Galaxy S8 contro iPhone 7: prova di resistenza – Video

Il Samsung Galaxy S8 e Apple iPhone 7, considerando l’attuale scenario del commercio, sono senza dubbio due tra i smartphone più desiderati del 2017 che, al tempo, richiedono compratore un’ingente somma di euro per l’acquisto. Dal momento che si tratta di un acquisto impegnativo, è essenziale, comprendere verso quale dispositivo sarebbe più consigliabile indirizzare la propria idea.

È da sottolineare che stiamo parlando di due dispositivi più evoluti sul mercato, in grado di regalare ai propri appassionati un’esperienza di sfruttamento ai massimi livelli.

Uno dei fattori più decisionali è chiaramente il sistema operativo di entrambi i telefoni: tra android e iOS le divergenze sono molteplici, ma la peculiarità resta massima in ambedue i casi. Un’altra sfumatura che, potrebbe indirizzare la scelta all’acquisto e la solidità costruttiva, considerando particolarmente i grandissimi passi in avanti che Samsung ha soddisfatto nei confronti della

Apple, di marzo forse un po’ più fissato ai gusti tradizionali. Al fine di analizzare quale tra i due dispositivi top di gamma sia da ritenere più funzionale rispetto all’altro, diversi appassionati hanno bosso molteplici sfide per ottenere tale imparzialità.

L’ultimo test a disposizione di William grado di presenziare prende in analisi il pregio di costruzione di iPhone 7 e galaxy S8.
Nel video sottostante che abbiamo caricato, l’autore farà una prova di resistenza di entrambi i dispositivi.

La Samsung ha presentato  in anteprima mondiale il nuovo Galaxy S8, destinato a confrontarsi sul mercato con l’Iphone 7. Tutte confermate le indiscrezioni circolate nelle scorse settimane sull’ultimo nato in casa del colosso coreano delle tlc, a cominciare daHinfinity display, lo schermo senza bande laterali e privo del tasto home, capace di dare la sensazione di essere senza bordi. Infinito, appunto. Confermata anche la funzionalità che consente di autenticare il possessore del dispositivo con la lettura dell’iride e la presenza, a bordo, di un sistema di intelligenza artificiale, battezzato Bixby, che permette di impartire comandi vocali.

L’atmosfera che si respirava ieri al Lincoln Center di New York, dove i vertici della società hanno presentato i due smartphone gemelli, l’S8 e l’S8 Plus, era carica di attese. Questo lancio per la Sam- sung, ha anche il senso del riscatto, dopo il flop del Galaxy Note 7, disattivato definitivamente in questi giorni dopo alcuni casi in cui la batteria prendeva fuoco. Una prospettiva confermata pure da DJ Koh, grande capo mondiale del business mobile al gruppo coreano: «Il Galaxy S8 è il nostro modo per riconquistare la fiducia dei consumatori».
Un nuovo inizio: non a caso è questo il claim scelto dai coreani per marcare l’arrivo sul mercato di un prodotto che rappresenta un punto di rottura con i dispositivi delle generazioni precedenti.

«Con questo lancio Samsung segna un nuovo traguardo nel campo dell’innovazione tecnologica, con dispositivi che innalzano ulteriormente gli standard competitivi del settore mobile, destinati a diventare un vero e proprio punto di riferimento per tutti gli operatori del mercato», spiega Carlo Barlocco, presidente di Samsung Electronics Italia. «Il Galaxy S8 e l’S8 Plus sono l’evoluzione di uno smartphone di assoluto successo per la nostra azienda quale è stato l’S7, un dispositivo – aggiunge – che ha segnato il record di vendite di sempre per la famiglia Galaxy e ci ha consentito nell’ultimo anno di consolidarci come leader di mercato anche in Italia».

I numeri in effetti sono notevoli. L’S7 è stato venduto sul nostro mercato in un milione di esemplari e Barlocco conferma che l’obiettivo dell’ultimo nato «è nel medesimo ordine di grandezza». Probabilmente di più. C’è tutto un terreno nuovo da esplorare, quello della comunicazione con gli elettrodomestici, bianchi e grigi. L’internet delle cose. E i nuovi nati nella famiglia coreana, promettono di saperlo fare molto meglio dei predecessori.
II Galaxy S8 e l’S8 Plus si distinguono in sostanza per la dimensione dello schermo che nel primo è di 5,8 pollici, mentre nel fratello grande raggiunge i 6,2 pollici. Più tablet che smartphone. La scomparsa dei tasti fisici accresce l’effetto extra large del monitor.
Il prezzo al pubblico dell’S8 è identico a quello del predecessore: 829 euro. Il Plus costa invece 100 euro in più. In Europa sono attesi a partire dal 28 aprile.

