Meningite meningococcica colpisce ragazza 17 enne. Al via la profilassi per 20 persone

0

Ci troviamo a Saronno dov’è la meningite colpito ancora fidarmi di una studentessa diciassettenne: Meningite meningococcica, il ceppo virale riscontrato sulla ragazza molto contagio. Dare la conferma è stata risposta dell’esame uguali la ragazza residente nella bassa comasca era stata sottoposta l’altro ieri pomeriggio sul corso in pronto soccorso con febbre altissima, torpore e rigidità nucale.

Le parole di Gallera

«In merito alla ragazza ricoverata martedì all’ospedale di Saronno, le analisi di laboratorio hanno confermato che è affetta da meningite meningococcica. Le sue condizioni, pur gravi, si sono mantenute stabili nelle ultime ventiquattr’ore». Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

«La profilassi con somministrazione di antibiotico – ha spiegato Gallera – è già stata effettuata, come prevedono le linee guida, nella stretta cerchia di familiari e amici, in totale una ventina di persone. La profilassi è stata attivata solo per i contatti stretti dal momento che la ragazza risulta assente da scuola dal 27 febbraio scorso». Stando stando

L’Azienda territoriale sanitaria, proprio nella giornata di ieri, ha diffuso una nota nella quale è stato nello specifico affermato “La scorsa notte è stata ricoverata all’ospedale di Saronno una diciassettenne, sono in corso accertamenti” proseguendo poi “sono in corso in queste ore le indagini diagnostiche più opportune per definire con precisione la patologia di cui è affetta la paziente”. L’Ats Insubria e Asst Valle Olona hanno immediatamente attivato i protocolli necessari e previsti in queste particolari circostanze e a tal proposito va precisato che proprio la famiglia della diciassettenne, al momento ricoverata e di cui per una questione di privacy sono state rivelate al momento ancora poche informazioni, sarebbe stata sottoposta alla dovuta profilassi prevista appunto in tutti i casi di meningite, il tutto a scopo precauzionale.

Al momento quindi, la struttura sanitaria, sta provvedendo seguendo due diversi fronti di cui uno è quello composto dalla giovane paziente che in queste ore è stata sottoposta alle dovute cure e poi ancora l’altro fronte è quello della prevenzione per evitare quindi che possano aver luogo dei casi di contagio. Bisognerà dunque attendere il risultato delle analisi e dei vari accertamenti effettuati dai medici nelle scorse ore sulla giovane paziente per scoprire se effettivamente si tratta di un caso di meningite oppure no. E proprio tali risultati sono molto attesi in quanto, se dovessero confermare la presunta diagnosi allora si tratterebbe del secondo caso di meningite verificatosi in provincia di Varese dall’inizio di questo nuovo anno. Proprio lo scorso mese di febbraio, infatti, una ragazza di soli 32 anni ha perso la vita poche ore dopo il suo arrivo presso il pronto soccorso dell’Ospedale di Luino per aver contratto la meningite da pneumococco.

Rispondi o Commenta