Emergenza incendi in Piemonte, evacuata una casa di riposo a Susa

Continua l‘emergenza incendi in Piemonte e purtroppo sopra Susa il fumo ha invaso il cielo e la cenere cade ormai da giorni come pioggia, rendendo l’aria davvero irrespirabile. Le montagne sopra la valle bruciano da ormai più di una settimana ovvero da domenica 22 ottobre e il paese nelle scorse ore è stata evacuata anche una casa di riposo con 180 anziani. La situazione però sembra sia stata definita più grave nel comune di Mompantero dove circa 450 residenti su 600 sono stati costretti a lasciare le proprie abitazioni e il sindaco ha disposto la chiusura delle scuole. Il presidente dei comuni della Valle Sandro Plano sindaco di Susa in un comunicato Ha dichiarato che la popolazione è preoccupata per la cappa di fumo che incombe sulle case e sulle vie. Come già abbiamo riferito, circa 194 ospiti in una casa di riposo Susa in provincia di Torino ed esattamente a San Giacomo sono stati evacuati in seguito agli incendi che ormai da giorni minacciano la zona.

Nella città è stato predisposto ma soltanto in via preventiva un centro di accoglienza capace di ospitare circa 200 persone ma il fuoco pare continui a minacciare anche le abitazioni e proprio per questo motivo la Croce Rossa ha disposto che gli anziani ospiti della casa di riposo vengano portati via. Cinque di loro sono stati trasferiti in ospedale a causa delle condizioni di salute, ma in totale sono ormai circa 600 le persone evacuate dalle zone della Val di Susa che è devastata dagli incendi. Intervenuto l’assessore all’ambiente della Regione Piemonte Alberto Valmaggia, il quale ha dichiarato che non ci sarebbe alcun pericolo per casa e persone anche se la situazione resta critica.

Nella giornata di ieri sono continuate le opere di spegnimento su quattro incendi attivi nei comuni di Varese, Tavernerio, Forcola e Tremosine rispettivamente in provincia di Como, Sondrio e Brescia e la sala operativa di regione Lombardia assieme alla sala operativa dei vigili del fuoco di Curno, hanno coordinato le attività di spegnimento con elicotteri e personale di terra.

Proprio a Campo dei Fiori in località Rasa pare sia ancora attivo un incendio dallo scorso 26 ottobre al fine di spegnere definitivamente le fiamme sono stati attivati i volontari AIB e parco del Ticino. In località Tavernerio invece sembra essere attivo un incendio dello scorso 27 ottobre e ha visto impegnate la comunità montana triangolo Lariano ho un elicottero regionale dalla base di Talamona e un canadair.  La Coldiretti ha fatto sapere che dallo scorso mese di gennaio sono andati a fuoco o il 340000 ha in tutta Italia un fatto aggravato dalla siccità di ottobre con un calo delle piogge in particolare al nord del 54% rispetto alla media con punte del 98% in Piemonte e del 67% in Lombardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.