Misurare la pressione: destra o sinistra? prima di cena è meglio, ecco perchè

0

Prima di cena, sdraiati sul divano, in tranquillità. E utilizzando il braccio sinistro, perché “gli apparecchi elettronici che sono a disposizione oggi sono destinati all’applicazione al braccio sinistro“: sono le condizioni ideali per misurare la propria pressione. Lo spiega il professor Roberto Meazza, responsabile del modulo del Day Service dell’ipertensione arteriosa al Policlinico di Milano.

La prima indicazione – suggerisce l’esperto – è sistemarsi in un punto tranquillo della casa, senza l’influenza di altri familiari o il disturbo di animali. Meglio ancora se ci si sdraia sul divano, rilassati, con cuore e gambe alla stessa altezza. In ogni caso, non bisogna stare in piedi“. “E’ opportuno eseguire un paio di rilevazioni a distanza di qualche minuto, in genere la prima tende ad essere superiore alle successive. Per questo, se si effettuano 3 rilevazioni si consiglia di fare la media tra la seconda e la terza“, spiega. Il braccio indicato per la misurazione? Il sinistro. “Gli apparecchi elettronici che sono a disposizione oggi – sottolinea l’esperto – sono destinati all’applicazione al braccio sinistro“.

Qual è il momento più indicato della giornata?L’orario migliore è tra le 18 e le 20, prima di cena. Tale rilevazione -osserva- corrisponde in linea di massima alla media dei valori di un’intera giornata“. “Le linee guida stilate dalla Società europea dell’ipertensione indicano che i valori normali sono compresi tra 85 e 135“, spiega il professore. Cosa bisogna fare se un’automisurazione produce un valore ‘anomalo’? “Non si deve pensare all’ipertensione dopo il risultato di una singola misurazione”. L’allarme scatta “quando si trovano costantemente valori al di sopra del limite, ci deve essere una continuità“. In realtà, precisa opportunamente il professor Meazza, “l’automisurazione si esegue quando c’è già stata una diagnosi da parte del medico e il paziente, quindi, svolge un’attività di controllo in una fase successiva“. (AdnKronos)

Come misurare la pressione

Misurare la pressione in modo corretto è indispensabile perché il risultato sia corretto e sia quindi utilizzabile dal medico per decidere cosa sia meglio fare. La misurazione non è un atto banale e richiede una tecnica precisa. Ecco cosa si deve fare.
– Essere a riposo da almeno cinque minuti
– Non aver bevuto caffè o fumato da almeno mezz’ora
– Non avere indumenti stretti alla vita e al braccio
– Sedersi comodamente, ben appoggiati allo schienale
– Non incrociare in alcun modo le gambe o i piedi
– Appoggiare il braccio sul tavolo, circa all’altezza del cuore
– Avvolgere il manicotto in modo corretto intorno al braccio (vedere le istruzioni dell’apparecchio)
– Misurare una prima volta la pressione dopo essere seduto col braccio appoggiato al tavolo da almeno un minuto
– Misurare una seconda volta la pressione dopo 1-2 minuti
– Se l’apparecchio non memorizza i risultati, registrarli subito su un foglio
Quando misurare la pressione
Per utilizzare al meglio le rilevazioni della pressione è meglio fare le medie dei valori. Per questo motivo è meglio misurarla più volte e più giorni di seguito. I risultati migliori si hanno seguendo le seguenti indicazioni
– Misurarla al mattino e alla sera prima di assumere i farmaci per la pressione e prima di mangiare
– Seguire scrupolosamente il metodo sopra riportato
– Effettuare le misurazioni per sette giorni di seguito
Quando ripetere le misurazioni
Bisogna misurare la pressione solo quando serve. In base ai valori medi dell’ultima serie di misurazioni il medico vi indicherà quando eseguire il prossimo controllo.
Se avete disturbi di vario tipo (debolezza, testa leggera, capogiri, ecc) e si teme dipendano da valori pressori troppo bassi è bene provare la pressione (rispettando la tecnica sopra riportata) mentre è presente il disturbo e comunicare poi i valori al medico.

COS’È LA PRESSIONE ARTERIOSA?La pressione arteriosa è la forza che il sangue esercita contro la parete delle arterie. È come la pressione dell’acqua in un tubo per innaffiare. La pressione arteriosa varia durante il giorno, ma se è costantemente sopra 140/90 mm Hg, si parla di pressione alta o “ipertensione”.Ci sono due misure della pressione arteriosa:

• La pressione arteriosa sistolica si raggiunge quando il cuore batte e pompa il sangue nelle arterie.• La pressione arteriosa diastolica si raggiunge quando il cuore si rilascia e si riempie di sangue, tra un battito e l’altro.• Se la mia pressione è “135 su 85”, il primo valore è la mia pressione sistolica e il secondo la mia pressione diastolica.È importante conoscere la propria pressione per sapere se hai l’ipertensione.

PERCHÉ DOVREI ESSERE INTERESSATO ALLA MIA PRESSIONE ARTERIOSA?
Se ho la pressione alta posso anche non sentirmi male, ma la pressione alta danneggia i vasi sanguigni e può essere molto pericolosa.
Se la mia pressione non è ben controllata, ho un rischio aumentato di:
• Ictus
• Infarto
• Insufficienza cardiaca
• Demenza
• Malattia renale
• Disturbi visivi (retinopatia)
• Disfunzione sessuale
La pressione alta è frequente, ma molte persone non sanno di avere l’ipertensione. Sapendo i miei valori, saprò se ho l’ipertensione. Posso controllare la mia pressione con un misuratore di pressione domiciliare o farmela controllare dal mio medico.
Controllare la pressione aiuterà a farmi star bene e a diminuire il mio rischio di ictus, cardiopatie, nefropatie e altri problemi.

