Morta bambina di nove anni, nel suo sangue tracce di metanolo

Incredibile quanto accaduto a Roma nelle scorse ore, dove una bambina molto piccola è deceduta presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma. La procura di Roma ha aperto un’indagine sulla morte della bambina di 9 anni originaria di Matera in Basilicata ed affetta da una cardiopatia di cui soffriva fin dalla nascita. Secondo quanto riferito, la bambina pare sia deceduta presso l’ospedale Bambin Gesù di Roma a pochi Giorni giorni dal ricovero e pare sia stata trasferita presso la capitale della struttura sanitaria della sua città, dopo un peggioramento delle sue condizioni di salute visto che la bambina soffriva, come abbiamo riferito, di una cardiopatia congenita. Peccato che i risultati delle analisi effettuate poco prima del decesso abbiamo rilevato la presenza di metanolo ovvero una sostanza altamente tossica nel suo organismo.

La vicenda risale allo scorso 5 ottobre quando la bambina affetta da problemi cardiaci venne portata dai genitori al pronto soccorso di Matera, la città della Basilicata dove vive con la famiglia, ma le sue condizioni sono apparse sin da subito molto gravi. Proprio per questo motivo, come prima abbiamo anticipato, due giorni dopo la piccola venne trasportata d’urgenza all’ospedale Bambino Gesù i Roma, dove è stata visitata e sottoposta ad alcuni esami tra cui quello tossicologico.

Come già detto, nel corpo della piccola pare sia stato ritrovato del metanolo, una sostanza alcolica più semplice ma tossica utilizzata nei solventi e carburanti. Dopo questo esito, è calato il gelo, visto non si riusciva a capire come questa sostanza fosse finita nel corpo della piccola. I medici avevano ben capito che il destino della piccola purtroppo era segnato, perché non ci sarebbe alcuna cura al riguardo e purtroppo la piccola sarebbe deceduta da li a breve. Ed in effetti la bambina è deceduta proprio nelle scorse ore. Adesso il Pm Maurizio Arcuri ha deciso di aprire un’indagine per omicidio colposo, sperando di poter fare luce su quanto accaduto alla bambino e come il metanolo sia finito nel suo piccolo corpicino. Il Pm nello specifico pare abbia incaricato i suoi consulenti di cercare di capire come mai questa sostanza altamente tossica che tra l’altro induce depressione del sistema nervoso centrale sia finito nel sangue della vittima e se effettivamente è stata questa sostanza possa averla condotta alla morte.

Per questo motivo è stato disposto l’esame autoptico che potrebbe chiarire il mistero e soprattutto dire se la bambina abbia respirato la sostanza o assunta per via orale. Il metanolo è il più semplice degli alcoli, noto anche come alcol metilico o spirito di legno. L’avvelenamento da metanolo è una condizione clinica provocata dall’assunzione acuta o cronica di metanolo. Non tutti sanno che il metanolo si trova in oggetti di uso quotidiano come solventi, lacche, vernici, detergenti e liquidi di fotocopiatrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.