Italiani i più sani al mondo, primi su 163 Paesi. Merito anche della dieta mediterranea

Secondo il Global Health Index, una speciale classifica pubblicata da Bloomberg, gli italiani sono i più sani del pianeta. Alla conquista del primato mondiale – riferisce Coldiretti – ha contribuito la svolta salutista degli italiani a tavola del 2016 che ha premiato i prodotti base della dieta mediterranea dal +5% del pesce fresco al +2% per la frutta, con una netta inversione di tendenza nei consumi domestici rispetto al passato. Quanto a salute dunque, sentenzia Bloomberg, “L’Italia è il posto giusto dove essere“, visto che un bimbo italiano ha una aspettativa di vita di un ottuagenario (contro, ad esempio, i 52 anni della Sierra Leone)

Italia al primo postoL’Italia è risultata prima su 163 Stati monitorati, con un punteggio di 93,11 su 100. Israele è invece il Paese al posto più alto in classifica (9/o) per il Medio Oriente, il Cile (29/mo) per l’America Latina e la Slovenia (27/mo) per l’Europa dell’Est. Ma lo studio mostra come il benessere economico si trasformi in salute soltanto quando si combina a fattori esterni come l’attenzione per il cibo o l’abitudine a praticare attività fisica.

Gran parte del merito di questi dati lusinghieri va ascritto secondo Bloomberg alla Dieta Mediterranea. Questa riaffermazione di longevità è spesso ignorata da parecchi italiani, anche se andando a guardare le statistiche di lunga vita battiamo tutti con uno score di alcuni punti. “Proteggere il nostro Servizio sanitario nazionale, implementarlo e migliorarlo – ha avvertito il ministro – è un dovere”.

L’Italia è quindi il Paese con la popolazione maggiormente in salute e sana a livello mondiale, e questo nonostante la situazione economica “in difficoltà”. “Il suo ruolo importante per la salute è stato riconosciuto anche con l’iscrizione nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco avvenuta il 17 novembre 2010” aggiunge la Coldiretti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google.