COSA POSSO FARE PER LA MIA PRESSIONE ARTERIOSA
LA PRESSIONE ARTERIOSA SI PUÒ CONTROLLARE
Per prevenire l’ipertensione ci sono delle cose che posso fare per mantenere la pressione nella norma.
Se ho l’ipertensione, ci sono delle cose che posso fare per abbassare la mia pressione e ridurre il rischio di ictus, insufficienza cardiaca, malattia renale e altri problemi.
Per prevenire l’ipertensione o controllare meglio la mia pressione posso:
• Esercitare una regolare attività fisica
• Consumare una dieta sana
• Perdere peso o mantenere il giusto peso
• Evitare un eccesso di alcool
• Smettere di fumare ed evitare i luoghi dove gli altri fumano
Mantenere uno stile di vita sano farà la differenza nel controllare l’ipertensione
Usa la Tabella 1 per cambiare lo stile di vita e migliorare la pressione. Cambiamenti positivi allo stile di vita possono essere molto efficaci nell’abbassare la pressione arteriosa.
Per ulteriori informazioni su cosa posso fare per prevenire e trattare l’ipertensione, posso visitare: www.siia.it,
www.pressionearteriosa.net o www.cuore.iss.it/prevenzione/ipertensione.asp
Posso anche chiedere informazioni al mio medico.

MISURAZIONE DOMICILIARE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA
Chiedere al medico se devo misurare la pressione arteriosa a casa.
Alcuni soggetti molto ansiosi o con disabilità possono avere dei problemi a misurare la pressione.
Perché devo misurare la pressione a casa?
Misurare la pressione a casa aiuta il mio medico e me a capire quanto è controllata la mia pressione giorno per giorno. Mostra anche come i cambiamenti dello stile di vita e i farmaci controllano la mia pressione arteriosa.
Il mio medico può chiedermi di misurare e registrare la mia pressione due volte al giorno per una settimana prima di ogni appuntamento. Questo mostra quanto è controllata la mia pressione durante la routine giornaliera.
Che tipo di misuratore di pressione devo comprare?
Ci sono molti misuratori di pressione in vendita in Italia.
Devo chiedere al mio medico che misuratore di pressione è adatto per me. Per esser certo di comprare un misuratore preciso, devo cercare questo logo, che contraddistingue i misuratori di pressione automatici approvati.
I bracciali per la pressione si presentano di varie dimensioni. È molto importante che il bracciale si adatti correttamente al mio braccio. Un bracciale di dimensioni sbagliate darà misure scorrette. È importante misurare la circonferenza del braccio per comprare il bracciale giusto. Prendi la misura a mezza altezza tra la spalla e il gomito (vedi Figura 1) Chiedi al farmacista di aiutarti a scegliere il bracciale delle giuste dimensioni.
Circonferenza del braccio nel punto mediano (cm)
Bracciale piccolo
22-26
Bracciale standard
27-34
Bracciale grande
35-44
Bracciale da coscia (cosciale)
45-52

FARMACI ANTIPERTENSIVI
Ci sono molti farmaci per la pressione alta. La maggior parte di essi appartengono a sei “classi” di base che agiscono in modo diverso per abbassare la pressione del sangue:
• I diuretici abbassano la pressione arteriosa riducendo la quantità di sale e acqua nell’organismo.
• I beta-bloccanti rallentano la frequenza cardiaca.
• Gli ACE (enzima di conversione dell’angiotensina) inibitori impediscono la formazione di sostanze (“ormoni”) che aumentano la pressione arteriosa.
• Gli inibitori della renina impediscono la formazione degli stessi ormoni degli ACE inibitori ma in modo diverso.
• Gli ARB (bloccanti del recettore dell’angiotensina) bloccano gli effetti degli ormoni che aumentano la pressione arteriosa.
• I calcio-antagonisti rilasciano i vasi sanguigni.
Posso aver bisogno di due o più farmaci per controllare la mia pressione.
Per mantenere la pressione nella norma e ridurre il rischio di cardiopatia, ictus, malattia renale o problemi agli occhi, devo prendere i farmaci come prescritto.
Devo parlare col mio medico se ho dei dubbi su come prendere i farmaci od ho altre domande. Non devo smettere di prendere i farmaci senza prima parlarne con un medico a meno che non abbia una reazione grave.
Se ho problemi a ricordarmi di prendere i farmaci, posso:
• Sviluppare delle abitudini (per es., prenderli alla stessa ora tutti i giorni). Se mi resta più facile prendere un farmaco ad una certa ora del giorno (per es., con la colazione), chiederò al mio medico un farmaco adatto alle mie abitudini.
• Chiedere al mio medico se posso passare ad un farmaco che si prende solo una volta al giorno.
• Chiedere al mio medico se i miei farmaci per la pressione sono disponibili come compressa singola.
• Acquistare un distributore di compresse dalla mia farmacia e riempirlo con la mia scorta settimanale.
• Segnare sul calendario o sul diario della pressione quando prendo i farmaci.
• Segnare sul calendario quando i farmaci staranno per finire per chiedere una nuova ricetta prima che finiscano.
• Tenere con me un elenco aggiornato che riporti il nome, la dose e l’orario di assunzione di ogni farmaco. Mostrarlo al mio medico ogni volta che lo vedo.
• Tenere una scorta dei miei farmaci al lavoro in caso dimentichi di portarli da casa.
• Misurarmi la pressione per farmi ricordare di prendere i farmaci.
• Chiedere aiuto al mio medico.

Rispondi o Commenta