Meteo, stop all’autunno con l’anticiclone: torna l’alta pressione e temperature in aumento

Cambio di rotta dal punto di vista meteorologico visto che nei prossimi giorni la rimonta anticiclonica determinerà un aumento delle temperature per richiamo di aria nettamente più mite dal nord Africa che si andrà a sostituire a quella fredda giunta nelle scorse ore.  È previsto un rialzo termico più che altro al nord e nello specifico su Alpi e nord Appennino, dove si registreranno massime fino a 11- 13 gradi circa a 1500- 1600 metri.  È previsto anche un rialzo termico al sud dove le massime sia gireranno sui 15-18 gradi Con punte superiori anche e sulle Isole maggiori e dunque Sicilia e Sardegna.  Le massime invece saranno inferiori sulle pianure del Nord,  complice un aumento della copertura nuvolosa a partire dalla serata di martedì con valori che si registreranno mediamente sui 10 14 gradi.  Riguardo le minime sembrano valori bassi fino alla giornata di martedì congelate deboli in pianura e sulle zone interne del centro nord.  Come abbiamo visto, dunque, l’anticiclone in arrivo dal nord Africa porterà un aumento della temperatura in tutta la penisola e quindi gli italiani per qualche giorno potranno finalmente dire addio al gelo vissuto nelle scorse settimane.

Ovviamente, si tratterà soltanto di una piccola pausa per questo autunno visto che il freddo tornerà ad essere particolarmente intenso già a partire dalla prossima settimana. In Sicilia nella giornata di oggi si avrà una residua nuvolosità a tratti diffusa che potrebbe produrre dei piovaschi isolati, soprattutto nella città di Palermo e provincia.  Sempre nella giornata di oggi è atteso un calo termico ma farà freddo soprattutto in serata e nottata. Sempre in Sicilia a partire da mercoledì fino a venerdì si attendono giornate con cielo sereno o poco nuvoloso e come abbiamo detto, le temperature saranno di 23 gradi al di sopra delle medie del periodo.

La presenza dell’alta pressione porterà soleggiamento e temperature in graduale aumento quindi al centrosud ma favorirà anche il ritorno delle nebbie sulla pianura padana, dove il cielo sarà completamente coperto per nubi basse, locale pioviggine anche per via dell’inquinamento. Il direttore e fondatore di un noto sito di metereologia ha spiegato che la diminuzione della pressione causerà due tendenze differenti l’una dall’altra e la prima porterà in una massiccia discesa di aria polare che farà piombare l’Italia in pieno inverno e la seconda e l’arrivo delle piogge alluvionali, purtroppo su molte regioni nei prossimi giorni.

Nella giornata di mercoledì, il cielo sarà spesso coperto e localmente nebbioso al nord e soprattutto in Toscana, Umbria e Lazio settentrionale con possibili pioviggini e soprattutto su queste zone comprese il Piemonte e la Liguria. Sul resto delle regioni il sole comunque sarà il prevalente. Ad ogni modo il campo ad alta pressione dovrebbe durare per gran parte della settimana portando il tempo stabile quasi ovunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.