Firenze, pm dispone i domiciliari per il marito dell’amante: il Ministero della Giustizia avvia indagine

Ha dell’incredibile la vicenda che stiamo per raccontarvi che ha come protagonista un Pm italiano il quale dopo aver avviato una relazione con la moglie di un medico, pare abbia chiesto gli arresti domiciliari nei confronti del medico, senza un reale motivo e soprattutto senza che quest’ultimo avesse commesso alcun reato, almeno fino ad oggi non provato. Su questa incredibile vicenda, accaduta a Firenze, sta indagando il Ministero della Giustizia che vuole approfondire la storia. Il giudice, procuratore della Repubblica, si innamora di una dottoressa a sua volta sposata con un medico ed in procinto di separazione; la storia tra i due sembrerebbe essere nata quando la dottoressa si rivolge alla giustizia sostenendo di essere minacciata di morte dal marito e per questo motivo il pm che nel frattempo aveva iniziato una relazione con lei, ha cercato in tutti i modi possibili di fargli avere gli arresti domiciliari, nonostante il magistrato a cui è stato assegnato il fascicolo ritiene che non vi siano elementi per sostenere l’accusa. La donna denuncia l’uomo per maltrattamenti, ed il magistrato ritiene che non vi siano elementi per sostenere l’accusa.

Chiede una prima archiviazione, poi addirittura una seconda. Ma il giudice per le indagini preliminari, considerata anche la presenza dei figli, impone ulteriori accertamenti; a quel punto il pm sente i protagonisti del procedimento e tra questi la dottoressa. E’ stato proprio in quell’occasione che il giudice e la donna si conoscono e scatta il colpo di fulmine.Il medico, nel frattempo, ha risposto alle accuse della moglie, querelandola e nel frattempo assume un detective privato per capire i movimenti della moglie, scoprendo che questa entrava ed usciva anche di notte dall’appartamento del Pm.

Una volta scoperta la storia tra il pm e la moglie, il marito avvia una controdenuncia, e lo scorso mese di settembre, assistito dagli avvocati Massimiliano Manzo e Francesco Ceccherini, presenta foto e filmati in procura e solo a quel punto il Ministero della Giustizia decide di approfondire l’accaduto ed assegna a Genova le indagini. Di pari passo, va comunque avanti il procedimento che vede il medico indagato per maltrattamenti.Sulla vicenda quindi c’è una indagine della Procura di Genova e anche il Ministero della Giustizia ha mandato una ispezione per verificare.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.