Guardiamoci allo specchio: siamo i più sani del mondo. Sì, gli italiani, incroci statistici e dati alla mano, risultano essere quelli con “una salute di ferro”. Nonostante i diffusi problemi gestionali di molti ospedali, le difficoltà economiche e il divario dell’offerta assistenziale tra Nord e Sud.
Con un punteggio di 93,11 (la somma di diversi parametri) su 100 il nostro Paese è il primo nella classifica stilata dal “Bloomberg Global Health Index” che analizza le condizioni di salute di 163 nazioni. Sull’Italia, dunque, gli esperti americani hanno apposto un freccione: quando si tratta di vivere una vita lunga e sana è qui il posto dove venire ad abitare. Perché, nonostante tutto, gli italiani sono più in forma degli europei e degli americani. Evidente la supremazia nei confronti degli inglesi, per esempio, nella stragrande maggioranza ipertesi, con il colesterolo alle stelle e i disturbi psichiatrici da bollino rosso.
ILTABACCO
Il risultato emerge da un indicatore che tiene conto di una serie di fattori come durata della vita, alimentazione, benessere mentale e fattori di rischio come il tabacco e la pressione. Su un aspetto tutto italiano Bloomberg punta l’attenzione nel suo sito: da noi c’è un “eccesso di medici”. Una velata critica al nostro rapporto camici bianchi-cittadini (è di circa 3,5 medici per mille mentre la media europea è 7,9 per mille) ma anche una citazione che rivela l’attenzione ai dettagli del quotidiano italiano. Tra le diverse informazioni che lo studio offre sull’Italia sana anche il successo di audience di una nostra storica fiction, “Un medico in famiglia”.
L’Italia è al primo posto non solo per l’aspettativa di vita alla nascita (oggi è 85,2 lei e 80,3 lui) ma anche per la sua qualità. Grazie al menù quotidiano, generale abbondanza di frutta e verdura, al tipo di clima e al servizio sanitario che, tra mille ostacoli, è comunque accessibile a tutti. «Dalla dieta alla sanità universalistica, ecco i segreti della nostra longevità – commenta il ministro della Salute Beatrice Lorenzin – Sono obiettivi da consolidare e non dare per scontati».
Proprio questa settimana entreranno in vigore altre cure gratuite con i nuovi livelli essenziali di assistenza. Le prestazioni, cioè, che il servizio sanitario garantisce a tutti i cittadini gratis o con il pagamento del ticket. Il documento è stato firmato dal premier Gentiloni nei primi giorni di gennaio e sabato scorso i Lea aggiornati erano nella Gazzetta Ufficiale.
Tra le nuove prestazioni la fecondazione assistita eterologa e omologa, i nuovi vaccini (pneu- mococco, meningococco, varicella) lo screening alla nascita (per individuare una possibile sordità, cataratta congenita e circa una quarantina di malattie ereditarie) l’esenzione dal ticket per l’endometriosi, i trattamenti per la celiachia (questa malattia come la sindrome di Down è stata immessa nell’elenco delle patologie croniche e non più rare) e per malattie rare (viene assegnato un codice che dà diritto all’esenzione dal ticket ad altre 110).
Dalle centomila famiglie di pazienti autistici erano attese novità in grado di migliorare la qualità assistenziale. Nei livelli essenziali di assistenza appena varati entra anche il trattamento dell’autismo, con diagnosi precoce, cura e trattamento individualizzato, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie.
ICEREALI
Torniamo a tavola. E’ qui, secondo lo studio Bloomberg, che si concentra la differenza tra l’Italia e gli altri Paesi. A tavola con la dieta mediterranea ricca di frutta e verdura di stagione, legumi e cereali, pesce, uova e olio di oliva senza eccedere con la carne, soprattutto rossa, e i formaggi. Tutti elementi che favoriscono il consumo di acidi grassi monoinsaturi rispetto a quelli saturi e, allo stesso tempo, il consumo di nutrienti con proprietà anti-infiam- matorie che aiutano a far diminuire il colesterolo “cattivo” (Ldl), stress ossidativo e triglice- ridi. Proprio grazie a queste caratteristiche, nel 2010, la dieta mediterranea è diventata patrimonio dell’Unesco perché alleata della salute.
IL RISCHIO
Qui, dunque, anche i più distratti nella scelta del menù riescono a proteggersi con i piatti base della nostra tradizione. Uno degli ultimi studi pubblicato sull’Interna- tional Journal of Cancer ha rivelato che la dieta mediterranea è un’ottima alleata nella prevenzione di una forma molto aggressiva di cancro al seno. Un maxi studio su oltre 62mila donne mostra che coloro che mangiano abitualmente i nostri piatti hanno un rischio inferiore del 40% di ammalarsi di cancro al seno ER-negativo, quello non dipendente dagli ormoni estrogeni.
Ovviamente i grandi numeri, il paragone con gli altri 163 Paesi ci permette di vantare un simile posto in classifica. Se, invece, la lente viene messa solo sull’Italia si scopre, invece, che il 33% della popolazione è sovrappeso e il 9,7% è obesa (circa sei milioni). E ancora. Una famiglia spende in media 50 euro al mese per acquistare prodotti ortofrutticoli, nemmeno un terzo di quello che spende nello stesso periodo ogni persona per consumare un caffè al bar.

Le 10 regole della dieta mediterranea

1.Suddividere i pasti in 4-5 appuntamenti. Nei due pasti principali, rivalutare la tavola come punto di incontro e come momento distensivo: è intorno alla tavola che si trasmette la cultura di una famiglia, e quindi della società.

2.Utilizzare la pasta come primo piatto. La pasta va cotta al dente, dando la preferenza, nel condirla, al sugo di pomodoro e all’olio di oliva.

3.Utilizzare la pasta per la preparazione di “piatti unici” (pasta e legumi, pasta e verdure, ecc.) ad elevato valore nutritivo e grande economicità.

4.Dare la preferenza al pane preparato con i soli ingredienti fondamentali (pane casereccio, rosette, sfilatini, ecc.), preferibilmente integrale, evitando il pane preparato con l’aggiunta di grassi.

5.Tra i grassi di condimento dare la preferenza all’olio di oliva: è estremamente digeribile, con un sapore pieno capace di dare gusto in piccole quantità, ed è anche il più sicuro per le fritture.

