Morte sospetta di un anziano, aperto fascicolo per omicidio colposo: due i medici indagati

Morte sospetta a Venezia dove la Procura della Repubblica di Pordenone ha aperto un fascicolo d’inchiesta per omicidio colposo nei confronti di due medici dei Pronto Soccorso di Portogruaro e San Donà di Piave in provincia di Venezia in seguito ad un esposto presentato dai familiari di un anziano signore di 80 anni, di San Stino di Livenza, in provincia di Venezia, morto il 25 febbraio per setticemia. La vittima si chiamava Vittorio Ridolfo 80enne di San Stino di Livenza, in provincia di Venezia morto lo scorso 25 febbraio per setticemia; all’anziano signore gli avevano diagnosticato un’infezione urinaria e poi ufficialmente sarebbe morto per setticemia. Come abbiamo anticipato, i familiari dell’uomo hanno presentato un esposto alla locale stazione dei carabinieri chiedendo alla Procura di Pordenone di disporre gli opportuni accertamenti per verificare eventuali profili di responsabilità in capo ai medici che hanno preso in cura il loro caro.

“Istanze che il pubblico Ministero, Pier Umberto Vallerin, ha ritenuto fondate aprendo un procedimento per omicidio colposo, iscrivendo nel registro degli indagati un medico 32enne del pronto soccorso di San Donà e un 46enne, medico chirurgo al pronto soccorso del nosocomio di Portogruaro, disponendo l’autopsia che si svolgerà lunedì prossimo all’obitorio di Portogruaro”, si dichiara in una nota di Studio 3A.

Il sostituto procuratore Pier Umberto Vallerin ha disposto accertamenti e l’acquisizione delle cartelle cliniche. Al momento l’iscrizione nel registro degli indagati in questa fase rappresenta un atto dovuto a garanzia delle tutele difensive consentendo ai due medici di nominare un perito che possa presenziare all’esame autoptico; l’uomo era stato operato di bypass coronarico ma secondo quanto riferito dai congiunti versava in buone condizioni di salute, ma era tornato a casa dal supermercato con forti dolori addominali, nausea e crampi.

Il figlio lo aveva accompagnato dal medico di famiglia e poi ancora al Pronto soccorso di San Donà dove gli è stata somministrata una flebo ed applicato un catetere; subito dopo, trascorse alcune ore i familiari lo hanno riaccompagnato al pronto soccorso a Portogruaro dove è stato sottoposto ad alcuni accertamenti urgenti per una probabile setticemia. Prima di essere sottoposto ad una Tac, l’anziano signore è deceduto. “Caro Vittorio, sei stato una persona discreta, gentile e sempre pronto ad aiutare. Sei stato per i tuoi nipoti, in particolare Marco, un nonno speciale, per noi un grande tifoso ed un utile collaboratore. Lì, dove sei andato, saranno molto contenti di averti con loro perché le persone come te non si trovano sempre. Noi, qui in campo, penseremo a te che ci guardi da lassù. Buon viaggio Vittorio”, è questo il saluto dedicatogli nel proprio sito dal club, le due squadre comprese le giovanili che nella giornata di domenica giocheranno con il lutto al braccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.