso e hanno iniziato a fare alcune indagini mettendo in discussione la classica raccomandazione che bere tanto fa bene. La donna aveva bevuto davvero troppo e quindi l’acqua aveva diluito determinate sostanze che si trovavano nel sangue.

Un medico ha spiegato: ”Consigliamo sempre ai nostri pazienti di bere molta acqua e di rimanere ben idratati, soprattutto nel momento in cui non si sentono bene. Ma, cosa intendiamo realmente con queste parole? Ci sono dei rischi potenziali in questo consiglio innocuo?” Il Dottor Imran Rafi, ha sottolineato: :”Incoraggiamo i nostri pazienti a bere di più nel momento in cui mostrano sintomi come disidratazione, sensazione di secchezza o urine di colore scuro. Non c’è un avviso generale su quanta acqua una persona debba bere al giorno per stare in salute, la chiave è quella di continuare a mantenersi idratati e avere urine chiare, è uno dei primi accorgimenti. Questo caso, dimostra che un eccessivo consumo di acqua, come tantissime altre cose, può avere importanti conseguenze.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.