L’Isis minaccia l’Italia “Sarà il prossimo obiettivo”: 3 soggetti espulsi

“Il prossimo obiettivo è l’Italia”, è questa la nuova minaccia dell’Isis che arriva dopo la Spagna e la Russia. E’ questo, inoltre, quanto si legge sul canale di comunicazione utilizzato dagli utenti su telegram. 

E’ questo quanto riferito dall’ organizzazione Usa Site, che monitora l’attività del sedicente stato islamico sul web. Dopo l’attentato di Barcellona avvenuto nei giorni scorsi, l’allarme terrorismo resta molto alto anche per l’Italia e per questo motivo nella giornata di ieri, due marocchini e un siriano sono stati espulsi dal territorio nazionale per motivi di sicurezza.  E’ questo quanto comunicato dal Viminale, che in una nota ha fatto sapere che nel solo 2017 sono stati 70 i rimpatri e dal gennaio del 2015, ad oggi il numero pare sia salito a 202.

Il trentunenne marocchino è stato già sottoposto lo scorso 4 luglio ad un fermo da parte dei carabinieri di Tortona per il furto di un minibus della società di trasporto pubblico Arfea e sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, ed è stato espulso. Secondo quanto riferito, lo straniero era già stato posto all’attenzione delle forze dell’ordine nell’aprile del 2016,  per le sue turbe psichiche e in particolare il giovane è stato intercettato sempre dai carabinieri in stato psicotico mentre si proclamava un seguace dello Stato islamico e pare che nel corso del 2017 si sia ritenuto autore di analoghi episodi e per questo motivo affidato al centro di igiene mentale di Tortona e sottoposto al trattamento sanitario obbligatorio.

Il marocchino è stato segnalato all’inizio del 2017 e pare sia stato sorpreso in diverse occasioni gridare Allah Akbar.  Dopo diverse segnalazioni, il trentunenne è stato espulso e portato nella giornata di ieri nel centro di permanenza per il rimpatrio, grazie ad un decreto di espulsione firmato dal prefetto di Alessandria lo scorso mese di luglio. Nella giornata di ieri inoltre una cittadina belga di origine marocchina, di soli 22 anni sospettata di avere relazioni con il terrorismo e appena arrivata dall’Italia in Grecia, è stata arrestata in virtù di un mandato di cattura internazionale dell’Europol.

Espulso anche un cittadino  siriano, il quale utilizzava un alias di un cittadino tunisino il quale nel 2015 era stato arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sottoposto a misura cautelare dell’obbligo di dimora presso la sede di Brognaturo della cooperativa Stella del Sud.”Una straniera di 22 anni è stata arrestata per i suoi presunti legami con un’attività terroristica“, ha dichiarato una portavoce della Guardia costiera. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è da diverse ore al lavoro a Palazzo Chigi e secondo quanto si apprende è in contatto con il ministro degli Esteri Alfano e con il ministro dell’Interno Minniti per cercare di seguire gli sviluppi degli attentati che hanno coinvolto purtroppo anche i nostri connazionali e per le misure di prevenzione e sicurezza adottate e da adottare nel nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.