Rebecca Burger blogger muore colpita al petto da bomboletta di panna esplosa

Bomboletta di panna esplode: morta Rebecca BurgerMortale incidente domestico, che ha dell’incredibile, per una nota blogger francese. Rebecca Burger, una 33enne appassionata di fitness seguita da migliaia di fan su Instagram, e’ morta perche’ le e’ esplosa tra le mani una bomboletta per montare la panna.

E’ accaduto sabato, nella sua casa alle porte di Mulhouse, in Francia: la parte superiore dell’apparato e’ esploso e l’ha ferita gravemente al petto, provocandole un arresto cardiaco.

Rebecca Burger morta per l’esplosione di una bomboletta di panna

Malgrado l’arrivo dei soccorsi e il precipitoso ricovero in ospedale, la giovane donna non ce l’ha fatta: e’ morta il giorno dopo. A dare la notizia e’ stata la famiglia, con un post proprio sul suo account Instagram. Seguita da 153mila persone su Instagram, 55mila fan su Facebook, Rebecca -palestratissima e appassionata di moda- aveva lanciato anche un sito web e un canale Youtube.

Sconcerto sui social per la morte della blogger Rebecca Burger

Sui social network, in un altro post, qualcun altro ancora della famiglia ha messo in guardia dal pericolo dei dispositivi, pubblicando il modello dell’arnese esploso, che era stato gia’ all’origine di altri incidenti: “Ecco un esempio della bomboletta per la crema chantilly esplosa e che ha colpito al petto Rebecca, causandone la morte. Non usare questo tipo di utensile a casa. Decine di migliaia di arnesi difettosi sono ancora in circolazione”. In Francia due incidenti simili c’erano stati nel 2014, ma non era deceduto nessuno. L’Istituto Nazionale dei Consumatori francese aveva avvertito nella sua rivista del rischio collegato all’utilizzo del dispenser, modello Ard’Time, la cui testina, di plastica, evidentemente non resiste alla pressione del gas introdotto all’interno del contenitore metallico. La rivista dei consumatori 60 Milliones aveva messo in guardia su una serie di lesioni causate dal connettore difettoso: dai denti rotti al tinnito e, in un caso, addirittura la perdita di un occhio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.