Maltempo, perturbazione sull’Italia porterà gelo e neve: nuovo peggioramento in arrivo

Una nuova ondata di maltempo in arrivo sull’Italia e proprio per questo motivo non sarà una settimana facile, per via dell’arrivo di un nuovo vortice ciclonico in azione sull’Italia. Secondo quanto riferito dagli esperti sembra che nei prossimi giorni torneranno ad essere protagonisti nel nostro paese il flusso gelido continentale che già nelle scorse settimana aveva fatto il suo ingresso in Italia ed anche quello umido e perturbato Atlantico che verranno a trovarci proprio nelle prossime ore. “Potenzialmente questo contesto barico, potrebbe essere esplosivo, in termini invernali, poiché l’inserimento delle correnti umide atlantiche sul nostro bacino potrebbe attivare una bassa pressione sui mari circostanti l’Italia, in modo da richiamare quell’enorme fiume gelido sull’est Europa, proprio addosso all’Italia“, spiegano gli esperti.

Per quanto riguarda la giornata di oggi, martedì 7 febbraio è previsto un temporaneo miglioramento tranne che sulle regioni adriatiche e sulla Sicilia ed ancora sotto i 1000m sulle Marche, è questo quanto spiegato dal meteorologo Edoardo Ferrara. Lo stesso ha anche aggiunto che sul resto della Penisola avanzeranno delle schiarite e la tregua di cui abbiamo parlato sarà piuttosto breve perché è in arrivo una nuova perturbazione atlantica che avanzerà da Ovest portando un peggioramento notturno sul Nordovest. Maltempo diffuso in Sicilia e nella bassa Calabria, dunque, con piogge molto intense ma con quota neve oltre i 1400 metri; pioverò anche sul medio versante Adriatico e nello specifico anche nelle Marche, in Abruzzo e Molise con nevicate oltre gli 800 metri, ed infine pioverà anche nelle regioni tirreniche. Atteso anche un altro peggioramento per la giornata di domani per l’arrivo di una nuova perturbazione che porterà maltempo anche sulla Sardegna dove si verificheranno frequenti ed intense piogge e nevicate oltre 1000-1200 metri.

Un miglioramento quando arriverà? Purtroppo il maltempo persisterà fino al prossimo venerdì, poi nel weekend l’alta pressione potrebbe ritornare portando tempo più stabile soprattutto al Centronord. Dunque, secondo quanto è emerso, più esposti al maltempo sarebbero i settori del medio-alto Adriatico e quelli settentrionali; previste piogge sulle regioni meridionali ma poco ingresso di aria fredda e dunque le temperature dovrebbero rimanere miti per i prossimi giorni in queste zone. Aria fredda invece sul Centro Nord Appennino, tra Nord Abruzzo, Marche, Emilia Romagna. Su questi settori sono maggiormente probabili infatti nevicate più consistenti e frequenti fino in collina, ma in qualche caso possibili fino a bassa quota. Aria fredda di origine artica interesserà invece la Scandinavia e la parte nord-orientale dell’Europa, anche con locali nevicate a quote basse.Gli esperti sostengono che non si tratta dell’unica ondata di maltempo, visto che il prossimo mese di Marzo sarà interessato con buona probabilità da diverse fasi fredde e con rischio neve a bassa quota anche sull’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.