Palermo è la Capitale Italiana della cultura e della storia 2018

La Capitale Italiana della cultura per il 2018 è la città di Palermo, è questo quanto comunicato nella giornata di ieri dal Ministro per i Beni culturali Dario Franceschini. La scelta è stata presa da una commissione presieduta da Stefano Baia Curioni, e sembra che la città di Palermo abbia trionfato su altre finaliste quali Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l’Unione comuni elimo-ericini. Il capoluogo siciliano è stato scelto su una rosa di dieci città finaliste dalla commissione presieduta da Stefano Baia Curioni. “La candidatura è sostenuta da un progetto originale, di elevato valore culturale, di grande respiro umanitario, fortemente e generosamente orientato all`inclusione alla formazione permanente, alla creazione di capacità e di cittadinanza, senza trascurare la valorizzazione del patrimonio e delle produzioni artistiche contemporanee”, è questo quanto dichiarato dal Ministro Dario Franceschini al termine della conferenza stampa.

“Il progetto è supportato dai principali attori istituzionali e culturali del territorio e prefigura a che interventi infrastrutturali in grado di lasciare un segno duraturo e positivo. Gli elementi di governance, di sinergia pubblico-privato e di contesto economico, poi, contribuiscono a rafforzarne la sostenibilità e la credibilità”, ha aggiunto ancora il Ministro Franceschini. La città di Palermo, dunque, così come previsto riceverà un milione di euro dal Mibact per realizzare il progetto presentato, al quale ha anche partecipato il rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Fabrizio Micari il quale ha dichiarato che si tratta di un riconoscimento davvero importante di cui si deve andare orgogliosi perché frutto di un lavoro di squadra della città con partner istituzionali, tra cui l’Ateneo che ha giocato un ruolo fondamentale. “Siamo particolarmente soddisfatti di aver potuto contribuire al progetto mettendo a disposizione il nostro ricco sistema museale, le nostre manifestazioni culturali e la promozione dell’inclusione, elemento che da oltre 210 anni caratterizza l’Università di Palermo”, ha dichiarato il rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Fabrizio Micari.

La notizia è stata accolta con grande emozione dai palermitani, orgogliosi della propria città e delle proprie tradizioni, primo tra tutti il Sindaco Orlando il quale ha dichiarato che con questa vittoria hanno vinto tutti. “Abbiamo vinto tutti, perchè siamo stati capaci di narrare le bellezze dei nostri territori”, ha dichiarato il sindaco di Palermo il quale ha aggiunto “la cifra culturale più significativa che rivendichiamo è la cultura dell’accoglienza. Rivendichiamo il diritto di ogni essere umano di essere e restare diverso ed essere e restare uguale”. L’idea di istituire una capitale italiana della cultura è recente, e nello specifico nasce nel 2014; Il primo anno, nel 2015, furono designate Ravenna, Cagliari, Lecce, Perugia e Siena. Poi è stata la volta di Mantova, nel 2016, quest’anno tocca a Pistoia, poi Palermo e infine Matera che, nel 2019, sarà capitale della cultura europea. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.