6.Gli alimenti del mondo animale, come la carne, il latte e i latticini, le uova, non vanno esclusi, ma ridimensionati. Per ciò che riguarda la carne, dare la preferenza non alla carne bovina, ma a quelle “alternative”, come pollo, coniglio, tacchino, ecc.

7.Consumare pesce con regolarità, in particolare pesce azzurro (sarde, alici, sgombri, tonno), tipico del Mediterraneo, che allo spiccato gusto unisce un elevato potere nutritivo.

8.Limitare l’uso del sale da cucina, utilizzando gli aromi e le spezie tipiche della tradizione mediterranea per insaporire i cibi.

9.Fare largo consumo dei prodotti ortofrutticoli, alternando quelli ricchi di vitamina A (carote, zucche, radicchio verde, meloni, albicocche) con quelli ricchi di vitamina C (agrumi, fragole, pomodori, peperoni, broccoletti), che forniscono un adeguato apporto di fibre e un buon senso di sazietà.

10.Se lo si desidera, si possono accompagnare i pasti con modiche quantità di vino che, oltre ad aumentare il piacere del pasto, può favorire la digestione.

Da sempre l’alimentazione è uno dei fattori che concorrono alla salute e all’equilibrio psicofisico dell’uomo. Per intere epoche della storia e ancora oggi in buona parte del mondo l’uomo ha dovuto e deve faticosamente ricercare un adeguato e sufficiente apporto di calorie e di sostanze nutritive. Nel mondo occidentale oggi, al contrario, l’alimentazione presenta problemi di eccesso; mai come ora la medicina ha individuato nella quantità di cibo elementi di rischio per malattie e ha dovuto introdurre consigli limitativi. Ne sono direttamente implicate proprio le patologie più comuni, quelle cardio-vascolari, degenerative e neoplastiche. L’industrializzazione delle preparazioni alimentari ha inoltre introdotto cambiamenti nelle abitudini delle popolazioni così drastici e importanti, tali da non concedere un adattamento della fisiologia umana, che richiederebbe millenni per assorbire evolutivamente quanto è avvenuto in pochi anni. Per quanto riguarda il tumore, oggetto di questa sia pur breve trattazione, rimangono sicuramente aperte molte domande circa i fattori eziologici, ma è pur vero che esistono molti punti fermi circa fattori di rischio certi o probabili. Su questi ci vogliamo soffermare. Nell’ambito delle attuali conoscenze il capitolo alimentazione occupa oggi un ruolo consistente. Vogliamo sintetizzare in uno sguardo quale peso hanno oggi i diversi fattori di rischio conosciuti.

ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA FORMAZIONE DEL TUMORE Per capire come le affermazioni che faremo circa il beneficio o il danno di determinati alimenti o molecole ivi contenute si basano su fondamenti scientifici e non solo su illazioni arbitrarie, ritengo utile riassumere per sommi capi alcuni meccanismi coinvolti nella formazione del tumore. Conoscenze senz’altro ancora incomplete e sempre in divenire, le quali però, associate a una conoscenza delle sostanze in questione, ci forniscono delle ragioni e rafforzano le motivazioni a modificare alcuni comportamenti. Rimane inteso che questo paragrafo può essere ritenuto interessante o meno, nel qual caso è del tutto lecito passare oltre. Le implicazioni pratiche saranno facilmente messe in evidenza per chi preferisce badare al sodo. Si dice oggi, è la visione più di moda, che il tumore è una malattia genetica, ovvero che l’inizio del processo va collocato nella struttura del DNA.

Ognuno dei nostri caratteri, in definitiva ognuna delle nostre proteine che costituiscono una qualità personale esclusiva, ha il suo codice, il suo stampo, in una parte del DNA che si chiama gene. Esistono geni, detti Oncogeni che producono proteine capaci di stimolare la crescita cellulare, più comunemente identificabili come coppie complementari detti Recettore e Fattore di crescita. Il primo è una specie di serratura collocata sulla superficie della cellula, il secondo una sorta di chiave che arriva da altri settori dell’organismo. La loro unione innesca un meccanismo di segnali che in diversi passaggi tra membrana, citoplasma e nucleo cellulare stimolano il processo mitotico, la duplicazione delle cellule. Una mutazione di questi geni può incrementare la crescita di cellule anomale fuori da ogni controllo. Esistono altri geni, detti Antioncogeni che hanno un’azione inibente il tumore.

Il più importante è la p53. La sua azione consiste nel passare in rassegna il genoma cellulare e, qualora si rilevi un danno non riparato, innescare il meccanismo di apoptosi, la giusta morte cellulare. Una mutazione del gene della p53 rende incapaci di attuare questo controllo. Su queste basi e nel campo dell’argomento alimentazione si è sviluppata oggi una scienza che studia il legame tra geni, nutrizione e cancro. Si chiama Nutrigenomica. L’apporto alimentare deve fornire energia perché i meccanismi cellulari funzionino (zuccheri, grassi, in presenza dell’ossigeno che respiriamo), e anche materiale per la costruzione delle strutture e dei sistemi cellulari (proteine). Ma vi sono anche altre funzioni. Le sostanze alimentari possono agire direttamente sui meccanismi di riparazione del DNA, sui meccanismi di differenziazione cellulare, sullo stato di reattività o inattivazione dei geni, sulla duplicazione del DNA e infine sulla produzione di carcinogeni interni e sulla loro detossificazione.

Quando intervengono ad esempio delle mutazioni l’organismo umano è capace quasi sempre di riparare il danno, tramite i cosiddetti sistemi di riparazione. Se così non fosse l’evento tumore, o in altri contesti l’evento malformazione, sarebbero estremamente frequenti. Basta considerare questi dati numericamente impressionanti: ogni giorno nascono e muoiono nel nostro corpo 70 milioni di cellule; nel corso della vita avvengono 1016 divisioni cellulari. L’organismo è costituito da un milioni di miliardi di cellule, ripartite in 200 tipi, con un DNA dotato di 3 miliardi di basi azotate su cui sono scritti i nostri 30.000 geni; un nodulo tumorale di 1 cm di diametro comprende già un miliardo di cellule; si stima che avvengano ogni giorno più di 10.000 mutazioni cellulari, che l’organismo deve riparare per rimanere sano; ogni giorno si verificano più di 10.000 mutazioni del DNA di ogni cellula dell’organismo. Riguardo al fenomeno delle mutazioni va considerato un fattore di cui molto si parla e non a torto, quello dei cosiddetti radicali liberi. Si tratta di molecole prodotte dal metabolismo cellulare (fenomeno di per sé normale), capaci però di interagire con le basi del DNA inattivandole. Un loro eccesso contribuisce dunque ad aumentare la probabilità di una mutazione genica.

Sono ad esempio: perossido di idrogeno radicali idrossilici derivati dell’azoto, come ossido nitrico e perossinitrito Esistono però veri e propri sistemi di riparazione del DNA; sappiamo ad esempio che la malnutrizione diminuisce la capacità di riparazione del DNA, mentre al contrario alcuni frutti e alcuni oligoelementi aumentano questa capacità. L’organismo è per natura dotato di una efficace strategia difensiva specifica proprio verso i radicali liberi: un sistema antiossidante che controlla e corregge permanentemente il danno ossidativo. Sostanze antiossidanti sono la vitamina C, la vitamina E, il licopene, carotenoidi, polifenoli, composti agliacei, solo per citare degli esempi. Esistono anche oligoelementi che hanno un effetto antiossidativo diretto: ad esempio cromo, selenio, manganese. Altri oligoelementi hanno contribuiscono allo stesso scopo in maniera indiretta, come il cromo e il magnesio. Il cromo migliora la sensibilità all’insulina, il magnesio combatte l’effetto pro-cancerogeno dell’infiammazione. Vedremo che la cosa consigliabile è l’uso alimentare di diversi fitocomposti in modo da beneficiare delle loro diverse proprietà antiossidanti. Esistono inoltre sistemi che impediscono l’attivazione di geni potenzialmente pericolosi, quali sono gli oncogeni. Questo fenomeno dipende da due sistemi enzimatici antagonisti: Istone-acetiltransferasi (HAT): reprimono il gene Istone-deacetilasi (HDAC): attivano il gene. Ancora solo per citare degli esempi in campo nutrizionale, alcuni prodotti sono capaci di inibire HDAC, e quindi sono protettivi sulla cancerogenesi; tali sono ad esempio: Butirrato, prodotto nell’intestino dalla fermentazione di alcuni polisaccardidi Diallil disulfuro, contenuto nell’aglio Sulforafano, contenuto nelle crucifere, broccoli in particolare. Rimane il fatto che differenziazione e moltiplicazione cellulare sono, già dai primi momenti della vita embrionale, due elementi polari, vale a dire che i meccanismi di differenziazione tendono a diminuire la capacità di moltiplicazione cellulare.

Esistono sostanze pro-differenzianti, capaci cioè di influire positivamente sulla differenziazione e quindi essere preventivi sulla cancerogenesi, tali sono ad esempio: Derivati dell’acido retinoico (contenuti ad esempio nelle carote) Acidi grassi poli-insaturi (olio di pesce) Vi sono al contrario sostanze assunte coi cibi o prodotte all’interno dell’organismo che risultano vere tossine cancerogene. Gli enzimi correlati alla produzione di queste sostanze si chiamano enzimi di fase I. Questi sono geneticamente determinati, i più importanti sono: Citocromo p450 Perossidasi Transferasi Un certo particolare assetto di questi enzimi, di per sé dotati di compito detossicante, sembra decisivo a determinare il danno oncologico da tabacco, idrocarburi policiclici, aflatossine ad esempio. Ma anche qui la natura mette a disposizioni vere e proprie sostanze detossificanti. Alcuni alimenti, come pompelmo, aglio o vino rosso sono capaci di inibire questi enzimi di fase I e quindi diminuire il rischio di tumore. Esistono già nel nostro corredo enzimi che detossificano i prodotti cancerogeni e permettono di eliminarli: sono gli enzimi di fase II. Il più rappresentativo è la glutatione-S-reduttasi, capace di detossificare la maggior parte dei cancerogeni. E per dar man forte la natura ha anche qui messo il suo tocco benefico. Sono capaci ad esempio di stimolare questi sistemi gli isotiocianati presenti nei cavolini di Bruxelles e nei cavoli rossi, più che nei broccoli o cavoli bianchi. Un ultimo aspetto, ma non certo ultimo per importanza è il capitolo del rapporto ciboimmunità. L’enfasi attuale sugli aspetti genetici non deve rischiare di farci dimenticare che il ruolo delle difese immunitarie circa la prevenzione e la genesi tumorale è un fattore fondamentale. Oltre agli aspetti di induzione diretta da parte del cibo di alterazioni /mutazioni genetiche cellulari, va considerato il potenziale influsso di alimenti e contaminanti sul sistema di difesa che l’organismo mette in campo prima e in corso di cancerogenesi. Il libro “Immunità, cibo e cervello”, di Francesco Bottaccioli e Antonia Carosella (Tecniche Nuove, 2009), così come i testi dello stesso autore di Psiconeuro-endocrino-immunologia (PNEI) contengono molte interessanti spiegazioni e utili indicazioni al riguardo. Citiamo alcuni punti importanti. È probabile che la contaminazione batterica o fungina del cibo costituisca un fattore di sregolazione immunitaria. Uno studio francese del 2005 ha messo in guardia verso l’esposizione a elevati carichi di micotossine, in particolare aflatossine, proprio gruppi di popolazione come bambini, anziani ma anche vegani e macrobiotici. Il supplemento di iodio al sale marino, deciso in modo indiscriminato per correggere il gozzo endemico è senz’altro risultato utile a questo riguardo. Studi di popolazione in Grecia, ma anche in India e altri paesi asiatici, avrebbero però indicato un’incidenza di tiroidite autoimmune divenuta tripla. Va detto che nell’ambito dell’inquinamento chimico esistono sostanze che vengono chiamate interferenti endocrini (endocrine disrupters). Citiamo il bisfenolo A (BPA), gli ftalati, il paraben, il policlorobifenile (PCB), la diossina, pesticidi, erbicidi e biocidi in genere, metalli pesanti. Alcuni sono direttamente implicati in un’azione di disturbo diretta al sistema immunitario. Proprio uno dei più diffusi erbicidi, l’atrazina, sarebbe protagonista di questa azione lesiva.

