Hotel Rigopiano, le vittime salgono a sei e si continua a scavare: ecco la lista completa dei dispersi

Si continua a scavare tra le macerie di Rigopiano e purtroppo i vigili del fuoco continuano ad estrarre corpi senza vita, e tanti altri ancora rimangono dispersi. Nel tardo pomeriggio di ieri è stato estratto da sotto le macerie il corpo senza vita di un uomo, che inizialmente si pensava fosse Faye Dame ovvero il 22enne senegalese che lavorava come lavapiatti nell’hotel, ma dopo la notizia è stata smentita e al momento non sembra essere stata comunicata l’identità dell’uomo. I dispersi al momento continuano ad essere 23 e prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori che da giorni scavano anche a mani nude nella speranza di recuperare e individuare altri dispersi, ovviamente ancora in vita. “Abbiamo speranze di trovare persone vive”, ha detto Luca Cari, responsabile comunicazione dei vigili del fuoco. Ad oggi, i sopravvissuti alla valanga sono circa 11, nove dei quali estratti dalle macerie e nello specifico due recuperati all’alba di giovedì e si tratterebbe del cuoco Giampiero Parente e del manutentore dell’hotel Fabio Salzetta a questi si aggiungono la moglie di Parete Adriana Vranceanu ed il figlio Gianfilippo salvati nella mattinata di sabato ed infine tre bambini recuperati nel pomeriggio di sabato, tra cui Ludovica, Edoardo Di Carlo e Samuel Di Michelangelo.

Estratte vive anche altre quattro persone, ovvero Giampaolo Matrone, Vincenzo Forti e due donne Francesca Bronzi e Giorgia Galassi. Riguardo le vittime, al momento sono state recuperate le salme di Nadia Acconciamessa la mamma del piccolo Edoardo e Barbara Nobilio, una donna di 51 anni di Loreto Apritino in provincia di Pescara, la quale era in vacanza con il marito che al momento risulta disperso. Anche loro si trovavano a piano terra ed in alcune stanze a meno di una decina di metri da dove sono stati salvati i bambini. Trovato il corpo anche di Sebastiano Di Carlo, 49enne papà di Edoardo il quale è rimasto orfano di entrambi i genitori.

“Sono uscito di casa a Farindola. Ho cercato qualcuno che mi potesse dare notizie. Nevicava tantissimo, c’erano già 60-70 cm di neve. Le strade erano quasi introvabili. Sono tornato a casa. Ho indossato un’ attrezzatura adatta. Ero un appassionato di montagna, non lo sono più da qualche giorno. Mi sono incamminato. Sono arrivato a 300 metri da casa ma non sono riuscito ad andare avanti. Un po’ mi sento in colpa ma era impossibile andare avanti. La viabilità era già ampiamente compromessa. La neve mi arrivava all’ombelico”, è questo il racconto di Massimiliano il fratello di Alessandro Giancaterino ovvero il dipendente dell’hotel Rigopiano ovvero una delle prime due vittime recuperate dai resti dell’hotel. Ecco la lista dei dispersi sotto le macerie dell’hotel Rigopiano: il proprietario Roberto Del Rosso ed i suoi dipendenti Emanuele Bonifazi, Ilaria Di Biase, Alessandro Riccetti, e gli ospiti Domenico Di Michelangelo, Marina Serraiocco, Marco Tanda, Jessica Tinari, Luciano Caporale, Silvana Angelucci, Valentina Cicioni, Tobia Foresta, Bianca Iudicone, Piero Di Pietro, Stefano Finello, Marco Vagnarelli e Paola Tomassini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.