Previsioni meteo, prevista abbondante neve al Nord e su Alpi: a Febbraio torna il gelo

0

Le previsioni meteo per i prossimi giorni non sembrano promettere nulla di buono, almeno per le regioni del Nord e del Centro Italia, visto che sembra stia per arrivare neve abbondante soprattutto sulle Alpi. Le previsioni meteo dicono che ci sarà da aspettare ancora qualche giorno per vedere ancora una volta i paesaggi imbiancati, ovviamente quelli del Nord. “Con l’avvento del mese di febbraio arriveranno le correnti atlantiche, certamente più miti ma anche foriere di nubi e piogge lì dove, sino ad ora, sono fortemente mancate”, dichiarano gli esperti, secondo i quali la neve dovrebbe giungere tra il 2 ed il 5 febbraio. Secondo quanto riferito con l’arrivo del mese di Febbraio sembra arrivino delle correnti atlantiche, più miti ma cariche di nubi e piogge nelle zone dove al momento sono fortemente mancate; il flusso occidentale Atlantico si farà sempre più incisivo nel corso della prima settimana di Febbraio attivando tra l’altro anche correnti umide meridionali.

Secondo gli esperti il “Vortice Polare dovrebbe orientare il suo asse verso i settori statunitensi e atlantici. L’instabilità si accentuerebbe, pertanto, su queste aree rendendosi via via più incisiva anche sul centro ovest Europa e sul Mediterraneo centro-occidentale”. La prima settimana del mese si attende l’ingresso di perturbazioni piuttosto incisive, soprattutto sull’ovest Mediterraneo, tra le Baleari, il Golfo del Leone ed il medio alto Tirreno. Come abbiamo già anticipato, la perturbazione atlantica porterà neve diffusa sulle Alpi, dapprima sui 1200 metri ma anche sopra i 700/900 dal 4/5 febbraio; la neve cadrà anche sulle Alpi Occidentali e poi in estensione a quelle orientali con un manto nevoso, che secondo le previsioni, potrebbe superare anche i 50-70 cm sopra i 1400 metri. A partire da oggi e per i prossimi giorni della settimana, detti i giorni della merla e che tradizionalmente dovrebbero esere i giorni più freddi dell’anno, non farà di certo caldo ma neppure freddo; sembra che le temperature al massimo potrebbero scendere durante la notte, quando cadrà l’aria fredda, determinando qualche gelata tra valli e pianure.

Riguardo la seconda decade di Febbraio, si annunciano altre azioni perturbate atlantiche, di provenienza anche settentrionale, con possibili innesti di aria fredda sub-polare marittima. Secono le prevsioni i maggiori accumuli di neve potrebbero interessare le Alpi ligure, marittime, Alpi Cozie, Graie, Pontine e Lepontine ed ancora Alp Rtiche, Adamello, Alpi Bresciane, Trentino Alto Adige, Dolomiti, Prealpi Bellunesi e Alpi Carniche e Giulie. Riguardo le temperature, le minime stabili su Nord ed Isole rimarranno stabili per i prossimi giorni mentre sono in calo altrove; per quanto riguardo le massime queste sono in forte calo al Nord, in calo al Centro e stabili altrove. Per quanto riguarda la giornata di oggi, sembra che la città più fredda risulterà essere Belluno con -7° mentre la più fredda sarà Cagliari

Rispondi o Commenta