Napoli, 23enne del Gambia tenta di sgozzare i passanti: “Voleva staccarmi il dito a morsi”, il racconto shock

0

Notte di terrore quella di sabato 20 maggio a Napoli ed esattamente nella zona centrale dei Decumani, dove un ragazzo del Gambia di 23 anni è stato arrestato dopo aver aggredito apparentemente senza motivi due passanti con due bottiglie ed un coltello. “Mi ha aggredito, aveva un coltello. Mi sono difeso, lui mi ha afferrato un dito a morsi e me lo ha quasi staccato. La gente guardava terrorizzata, nessuno mi ha aiutato”, è questo quanto raccontato da Antonio Attrattivo un giovane di 23 anni finito nel mirino del cittadino gambiano, Dibba Dawda. Secondo quanto emerso dal racconto delle 23:00, il giovane africano lo avrebbe picchiato con violenza e senza un apparente motivo, tra le urla il fuggi-fuggi e poi il sangue; una follia scatenata all’improvviso quella dell’uomo di colore che impugnava una bottiglia rotta e improvvisamente ha iniziato a colpire all’impazzata i passanti.

Intervenuti nella notte gli agenti della Polizia di Stato dei commissariati Decumani e Vasto- Arenaccia, i quali hanno arrestato il 23enne cittadino gambiano perché  ritenuto il responsabile dei reati di tentato omicidio aggravato, lesioni aggravate e porto di armi ed oggetti atti ad offendere. Le forze dell’ordine pare siano intervenute intorno alle ore 2:00 di notte presso la Piazza Enrico de Nicola, in seguito ad alcune segnalazioni pervenute per conto di alcuni cittadini; una volta giunti sul luogo, gli agenti della polizia hanno trovato l’africano con una maglietta sporca di sangue ed una bottiglia di vetro rotta tra le mani che brandiva come una spada e con l’altra mano, aveva invece un accendino con il quale stava appiccando il fuoco ad alcune sterpaglie e cartoni nei giardinetti pubblici.

Inizialmente il giovane gambiano pare abbia opposto resistenza agli agenti, i quali però alla fine sono riusciti a perquisirlo, e trovandolo sprovvisto di qualsiasi documento, lo hanno dapprima accompagnato in ospedale per le cure del caso e poi accompagnato in caserma dove è stato sottoposto per ore ad interrogatorio. Gli agenti di polizia hanno anche sentito alcuni testimoni tra cui un 21enne del quartiere San Lorenzo, il quale ha riferito di essere stato colpito per ben due volte alla testa con una bottiglia senza alcun motivo mentre attraversava la piazza di Nicola.

Due persone gravemente ferite si trovavano al pronto soccorso e hanno dichiarato di essere stati letteralmente aggrediti e feriti dallo stesso straniero senza alcun motivo. “Ho avuto due bottigliate dietro la nuca, mi sono girato subito e istintivamente ho reagito. Ma quell’uomo era armato. Aveva un coltello e mi ha ferito. Guardate che sfregio ho addosso. Mi ha colpito sul petto e pure sulla fronte. Ho fatto quello che potevo per disarmarlo. Ma dopo le coltellate mi ha preso a morsi”, ha aggiunto Antonio Attrattivo di 23 anni.

Rispondi o Commenta