Tutti sanno che la dieta mediterranea è un’ottima alleata della nostra salute, questa dieta molto equilibrata riesce a prevenire ed in alcuni casi curare moltissime patologie che subisce il nostro organismo.Da una formidabile ricerca condotta dall’università olandese Maastricht è stato scoperto gli effetti benefici della dieta mediterranea nelle forme più aggressive di cancro al seno.Si è trattato di una ricerca immensa nella quale sono stati studiate per oltre vent’anni 62.000 donne, questa ricerca ha evidenziato che seguire una corretta alimentazione fa calare del 40% la possibilità di imbattersi ad una forma grave di cancro al seno.

MANGIARE BENE PREVIENE L’uomo, in quanto essere vivente, è portato a ricercare il cibo come fonte di sostentamento, ma a differenza degli altri animali l’uomo ha imparato a cucinare, inventando le pietanze. Non solo, ma ha saputo tramandare quest’arte, come si tramanda una lingua o un dialetto. L’alimentazione oggi non è più legata al solo bisogno di nutrirsi, ma è diventata parte integrante del nostro stile di vita. La tavola, più che un mezzo, si è trasformata nel fine stesso delle relazioni sociali. Intorno ad un tavolo si parla, si discute e si litiga, si festeggia la nascita e si commemora la morte, si stabiliscono dei rapporti. Oggi però, le conseguenze di un’alimentazione errata si sono rovesciate rispetto al passato. Infatti le malattie da eccesso alimentare hanno sostituito quelle da carenza. In tutto il mondo, ed anche in Italia, si evidenzia una maggior incidenza di obesità in età infantile, e sono aumentate malattie come l’aterosclerosi, il diabete e l’ipertensione, ma soprattutto il cancro. Una nutrizione equilibrata e sicura rappresenta uno degli strumenti più importanti ed efficaci nel raggiungimento della salute. Gli scienziati consigliano, come modello dietetico ideale, quello tipico delle abitudini alimentari del nostro Paese all’inizio degli anni Cinquanta, proprio perché un’alimentazione parca aveva un maggior effetto protettivo sulla salute. Questa piccola guida vuole educare ad un’alimentazione povera di calorie ma ricca dei nutrienti essenziali per difenderci dalle malattie tipiche della nostra epoca, con particolare attenzione ai tumori. Inoltre, vuole suggerire alcune ricette locali che associano al gusto e alla buona cucina gli ingredienti ricchi di sostanze anti-tumorali, e quindi preventivi.

La piramide alimentare La piramide alimentare è la rappresentazione grafica della dieta mediterranea. Si presenta suddivisa in settori orizzontali, nei quali sono inseriti i vari gruppi di alimenti. Il quantitativo dei vari alimenti che si consiglia di consumare è inversamente proporzionale alla posizione occupata, riducendosi gradualmente man mano che si passa dalla base (acqua, frutta e verdura da consumare spesso durante la giornata) alla punta della piramide, dove ci sono gli alimenti da consumare di rado. In questo modo, seguendo le indicazioni consigliate dagli esperti nutrizionisti, si possono fare scelte alimentari qualitativamente e quantitativamente più corrette.

Le rappresentazioni grafiche della piramide alimentare che si sono avvicendate negli anni sono state numerose, e molte versioni più recenti mettono alla base, cioè alle fondamenta della salute, oltre ad una corretta idratazione (il nostro organismo è composto per il 60% di acqua, e deve esserci un continuo ricambio tra i liquidi che vengono eliminati e quelli vengono introdotti), l’attività fisica quotidiana ed il controllo del peso corporeo. Lo svolgimento di una regolare attività fisica (passeggiata a passo svelto, cyclette…), quantificata in circa 20 minuti al giorno o 150 minuti alla settimana, risulta fondamentale per il controllo del peso corporeo, fattore importantissimo nel mantenimento dello stato di salute.

