Femminicidio,il Senato dice si alla Commissione d’inchiesta: formata da 20 senatori, durerà in carica 1 anno

Proprio alla luce degli ultimi fatti di cronaca, nella giornata di ieri l’Aula del Senato ha approvato all’unanimità, ovvero 227 si e solo 5 astenuti, l’istituzione di una Commissione d’inchiesta monocamerale contro il femminicidio e contro ogni forma di violenza di genere. Secondo quanto sancito dall’articolo 1, la Commissione durerà in carica un anno entro il quale dovrà presentare la relazione conclusiva; questa Commissione, da quanto è emerso sarà composta da 20 senatori con poteri analoghi a quelli della magistratura e come abbiamo anticipato, resterà in carica un anno. Nello specifico, la Commissione durante quest’anno dovrà svolgere delle indagini sulle reali dimensioni, condizioni, qualità e cause del femminicidio, ed ancora monitorare la concreta attuazione della Costituzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. I compiti della Commissione, saranno ancora quelli di accertarsi delle possibili incongruità e carenze delle normativa vigente, accertare la capacità di intervento delle autorità e delle pubbliche amministrazioni sia in campo di prevenzione che di assistenza ed ancora dovrà proporre delle soluzioni di carattere legislativo e amministrativo per migliorare la prevenzione e tutelare meglio le vittime di violenza di genere.

Gli articoli 4, 5 e 6 riguardano la composizione della Commissione, l’obbligo del segreto e l’organizzazione interna. I componenti saranno obbligati al segreto per tutto ciò che riguarda atti e documenti su procedimenti, ed ancora è stato deciso che le sedute saranno pubbliche, anche se la commissione potrà deliberare di riunirsi anche in seduta segreta.”Bene Commissione di inchiesta sul femminicidio. Siamo all’emergenza e fare tutto ciò che è possibile per contrastarlo è un dovere” ha scritto su Twitter la ministra per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro, che da senatrice Pd è la seconda firmataria della proposta.Intervenuta dopo la votazione, anche Valeria Fedeli, ovvero la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, la quale ha dichiarato: “Sono davvero soddisfatta del voto favorevole dell’Aula all’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere. Una proposta di cui sono stata prima firmataria e che ha ricevuto l’appoggio di tutte le forze politiche“.

Secondo la senatrice Pd Lucrezia Ricchiuti, componente della commissione finanze e tesoro del Senato, la commissione può servire anche per “verificare le possibili lacune della normativa nonché l’effettiva destinazione delle risorse per le strutture che contrastano la violenza di genere”. Purtroppo i casi di femmicidio in Italia sono sempre più in aumento e proprio le cronache dei giorni scorsi sono pieni di omicidi contro le donne effettuati da fidanzati, mariti, ex compagni gelosi. E’ il caso di Rossana la donna uccisa a Milano dal marito che poi è andato a giocare alle slot e poi ancora la 22enne romana bruciata viva in una strada periferica dall’ex fidanzato che non accettava la fine della sua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.