L’Isola dei Famosi 12, dal 30 gennaio 2017 su Canale 5: Dayane Mello e Samantha De Grenet in nomination

“Mi piace tanto Bettarini, vedremmo come se la cava”, “Diamo una possibilità anche a Bettarini”, “Bettarini… dai non male” e infine “Betta sempre”. “Volevamo fare una trasmissione antropologica, ma questa sera sarà anche meteorologica” esordisce la presentatrice romana, che più volte nel corso della diretta si trova costretta a sottolineare l’obbligo di navigare a vista, rinunciare alla scaletta e procedere – per forza di cose – a braccio.

Alessia ha immediatamente risposto che le immagini che stavano andando in onda dietro le sue spalle erano autentiche e che purtroppo le condizioni meteo avevano reso impossibile andare avanti con lo show. “Quest’anno sarà un’isola antropologica”, spiega la Marcuzzi. Daytime su Canale 5 alle 16.10 e al termine di Pomeriggio Cinque, su Italia 1 dal lunedì al venerdì alle 13 e alle 18 e la domenica alle 13.05 e alle 9, su La5 dal lunedì al venerdì alle 11.50 e alle 16.40. Chi sono però i 14 concorrenti? Ma dall’aria che tira sull’isola ci sembra anche chiaro che ci siano delle strategie ben chiare oltre al fatto che già qualcuno voglia imporre il suo credo, vedi Samanta De Grenet che ha già da ridere su tutto: dalle lattine di fagioli, alla pelle lavata, alle foglie da raccogliere e potremmo continuare ( eppure abbiamo visto solo 10 minuti di day time…).

I naufraghi non si sono dati per vinti e a nuoto hanno raggiunto l’isola. Questo rumor è partito direttamente dalla conduttrice di quest’edizione, Alessia Marcuzzi, che è stata intervistata durante l’ultima puntata andata in onda di Verissimo, il programma di Canale 5, condotto da Silvia Toffanin. I concorrenti dovranno superare delle prove che testeranno il loro livello di “evoluzione” specie perché i loro risultati sono comparati a quelli di una scimmia: se le supereranno saranno considerati evoluti e avranno dei piccoli privilegi, mentre chi non sarà evoluto rimarrà nell’isola primitiva. Vi aiuteremo, non siamo lì per farvi soffrire.

Isola dei Famosi 2017, polemiche social tra Porro di Matrix e la Marcuzzi

Ci sentiamo, serenemente, di rassicurare Nicola Porro. Il conduttore di Matrix, avendo saputo, all’ultim’ora, dello slittamento del suo programma a vantaggio dell’Isola dei Famosi, s’era abbandonato, su Facebook, ad un singulto di protesta: «Nella caccia al tesoro – quando ci sarà Matrix durante la settimana? – c’era un piccolo angoletto che era abbastanza certo, quello del martedì. Questa sera purtroppo Matrix non andrà in onda…». Dopodiché, avvolto in un sudario di mestizia, Porro quasi annaspava sull’orlo d’una crisi nervosa, e vibrava nell’angoscioso quesito: «Ora come lo dico ai miei ospiti? Come lo dico a Vittorio Feltri che la puntata è saltata?». Semplice. Bastava telefonargli, a Feltri.

E spiegargli, banalmente, che, per questioni di palinsesto, Matrix doveva lasciare spazio a quel gruppo di allegri masochisti («che tanto famosi quest’ anno mi dicono non essere») i quali non riuscivano proprio a sbarcare su un atollo dell’Honduras, tra il mare agitato e i tumulti interiori della loro ospite Alessia Marcuzzi. Certo, quella è l’Isola dei famosi, l’intestino tenue della tv, quattro sgallettate che si rincorrono tra giochini scemi e noci di cocco; e non è, naturalmente, l’«isola dei migranti» e di Trump, ossia l’argomento poderoso che doveva riempire la trasmissione giornalistica di Porro. Ma c’è un piccolo dettaglio. Nelle dinamiche di una tv commerciale come Mediaset, è l’Isola che regge tutta la baracca, Matrix compreso. Le budella tengono in vita il cervello, non viceversa.

Porro era comprensibilmente costernato dalla cancellazione del suo programma: «si è deciso di andare sui non famosi-famosi che scenderanno, si spera, sull’Isola dei Famosi», e aggiungeva che «avrò più tempo per fare sport, leggere, passeggiare». Ma, curisoamente, dimenticava il senso della gerarchia del palinsesto quotidiano. D’altronde, la settimana prima, era stato lo stesso Matrix ad allungarsi su più serate, e a far sloggiare Maurizio Costanzo, nel nome della emergenza informativa sulla valanga all’hotel Rigopiano.
È vero: nei rapporti altalenanti fra Mediaset e i suoi giornalisti star c’è un precedente: il Matrix di Mentana con argomento eutanasia che venne cancellato per far spazio al Grande Fratello. Ma lì la situazione era completamente diversa. C’era un direttore possente in continuo conflitto carsico con l’azienda; ed emergevamo scelte politico-ideologiche. Qua si tratta solo di un buon talk che fa posto, giustamente, al bancomat della ditta. Certo, se poi vogliamo farne una questione di contenuti, è un altro discorso. Ma, ti assicuro caro Nicola, bastava una telefonata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.