Facebook fa male alla salute e rende infelici, lo studio shock Usa

0

Facebook fa male alla salute e può rendere più infelici, è questo quanto emerso da uno studio pubblicato dall’American Journal of Epidemiology secondo cui vi sarebbe una stretta connessione tra l’utilizzo del social network, lo stato di salute e la soddisfazione personale dell’utente. Sono Holly Shakya, professore all’Università della California a San Diego e Nicholas Christakis, direttore dello Human Nature Lab a Yale, gli autori dello studio i quali hanno monitorato la salute mentale e le vite sociali di circa 5208 adulti, accedendo alle attività su Facebook dei soggetti esaminati per un periodo di tempo di circa 2 anni, ovvero tra il 2013 e il 2015; nello specifico pare che gli autori dello studio abbiano esaminato tutte le informazioni relative alla loro salute ma anche alla loro vita sociale e sull’uso di Facebook, informazioni monitorate giorno per giorno.

I risultati dello studio in questione hanno dimostrato che generalmente l’utilizzo di Facebook non è associato al benessere e nello specifico la ricerca sottolinea che ad esempio, se alla pubblicazione di un post non corrisponde un tot di numero di mi piace giudicato sufficiente, vi sarebbe un peggioramento del 58% dello stato fisico e mentale. “Questi risultati possono essere rilevanti anche per altri tipi di social network.La cosa complicata dei social media è che mentre li usiamo, abbiamo l’impressione che ci stiamo impegnando in un’interazione sociale significativa. I nostri risultati suggeriscono invece che la natura e la qualità di questo tipo di connessione non sostituiscono l’interazione del mondo reale di cui abbiamo bisogno per una vita sana”, osservano Holly B. Shakya e Nicholas A. Christakis, autori dello studio.

La ricerca in questione ha consentito, dunque, ai ricercatori di fare una mappa accurata dei soggetti esaminati riguardo l’uso del social network compreso, come abbiamo visto, il numero di like e la periodicità dell’aggiornamento del loro stato e la conclusione è stata la seguente ovvero, che l’utilizzo del social network è strettamente legato ad una salute fisica e psicologica peggiore. Facebook d’altro canto non è stata a guardare e ha risposto allo studio con un’ altra ricerca, effettuata dal professor Rober Kraut della Carnegie Mellon University, secondo il quale gli effetti di Internet dipendono dalla quantità di tempo che l’utente trascorre on line dunque, da come e da quanto internet viene utilizzato, aggiungendo ancora che gli utenti che su Facebook hanno ricevuto più commenti e dunque più mi piace, godono di una soddisfazione sociale più alta dal 1 al 3% rispetto agli altri.

“Le interazioni faccia a faccia migliorano il benessere. Con l’ubiquità dei social media sono emerse importanti questioni sull’impatto delle relazioni” hanno affermato gli studiosi, “Abbiamo esaminato le associazioni che ci sono tra l’attività di Facebook e lo stato di salute fisica, mentale e la soddisfazione di vita”, aggiungono i ricercatori.

Rispondi o Commenta