Meteo, nuova perturbazione atlantica in arrivo sull’Italia: martedì grasso sotto la pioggia e calo delle temperature

E’ in arrivo su gran parte dell’Italia una perturbazione atlantica che porterà su gran parte della nostra penisola perturbazioni provenienti dall’Europa con vari fronti pilotati da una sequenza di vasti vortici freddi in movimento da Canada e Islanda verso Isole Britanniche e Scandinavia.“Una perturbazione a carattere di fronte freddo sta per valicare la barriera alpina: nelle prossime 24-36 ore attraverserà l’Italia, mentre la massa d’aria fredda al suo seguito si riverserà sui mari attorno alla Penisola, dando origine ad una circolazione ciclonica che, nelle ore centrali di domani si troverà tra Sardegna e Sicilia e che causerà una generale sensibile diminuzione delle temperature”, hanno spiegato gli esperti meteorologi. La situazione comincerà a peggiorare a partire dalla giornata di oggi, lunedì 27 febbraio, quando cominceranno ad arrivare piogge, forte vento ed anche neve a quote basse che interesseranno per lo più il Centronord Europa ed anche l’Italia.

Sono in aumento nubi tra Liguria e alta Toscana con qualche piovasco, in estensione a fine giornata a resto del Nord specie Alpi, Prealpi.Dopo una breve pausa il maltempo torna, dunque, a colpire l’Italia con pioggia e con un leggero calo delle temperature su gran parte della penisola; già a partire dalla giornata di oggi si verificheranno nubi sparse su gran parte dell’Italia, in particolare sulla Liguria e sulla Toscana. Fenomeni simili sono previsti anche in Piemonte, Lombardia ed ancora al Nordest con nubifragi sul Friuli-Venezia Giulia ed entro fine giornata anche su Umbria, Lazio e Campania. La situazione meteorologica tenderà a peggiorare ancora di pi nella giornata di martedì quando la perturbazione sarà in transito e si verificheranno piogge e rovesci anche a sfondo temporalesco al Nord e alta Toscana, specie su Alpi, Prealpi, pedemontane, Friuli Venezia Giulia, Levante Ligure; previste piogge anche su Toscana, Umbria, Lazio, Campania. Possibili nevicate sino a 1.400-1500 metri sulle Alpi, in calo serale, 1.100-1.300 metri sulla dorsale settentrionale.

Venti fino a burrasca di provenienza mediamente nordorientale su Romagna, appennino settentrionale, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, alto Lazio e di provenienza più settentrionale su Sardegna comunque in graduale attenuazione durante la seconda parte della giornata, ad eccezione dell’isola dove invece persisteranno anche in serata e nottetempo. Come abbiamo già anticipato, la perturbazione è seguita da aria fredda che tra martedì e mercoledì porterà un nuovo calo termico su tutta l’Italia ma senza sconfinare nel freddo, poi giovedì 2 marzo tornerà l’alta pressione su tutta la penisola e con questa tornerà il bel tempo. Il brutto tempo dovrebbe contribuire a pulire l’aria, almeno in parte della Valpadana, dove i livelli di smog sono preoccupanti; nei giorni scorsi purtroppo i livelli hanno toccato i 116 µg/m³ a Treviso, valore che risulta oltre il doppio rispetto alla soglia limite stabilita per la salvaguardia della salute umana. Purtroppo la stessa situazione si è registrata in Lombardia e Veneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.