Pittrice scomparsa da Ancona: ex marito e figli arrestati e indagati per omicidio

È completamente scomparsa nel nulla lo scorso 9 ottobre la pittrice di Ancona conosciuta con il nome Reny di 64 anni di cui purtroppo non si sa più nulla. Inizialmente si pensava si trattasse di un allontanamento volontario ma dista la vicenda ha assunto delle tinte misteriose e gli investigatori sono concordi nel pensare che si possa trattare di un omicidio. Al termine di un interrogatorio durato tutta la notte sono risultati indagati Giuseppe Simone santoleri rispettivamente l’ex marito e il figlio della pittrice Renata Rapposelli. Secondo quanto riferito dal ex marito Giuseppe Santoleri, l’avrebbe lasciato a 2 km da Loreto a senza riaccompagnarla a casa ad Ancona al culmine di un litigio e da quel momento non si sa più nulla di Renata Rapposelli. Il marito ha raccontato Dunque di avere litigato in casa a Giulianova con la moglie per una questione economica molto probabilmente per un assegno di mantenimento e come già detto di averla riaccompagnata in auto a Loreto in provincia di Ancona e poi di non aver avuto più notizie.

Il figlio avrebbe anche confermato di avere assistito al litigio dei genitori e di aver chiesto al padre di accompagnare la madre ad Ancona.La pubblica accusa sostiene che la donna possa essere stata vittima di un delitto ma al momento resta ancora una persona scomparsa. Intanto nella giornata di ieri, i militari sono arrivati a Giulianova intorno all’ora di pranzo passando al setaccio La casa e l’automobile dei due indagati alla ricerca di tracce. Più nello specifico sembra che i militari abbiano effettuato lo stub per verificare la presenza di elementi chimici depositati all’eventuale esplosione di un colpo di arma da fuoco e successivamente hanno effettuato vari tamponi alla ricerca di Tracce di DNA della donna e dunque anche di sangue.

Il sostituto procuratore Andrea dopo aver ascoltato l’ex marito e il figlio per tutta la notte come persone informate sui fatti, ha deciso di iscrivere nel registro degli indagati e nel contempo anche disposto il sequestro dell’abitazione dove padre e figlio abita a Giulianova e dell’auto di Giuseppe la stessa auto con cui l’uomo ha detto di aver accompagnato Renata fino a Loreto.

Presso l’abitazione sita in via Galilei nella mattinata di ieri sono arrivati i carabinieri del ris per effettuare alcuni rilievi. L’Iscrizione nel registro degli indagati è anche un atto di garanzia nell’ambito degli accertamenti irripetibili affidati dalla procura Aris di Roma e cioè rilievi scientifici ed esami nell’abitazione dell’auto di Santoleri poste sotto sequestro. Al momento non è trapelata alcuna indiscrezione sul contenuto degli interrogatori dei quali però non sarebbero emerse contraddizioni.La donna sembra essere molto vicina ad un gruppo religioso è proprio da loro sarebbe arrivata la segnalazione della scomparsa perché aveva un appuntamento al quale però si è mai presentata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.