APPLE IPHONE 7

Ha una doppia fotocamera, è impermeabile e soprattutto non ha più l’ingresso per le cuffie: sono queste le principali novità dell’iPhone 7, che Tim Cook e gli altri manager Apple hanno presentato al Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco. Tra le altre novità, la seconda versione dell’orologio Apple Watch (ha il Gps e può essere usato in piscina e in mare), oltre a un auricolare «smart» senza fili chiamato AirPods.
L’anno prossimo iPhone compirà 10 anni e si attendono novità ancora più profonde, dal design alla rinuncia del tasto fisico sul frontale. Quest’anno però non sono mancate le innovazioni. Molte già viste, in qualche modo, su modelli concorrenti; ma in casa Apple c’è la complicazione non banale di adattare i processi produttivi a oggetti che saranno venduti in decine di milioni di esemplari: un miliardo gli iPhone commercializzati finora, ha annunciato l’ad Tim Cook.
Gli iPhone 7 saranno due, come dalla versione 6 in avanti: un iPhone 7 da 4,7 pollici di schermo e un più grande iPhone 7 Plus da 5,5 pollici. In arrivo in Italia dal 16 settembre, costeranno da 799 euro in su. Più veloci, con un tasto frontale modificato e in grado di capire la pressione dell’utente, un nuovo colore nero.
La novità più evidente, pre-
sente solo sul Plus, è la doppia fotocamera sul retro. Due ottiche affiancate che permettono uno zoom ottico 2X, un grandangolo e una nuova modalità Ritratti con sfondi sfocati, effetto da fotocamera Reflex. La doppia fotocamera è già stata adottata quest’anno da Huawei e Lg, ma l’arrivo sugli iPhone dovrebbe spostare ancora di più la bilancia del mercato della fotografia verso gli smartphone.
Altro aspetto nuovo per il mondo Apple è la resistenza ad acqua e polvere. Il punto più controverso di iPhone 7 è però l’assenza di un ingresso per gli auricolari: guardando il telefono, in basso manca il familiare buchino tondo in cui inserire le cuffie. Ora per utilizzarle bisogna impiegare la porta di ricarica di tipo Lightning (usata solo da Apple). Serve quindi una cuffia di nuovo tipo o un adattatore (nella confezione ci sono entrambi). Oppure occorre un auricolare senza fili, di tipo Bluetooth. Per questo Apple ha inaugurato una nuova categoria di prodotto, AirPods: auricolari senza fili, con un chip in grado di recepire comandi con il tocco delle dita (un doppio «tap» attiva l’assistente vocale Siri). In vendita da fine ottobre a 179 euro, AirPods segna la volontà di spostare il mercato dell’audio verso il senza fili. «Serve il coraggio di andare oltre» ha provato a spiegare dal palco l’uomo marketing Phil Schiller. Perché non a tutti la mossa di Apple è piaciuta e piacerà.
D’altronde la Mela ha una lunga tradizione nell’elimina- re tecnologie ampiamente utilizzate. Fu il caso del floppy disc con l’iMac (1998). Poi il lettore di cd/dvd con il MacBook Air (2008). Nel 2010 con l’iPad tirò una riga sulle chiavette Usb e sul formato video Flash. Con l’iPhone 5 (2012) Apple rese obsoleti 400 milioni di suoi dispositivi con la porta 30-pin (l’attacco di ricarica «grosso» dei vecchi iPod e primi iPhone), passando alla Lightning.
Mosse che ogni volta hanno suscitato critiche anche tra i fan più fedeli della Mela. Mosse spesso rivelatasi azzeccate, per spingere fuori dal tavolo tecnologie obsolete e far posto al nuovo. Nel caso di oggi però la transizione verso l’audio wireless sarà più complessa e costosa, creando qualche disagio: ad esempio non sarà possibile caricare l’iPhone 7 e intanto ascoltare musica con un auricolare via cavo. Per Apple, che deve affrontare la saturazione del mercato oltre alla concorrenza, sarà un test di fedeltà a un marchio che resta senza uguali, per richiamo e numero di fan, nel mondo hitech. E non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.