Grosseto, mamma muore in un incidente stradale con la figlia al telefono

Una terribile tragedia è accaduta nella giornata di mercoledì nel grossetano, dove una donna di 42 anni ha perso la vita in seguito ad uno schianto in auto, mentre si trovava al telefono con la figlia che l’aveva appena chiamata. Una triste e incredibile fatalità o scherzo del destino, ma la figlia che era stata vittima di un incidente la sera prima, ha praticamente assistito, anche se telefonicamente all’incidente che ha causato la morte della giovane mamma. La vittima si chiamava Morena Zinzi, una donna di 42 anni di Bagni di Gavorrano, la quale al momento della sua morte era preoccupata come ogni mamma che sta di avere una figlia in ospedale, la giovane Andrea di 21 anni la quale ci era finita la sera prima, perché è rimasta coinvolta anch’essa in un incidente stradale.

L’incidente mortale è avvenuto nella mattinata di ieri, proprio quando Morena si stava recando in ospedale dalla figlia e con la quale stava parlando al telefono, quando improvvisamente la comunicazione si è interrotta e Andrea ha cominciato a udire soltanto rumori indistinti, un forte urlo e poi la linea che è caduta per non tornare più.

La ragazza ha subito capito che era successo qualcosa di grave alla madre e per questo motivo ha immediatamente allertato le forze dell’ordine, che soltanto dopo dodici ore hanno ritrovato lungo la provinciale scarlinese, all’altezza del bivio per il Casone, la Ford Fiesta di Morena completamente distrutta e il corpo senza vita della donna la quale è stata sbalzata fuori dall’auto e travolta molto probabilmente da questa. Ci sono volute 12 ore affinché le forze dell’ordine riuscissero a trovare il corpo senza vita della donna, 12 ore di angoscia per la figlia che aveva sentito in diretta al telefono lo schianto e che aveva dato subito l’allarme.

Come già detto, Morena era finita fuori strada con l’auto sulla strada provinciale 60, la scarlinese all’altezza di campo al noci, poche centinaia di metri prima del bivio del Casone e per tanto tempo la Ford Fiesta blu, sulla quale viaggiava sembrava essere stata inghiottita da un buco nero; i carabinieri messi immediatamente alla ricerca della donna che a casa non c’era e non risultava ricoverata in nessuno degli ospedali della zona, ci hanno impiegato 12 ore prima di ritrovare il corpo senza vita della donna e la sua auto completamente distrutta; una volta ritrovata l’auto sono accorsi anche i sanitari del 118 che purtroppo non hanno potuto fare altro che constatare la morte della donna; sul luogo dell’incidente sono anche intervenuti i carabinieri, vigili del fuoco, gli uomini della polizia municipale oltre che il pm di turno.

“Era una donna buona.Una donna che aveva fatto molti sacrifici ma che si era sempre fatta ben volere da tutti”, dicono alcuni residenti di Bagno di Gavorrano che conoscevano la donna, che molto probabilmente è finita fuori strada per un malore o per una distrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.