Ristorante cinese serve zampe d’orso foto shock: I clienti chiamo i Nas

0

Si sente molto spesso parlare di animali da compagnia macellati in Oriente come da noi può succedere con i polli, ma non si riuscirebbe mai a pensare che andando al ristorante cinese ci si possa trovare davanti ad un piatto a base di orso. È accaduto il 28 novembre scorso una tavolata di cinesi ha ordinato l’orso, ma l’arriva della pietanza non è passato inosservato ad alcuni clienti italiani che hanno segnalato l’episodio ai carabinieri.

Il pm Benedetto Roberti ha quindi messo sotto inchiesta il titolare del locale e una persona a lui vicina, indagati per aver violato le norme per la protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio: il ristoratore avrebbe ucciso, cucinato e servito nel suo ristorante l’orso. I militari dell’Arma hanno poi certificato la provenienza del plantigrado, ucciso chissà dove e fatto arrivare poi nella cucina del ristorante al civico 9 del China Ingross.

La cosa non è passata inosservata e un cliente abituale del ristorante, italiano, ha deciso di segnalare la stranezza culinaria ai carabinieri del Nas. Tra i prodotti congelati i Nas hanno trovato cosce di rana scaduta il 2 novembre, e una confezione da 500 grammi di polpa di granchio, scaduta il 20 maggio.

L’ipotesi che si trattasse di resti umani, secondo quanto si apprende da fonti investigative, è caduta sulla base della valutazione di alcuni esperti che hanno indicato che quanto ritratto nella foto era effettivamente riconducibile a un orso.

Proprio sulla foto postata sui social network è nata una inquietante discussione che coinvolge anche gli inquirenti: e quelli nel piatto fossero piedi umani?

La cucina cinese Al pari di quella italiana, la cucina cinese è una delle più famose al mondo: in qualsiasi paese del mondo si possono trovare pizzerie o ristoranti cinesi. La cucina è dunque uno degli elementi più famosi della civiltà cinese, un’eredità che proviene dal passato, quando nelle cucine del palazzo imperiale o in quelle dei mandarini, i funzionari dell’imperatore, lavoravano cuochi esperti e fantasiosi. Una cucina molto antica I documenti storici ci dicono che già duemila anni fa la cucina cinese era molto ricca: esistevano centinaia di ricette diverse e si mangiava con i bastoncini.

Nelle strade delle città erano numerosi i banchetti dove si serviva cibo pronto, mentre nei palazzi dei funzionari il cibo veniva preparato e servito secondo un rigido cerimoniale: anche la cucina infatti obbediva al principio fondamentale della società cinese, secondo cui bisognava mantenere l’ordine e la tradizione. Cucina e lunga vita La scelta degli ingredienti e la preparazione dei cibi nella civiltà cinese si fondavano su un obiettivo ben preciso: la ricerca della lunga vita; chi mangiava i cibi preparati in un certo modo si assicurava una vita sana e duratura. Per fare ciò i cuochi cinesi si basavano sulla teoria dello ying e dello yang: ogni creatura vivente si mantiene in salute se dentro di essa i due elementi, lo ying e lo yang, sono in equilibrio. Lo yang è il principio maschile, corrisponde a ciò che è caldo, duro, attivo, mentre lo ying è il principio femminile, cioè il freddo, il molle, il passivo. Ogni ingrediente corrispondeva a uno di questi due elementi, perciò bisognava mescolarli in maniera che si mantenesse l’equilibrio e che l’uno non prevalesse sull’altro.

Dunque le ricette cinesi non hanno solo l’obiettivo di rendere il cibo gustoso, ma soprattutto di seguire la regola dell’equilibrio dello ying e dello yang. Tagliare tutto a pezzetti Una caratteristica fondamentale della cucina cinese è che gli ingredienti sono tagliati a pezzettini molto piccoli prima di essere mescolati e messi a cuocere. I motivi di questo particolare procedimento sono due: in primo luogo, esso agevola l’uso dei bastoncini, in quanto nella tavola cinese non devono esserci coltelli o forchette, strumenti pericolosi; in secondo luogo, tagliando gli alimenti a pezzetti si favorisce l’unione dei due principi ying e yang nella cottura, rendendo più digeribile e sano il cibo. La soia Un altro fattore caratteristico della cucina cinese è l’uso della salsa di soia per condire e cuocere. La soia è un alimento di origine vegetale ma con un alto contenuto di proteine, perciò la salsa di soia è considerata l’equivalente del brodo di carne degli europei: è cioè un alimento che consente di assumere molte proteine.

Rispondi o Commenta