Gricignano, migrante incendia stanza nel centro accoglienza, spari contro di lui da uno dei soci

Un diciannovenne immigrato del Gambia Ospite del centro temporaneo di accoglienza La Vela a Gricignano di Aversa è stato ferito nella serata di venerdì a colpi di pistola nella via Leonardo Da Vinci. Secondo quanto emerso, sembra che il 19enne nelle ore precedenti avesse dato fuoco per protesta alla sua stanza causando anche l’evacuazione Dei migranti alloggiati nello stabile interessato. Come già riferito, il giovane è ospite del centro temporaneo di accoglienza La Vela Ubicato in via Leonardo Da Vinci Ed è proprio lì che è stato ferito da uno dei soci della struttura ovvero il 43enne Carmine Della Gatta il quale è stato già fermato dai Carabinieri. Intervenuti i soccorsi sul luogo dell’incidente, il giovane è stato trasportato immediatamente presso l’ospedale di Aversa con un’ambulanza del 118.

Come già riferito, il diciannovenne pare avesse dato fuoco alla sua camera per protesta e proprio mentre si attendeva l’arrivo dei vigili del fuoco per spegnere le fiamme, il giovane avrebbe avuto un’accesa discussione con uno dei soci del consorzio che gestisce alcuni centri di permanenza temporanea nella regione Campania e nello specifico si tratterebbe di Carmine Della Gatta. La lite tra i due sarebbe poi degenerata Finché l’uomo ha esploso due colpi di pistola ferendo il 19enne alla bocca. Dopo aver sparato,la vittima si sarebbe accasciata per terra e sarebbe stata soccorsa e trasportata d’urgenza al Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Aversa per poi essere trasferita all’ospedale Cardarelli di Napoli. L’aggressore invece si sarebbe allontanato facendo perdere completamente le sue tracce, anche se successivamente è stato fermato dai Carabinieri i quali hanno anche trovato in casa quattro fucili e due pistole tutti legalmente detenuti.

La vittima al momento si trova in rianimazione con prognosi riservata. Gli accertamenti eseguiti dai militari dell’arma hanno permesso anche grazie alle dichiarazioni rese da un testimone di poter individuare ed identificare e sottoporre a Fermo l’attentatore che come già abbiamo riferito si era allontanato, dopo aver sparato al giovane, a bordo di una autovettura condotta da un secondo uomo facendo perdere completamente le sue tracce. I motivi del gesto Al momento sono riconducibili ad alcune manifestazioni di protesta innescate proprio dal cittadino straniero nelle scorse settimane e nella stessa serata di venerdì.

Le indagini sono state condotte dai Carabinieri della stazione di Gricignano e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Marcianise, i quali Al termine delle stesse sono arrivati all’arresto di uno dei soci del consorzio che gestisce alcuni centri di permanenza temporanea nella regione ovvero Carmine della Gatta. A Gricignano Intanto è emergenza migranti, dopo che gli stessi ospiti del centro accoglienza hanno deciso di bloccare la strada principale nella giornata di venerdì e una cinquantina di profughi avrebbero bloccato la strada, allontanando cameraman e giornalisti impedendo anche l’accesso della polizia. La tensione sarebbe arrivata alle stelle visto che anche i residenti sono scesi in strada invocando l’intervento delle forze dell’ordine e la rimozione del blocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.