Mal di schiena, no ai farmaci: meditazione e yoga più efficaci per la cura e il trattamento

Sono sempre di più le persone che soffrono almeno una volta nella vita di mal di schiena, talvolta causato da una vita sedentaria, da una cattiva postura alla scrivania o dal troppo stress. Circa un adulto su quattro dice di aver avuto almeno un episodio di mal di schiena negli ultimi tre mesi. Come abbiamo già anticipato, sono sempre di più le persone che soffrono di mal di schiena e soprattutto sono sempre di più le persone che si affidano ai farmaci antinfiammatori per combattere il dolore. La lombalgia è determinata tanto da cause strutturali e anatomiche, quanto da fattori sociali, biologici e psicologici, ha spiegato Roger Chou, professore all’Oregon University che ha contribuito alle nuove linee guida dell’ACP.

Secondo quanto riferito da un gruppo di esperti dell’American College of Physicians, l’organizzazione nazionale di medici di medicina interna degli Stati Uniti, sembra che solo tre mesi di yoga, massaggi e agopuntura sono sufficienti per combattere il mal di schiena; sono questi alcuni consigli dettati dall’organizzazione nazionale di medici di medicina interna degli Stati uniti che ha dettato le linee guida americane contro l’utilizzo indiscriminato dei farmaci spesso inutili e con troppe controindicazioni.” I medici dovrebbero rassicurare i loro pazienti del fatto che la lombalgia acuta e subacuta di solito migliora nel tempo indipendentemente dal trattamento”, ha detto Nitin S. Damle, presidente dell’ ACP. “Dovrebbero evitare di prescrivere esami inutili e farmaci costosi e potenzialmente dannosi”. Quando si ha mal di schiena, solitamente l’azione cui si ricorre più di frequente è quella di assumere un medicinale, ma questa non è la soluzione più naturale ne quella più efficace; una ricerca portata avanti dall’American College of Physicians, ovvero l’organizzazione nazionale dei dottori di medicina interna degli Stati Uniti, ha affermato senza ombra di dubbio che i pazienti dovrebbero prendere in considerazione almeno altre 3 strade prima di percorrere quella degli antidolorifici.

Innanzitutto dovrebbero darsi 3 mesi di tempo per combattere il mal di schiena con metodi naturali, quali yoga, massaggi e agopuntura, e poi qualora il dolore non dovesse passare e dovesse diventare cronico, bisognerebbe ricorrere agli antidolorifici. Sempre al riguardo dei farmaci, secondo quanto è emerso i medici dovrebbero solo prescrivere ibuprofene o altri tipi di farmaci non steroidei, piuttosto che prescrivere gli oppiodi, che dovrebbero essere considerati davvero l’ultima spiaggia. Il mal di schiena così può diminuire grazie alla meditazione, alla pratica dello Yoga o del Tai Chi. Per chi non lo sapesse per Tai chi o anche Taiji si intende uno stile interno delle art marziali cinesi nato come tecnica di combattimento ed oggi è conosciuto in occidente soprattutto come ginnastica e come tecnica di medicina preventiva.Soltanto in caso di bisogno, o se queste terapie non danno gli effetti sperati, si deve ricorrere ai medicinali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.