Morto il 37enne scomparso venerdì, ucciso a coltellate e sepolto in una discarica

È stato ritrovato il cadavere di Guido Bettoni, il trentasettenne il quale era risultato scomparso dalla propria abitazione dallo scorso venerdì e pare che il suo corpo sia stato ritrovato nella giornata di martedì sotterrato nelle campagne di Ghedi.

La vittima si chiamava Guido Bettoni, un trentasettenne scomparso nella giornata di venerdì anche se la famiglia pare abbia sporto denuncia soltanto nella giornata di martedì, lanciando diversi appelli su Facebook; fortunatamente i carabinieri sono riusciti a risalire al presunto killer e si tratterebbe di Lamberto Lombrici 42 anni, amico della vittima il quale ha anche confessato di avere ucciso l’uomo per questioni legati a droga. Ebbene sì, Guido Bettoni è stata uccisa nella sua abitazione per motivi legati allo spaccio di droga e ad ucciderlo è stato l’amico nel quale lo avrebbe colpito con 15 coltellate.

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, sembra che l’omicida dopo il delitto avrebbe ripulito tutto, caricato il corpo dell’amico in auto e dopo aver girovagato a lungo lo ha nascosto; gli investigatori pare che abbiano incentrato le indagini sull’uomo, dopo che erano state ritrovate delle tracce di sangue all’interno della sua auto e così messo alle strette ha confessato e ha fatto ritrovare il cadavere. “Si è tolto un peso. Senza la confessione non saremmo riusciti ad arrivare in quel posto molto difficile da raggiungere”, è questo quanto dichiarato dal magistrato.

“L’omicida ha pulito casa, ha avvolto il cadavere in un piumone e lo ha portato via” ha aggiunto il comandante provinciale dei carabinieri di Brescia Luciano Magrini, il quale ha aggiunto “ha sepolto il corpo dopo aver girato per quasi un giorno con il cadavere in auto. Da una serie di attività siamo arrivati all’indagato che messo davanti ad alcune evidenze, tra cui alcune macchie di sangue trovate sull’auto, ha ceduto”. Secondo i carabinieri, dietro all’omicidio che è stato compiuto a casa della vittima con almeno 15 coltellate, ci sarebbe proprio lo spaccio di droga e come abbiamo già detto e secondo quanto raccontato dal comandante provinciale dei carabinieri di Brescia, Luciano Magrini Lombrici avrebbe ripulito casa avvolgendo il cadavere in un piumone e lo ha portato via, poi avrebbe sepolto il corpo dopo aver girato per quasi un giorno intero con il cadavere in auto.

“Da una serie di attività siamo arrivati all’indagato che messo davanti ad alcune evidenze, tra cui alcune macchie di sangue trovate sulla auto, ha ceduto” ha aggiunto Magrini. È stato lo stesso omicida a portare i militari nelle campagne di Ghedi, indicando l’esatto punto in cui aveva seppellito il cadavere di Bettoni e pare sia stato confermato che dietro il delitto ci sia un caso di droga. Gli inquirenti nel frattempo hanno messo sotto sequestro all’appartamento in cui è avvenuto l’assassinio e l’auto su cui il corpo è stato trasportato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.