Rivoluzione mercato libero, dal 2019 la rivoluzione delle bollette: occhio alle truffe

In vista dell’arrivo del Mercato Libero è partito l’assalto alle bollette di casa e c’è già chi sta approfittando della confusione sulla materia per cercare di truffare possibili utenti. “Buongiorno, entro la fine dell’anno finirà il Mercato Tutelato e, se non sottoscrive ora il contratto con noi, la sua utenza verrà automaticamente trasferita ad un altro gestore con delle condizioni economiche meno vantaggiose”, è questa la tipica telefonata di chi cerca di mettere in difficoltà gli utenti cercando di farli. “Buongiorno, come saprà a breve il Mercato Tutelato cesserà di esistere, dunque ci deve confermare la volontà di rimanere col gestore XY e confermare i suoi dati”, sarebbero queste altre tipiche telefonate da parte di operatori che cercano in qualche modo di raggirare e mettere mano su luce e gas delle nostre abitazioni. Ma di esempi ne potremmo fare davvero tanti, visto che queste sono soltanto alcune delle segnalazioni arrivate alle associazioni di consumatori proprio in questi giorni e nello specifico a Confconsumatori che ha un apposito sportello dedicato: “Energia: diritti a viva voce”.

Ma effettivamente c’è un po’ di confusione al riguardo perché non si riesce a capire bene cosa sta effettivamente per cambiare e come cambierà la bolletta di casa nostra. Diciamo subito che a partire da luglio 2019 il mercato tutelato dell’energia cesserà di esistere e sarà rimpiazzato dal mercato libero questo vuol dire soltanto una cosa ovvero che i pochi operatori di oggi saranno sostituiti da tante società che proporranno delle tariffe proprie su cui lo Stato non potrà intervenire. Si tratterà dunque di una rivoluzione che ci permetterà di uniformarsi al mercato europeo, inoltre tutte le famiglie italiane dal luglio del 2019 dovranno passare al mercato libero. Saranno le famiglie a scegliere tra le tante proposte che arriveranno sul mercato sia da vecchio operatori che da altri che nasceranno nei prossimi mesi.

Ovviamente questo passaggio porterà parecchie truffe e i consumatori potranno anche registrare un rincaro delle bollette. Quello che preoccupa maggiormente però è proprio il discorso relativo alle truffe, visto che già fin dall’inizio le associazioni dei consumatori pare abbiano registrato delle pratiche aggressive fuori dalla norma. Non tutti sanno che esiste comunque una sorta di forma intermedia ovvero la tutela simile che esiste soltanto per il mercato della luce e serve per favorire questo passaggio rendendolo meno traumatico e potendo usufruire anche con la sottoscrizione del mercato libero delle condizioni previste dal mercato tutelato.

Ci sarebbe anche l’opzione dell’offerta placet e si tratta di un contratto nel mercato libero ma a condizioni standardizzate che dal primo gennaio 2018 ogni venditore ha l’obbligo di inserire tra le proprie offerte di mercato libero. Ad ogni modo il consiglio principale per evitare truffe e inganni è quello di non prendere decisioni al telefono e informarsi con cautela sul scelte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.