Milano, due ragazzi picchiati ed insultati all’uscita da una discoteca: “Froci di m…..”

0
Michele e Marcello, i due ragazzi picchiati sabato notte vicino a una discoteca di Milano sono stati vittime di un’aggressione omofoba: “Prima di cominciare a picchiare ci hanno provocato, ci hanno urlato ‘fr…’. L’obiettivo principale era offendere e fare male, non rubarci quello che avevamo addosso”, ha detto l’amico che era con loro.

Ancora un’aggressione omofoba a Milano ed a raccontarlo sono due giovani 25enni di Milano i qual sono stati aggrediti ed insultati pesantemente da un gruppo di 7-8 persone all’uscita di una discoteca di Milano nella notte tra sabato e domenica. “Ci hanno offeso dicendo froci di m… fate schifo”, sono queste le frasi messe a verbale dai carabinieri e riportate dai due giovani aggrediti, insulti arrivati da parte degli aggressori. I due giovani 25enni sono stati soccorsi e trasportati al Policlinico di Milano dove uno dei due è stato sottoposto ad un intervento chirurgico di ricostruzione del naso mentre l’altro sarà operato nella giornata di oggi; i carabinieri sono andati in ospedale a raccogliere la testimonianza dei due giovani i quali hanno raccontato di esser stati aggrediti all’uscita di una discoteca, dopo aver partecipato ad una serata gay. Raccolta la testimonianza, adesso gli inquirenti stanno indagando per cercare di capire se all’interno del locale prima di uscire ci sia stata una lite tra i due giovani e gli altri appartenenti al gruppetto.

Secondo quanto riferito dal racconto dei due 25enni sembra che uno dei componenti del gruppo gli abbia dato una spinta mentre si avvicinavano ad un’auto a noleggio e da li sarebbe nata una lite dapprima verbale poi degenerata in uno vero e proprio scontro brutale.Improvvisamente sono volati calci e pugni e oltre all’aggressione fisica e verbale, i componenti del gruppetto hanno anche tentato di portare via i cellulari ed i portafogli ai due 25enni. “Erano lì per picchiare qualcuno non si è trattato affatto di una rapina, volevano aggredire qualcuno ed è capitato a noi. Quando si sono accorti che eravamo gay ci hanno anche insultato. A Marcello hanno strappato dalle mani il telefono e gli hanno rubato il portafoglio, ritrovato poi a 20 metri di distanza. Erano in 8, tutti italiani sui vent’anni”, ha riferito uno dei due giovani alla Polizia. Come già abbiamo anticipato le due vittime hanno riportato delle ferite abbastanza gravi, e nello specifico uno è stato già operato e sottoposto ad una ricostruzione del naso, mentre l’altro sarà operato oggi, dopo aver riportato la frattura della teca cranica.

  “Abbiamo sentito gli organi inquirenti per capire meglio la natura e le motivazione dell’aggressione, e all’interno di queste i caratteri più o meno, direttamente o indirettamente omofobici, che la vicenda poteva presentare, data la comparsa durante l’aggressione della dizione ‘froci’ da parte degli aggressori – spiegano in una nota”, è questo il commento dell’Arcigay Milano, convinti che si sia trattata di un’aggressione omofoba.”Non c’è dubbio, si è trattato di un’aggressione omofoba”, ha aggiunto l’Arcigay di Milano. Aggressione omofoba anche a Roma, dove uno studente siciliano di 24 anni ha denunciato di essere stato preso a pugni in faccia da due sconosciuti che lo hanno anche insultato urlandogli “A fro, non mi rompere il ca..”.

Rispondi o Commenta