Il consumo di frutta e verdura è il fondamento della prevenzione alimentare dei tumori, infatti frutta e verdura forniscono meno calorie, determinano senso di sazietà ed apportano discrete quantità di micronutrienti essenziali (sali minerali e vitamine), fibre (importanti per la prevenzione soprattutto di alcuni tipi di neoplasie come quelle del colon-retto, della mammella e del pancreas), e composti fitochimici ad azione protettiva. La frutta e la verdura dai colori più vivaci (rosso, giallo, viola) sono importanti perché apportano notevoli quantità di polifenoli ad azione antiossidante. Naturalmente, è molto importante che nella scelta della frutta e della verdura vi sia il rispetto della stagionalità e la preferenza verso prodotti provenienti da agricoltura biologica, coltivata il più vicino possibile al proprio paese per mantenerne maggiormente intatte le proprietà.

1° regola: il valore della fibra e degli alimenti integrali La fibra alimentare. Rappresenta quella parte degli alimenti vegetali che non viene digerita dagli enzimi digestivi e che, pertanto, non è disponibile dal punto di vista energetico. Infatti, la fibra non viene attaccata dai succhi gastrici, passa inalterata per tutto il tratto intestinale e arriva al colon, dove i batteri normalmente presenti forniscono una cellulasi che scinde la cellulosa e le emicellulose in acqua, anidride carbonica, metano e acidi grassi a catena corta, che possono essere assorbiti.

La fibra alimentare è composta da numerose componenti, che potremmo schematicamente suddividere in: Fibra insolubile. È rappresentata da cellulosa, lignina e numerose
emicellulose. Ha la capacità di legarsi all’acqua, aumentando eregolarizzando la consistenza della massa fecale. Ne risulta un sensibile miglioramento dello svuotamento intestinale, con una riduzione della stipsi ed un’azione preventiva verso alcune malattie (diverticolosi, emorroidi, colon irritabile, cancro del colon). Inoltre, la capacità di assorbire notevoli quantità di acqua porta ad una distensione gastrica con uno spiccato senso di sazietà, facilitando il rispetto della dieta. Fibra solubile. È composta da pectine, mucillagini, gomme ed emicellulose. Ha la funzione di modulare l’assorbimento di grassi e zuccheri, rallentando e riducendo l’assorbimento soprattutto di colesterolo e glucosio. Sono importanti quindi nella prevenzione e terapia delle malattie metaboliche (dislipidemie e diabete).

Gli alimenti integrali. Il cibo integrale è caratterizzato dalla conservazione di tutte le sue componenti, ed in particolare le cosiddette sostanze vitali o vitalie, come le vitamine naturali, gli oligoelementi, gli acidi grassi essenziali insaturi precursori delle prostaglandine, le biostimoline e i fattori di crescita, che rappresentano i “fattori probiotici” naturali, essenziali per il mantenimento della salute. I cibi integrali, oltre a non aver subito processi di raffinazione, sterilizzazione ed integrazione con additivi chimici per lo più correlati a 22 determinate tecniche di conservazione, dovrebbero provenire da colture quanto più possibile biodinamiche, cioè caratterizzate dall’impiego prevalente di concimi organici e minerali naturali, escludendo l’uso indiscriminato di concimi chimici solubili, diserbanti ed anticrittogamici tossici. Un altro fattore che caratterizza i cibi integrali è dato dalla presenza della carica enzimatica e batterica, che riequilibrando la flora batterica intestinale, contribuisce a favorire un normale processo digestivo. Infatti, uno dei princìpi fondamentali dell’eubiotica è che le cosiddette “malattie del benessere” non insorgerebbero soltanto per un danno diretto al nostro organismo, ma soprattutto per un danno mediato dalla flora intestinale (microbionte), cui segue un alterato equilibrio di questa flora con il nostro corpo ed un danno alla salute dell’organismo (macrobionte). Lo sviluppo di una flora batterica patogena può portare infatti all’insorgenza non solo di una patologia dell’apparato digerente, ma può favorire l’impianto di una patologia a distanza, sotto forma di fatti infiammatori, quali ad esempio faringite, tonsillite, bronchite, otite, cistite, ecc. Un miglioramento dell’alimentazione può portare ad un miglioramento della sintomatologia infiammatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *