Segui Newsitaliane.it su Facebook

Muore a 9 anni dopo aver mangiato pancake preparato dal padre


Davvero incredibile quanto accaduto ad una bambina di soli 9 anni morta dopo aver mangiato un pancake preparato dal suo papà. Era lo scorso 25 Marzo quando una coppia che vive vicino Londra, hanno dovuto prendere una decisione molto importante che ha segnato per sempre la loro vita, ovvero staccare i macchinari che tenevano in vita alla loro bambina di 9 anni la quale è stata vittima di una gravissima reazione allergica. 5 giorni prima e dunque il 20 maggio, la bambina di nome Nainika Tikoo, pare si trovasse a casa insieme al suo papà e gli aveva chiesto di cucinarle un pancake. La bambina purtroppo era affetta da una grave allergia ad alcuni alimenti tra i quali il latte, le uova e il padre sapeva bene come prepararle da mangiare, peccato che al primo morso del pancake la piccola si sarebbe sentita male. Il padre però ha capito immediatamente che la figlia stava per avere uno shock anafilattico ed ha allertato per questo motivo il numero di emergenza e la moglie che quando è arrivata a casa ha trovato però la figlia sdraiata sul pavimento con i medici che tentavano di rianimarla.

Immediato il trasferimento della piccola presso l’ospedale della città e nel frattempo sembra che la crisi fosse rientrata, ma ormai la bambina aveva subito dei danni irreversibili e proprio in seguito a questi i medici hanno dichiarato la morte cerebrale. Nelle ore successive, come già abbiamo riferito, i genitori hanno dovuto prendere una decisione davvero terribile ovvero quelle di spegnere i macchinari che la tenevano in vita. Nainika aveva riportato danni irreversibili, in particolare al cervello, rimasto per troppo tempo senza ricevere ossigeno.

Dopo la morte della loro figli,  i genitori hanno deciso di aprire una fondazione a suo nome al fine di sensibilizzare e finanziare  la ricerca sulle allergie e pare che in poche settimane abbiamo già raccolto 14 mila sterlina. “Siamo determinati a parlare in suo nome per impedire a qualsiasi altra famiglia di attraversare un dolore devastante come il nostro. Così abbiamo capito che molti genitori stanno lottando con le allergie dei loro bambini e abbiamo bisogno di fare qualcosa per aiutarci”, ha raccontato la madre ai media locali.

Lo shock anafilattico è una reazione allergica molto grave e potenzialmente letale che può verificarsi soltanto dopo pochi secondi o minuti dall’esposizione ad una sostanza a cui si è allergici e i sintomi sono molto gravi tanto da risultare in alcuni casi, così come quello che abbiamo appena raccontato, fatali. Generalmente le cause più comuni dello shock anafilattico sono da cercare nel contatto con alimenti e nella maggior parte dei casi arachidi, farmacie, vedere degli insetti, Ma si può anche verificare A causa dell’ esercizio fisico del contatto con oggetti di lattice. I sintomi sono percepibili a livello di pelle, naso, bocca, gola, petto, cuore, tratto intestinale e sistema nervoso.

Questo sito utilizza i cookies tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione e cookies di profilazione di terze parti. Per saperne di più o per disabilitare l'uso dei cookies leggi la nostra "Cookie Policy". Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando lo scroll o cliccando 'Accetto' darai il consenso all’uso di tutti i cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi