Pensioni, a luglio arriva la quattordicesima: importi aumentati, ecco a chi spetta

0

Novità in campo pensioni nel nostro Paese e l’ultima notizia è quella secondo la quale mancherebbe poco più di un mese all’arrivo della quattordicesima, assicurata dall’ultima legge di bilancio. La conferma sembra essere arrivata proprio in questi giorni anche via facebook da parte del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi. Stando a quanto emerso, dunque, il prossimo mese di luglio i pensionati vedranno accreditata la somma che scatterà d’ufficio per gli aventi diritto, che rispetto allo scorso anno e dunque rispetto alla penultima manovra finanziaria, risultano essere di più perché è stato esteso anche alla platea degli aventi diritto, i pensionati che hanno compiuto 64 anni con redditi tra 1,5 e 2 volte il minimo.

Per quanto riguarda invece l’importo della misura questo ammonterà a circa €655. L’istituto della mensilità aggiuntiva è stato uno degli argomenti più discussi dell’ultima legge di bilancio per via di una estensione di Platea che è stata confermata in manovra di cui abbiamo già parlato. La Boschi, dunque, nei giorni scorsi sembra abbia confermato che dal primo di luglio le operazioni di erogazione della quattordicesima seguiranno le novità previste nell’ultima legge di bilancio senza andare incontro ad alcun intoppo. La quattordicesima finirà dunque nelle tasche di pensionati che risultano avere un reddito fino a €13000 annui, mentre per i soggetti che già la percepivano alla vecchia maniera, ovvero quelli con redditi anno e non superiori ai 9786,66 euro, l’importo pare abbia subito un aumento.

Gli importi, infatti, pare variano in base ai contributi che hanno versato durante la loro vita lavorativa. In base alla nuova legge di bilancio, la nuova quattordicesima coinvolgerà una platea di circa 3,4 milioni di pensionati e come abbiamo già detto è stata estesa anche ai soggetti di età superiore ai 64 anni di età con redditi tra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo ovvero fino a €13000 circa annui. Riguardo la somma, come abbiamo già avuto modo di anticipare, i pensionati i quali presentano un reddito fino a 1,5 volte il minimo che già percepivano la quattordicesima, vedranno aumentare l‘importo che sarà pari a €437 fino a 15 anni di contributi, mentre ammonterà a €546 per chi ha da 15 a 25 anni di contributi versati, a €655 per chi ha oltre 25 anni di contributi.

I pensionati invece con redditi da 1,5 a 2 volte il minimo, percepiranno una somma che varierà in base ai contributi versati e nello specifico l’importo ammonterà €336 per 15 anni di contributi, a €420 per contributi versati tra 15 e 25 anni e €504 per coloro i quali hanno versato contributi per più di 25 anni. Discorso a parte per i pensionati da lavoro autonomo i quali dovranno sempre rispettare i tre anni in più rispetto ai subordinati. Come confermato anche dall’Inps, nel messaggio n. 1366/2017, la nuova quattordicesima verrà corrisposta insieme al rateo pensionistico di luglio

Rispondi o Commenta