Roma, giovane romena violentata si salva aggrappandosi nuda allo stendino sul balcone

Davvero incredibile quanto accaduto nella notte tra domenica e lunedì, ad una giovane donna una 26enne che pare abbia messo fine ad un incubo in un modo davvero eclatante. Ebbene sì, una giovane 26enne pare sia stata vittima di una notte di violenza alla fine della quale è riuscita a scappare dall’ appartamento sito in via Catania, non lontano da Piazza Bologna aprendo la finestra del bagno e appendendosi ad uno stendino.

La giovane 26enne era stata contattata su internet per un incontro a pagamento, ma il cliente che non aveva alcuna intenzione di pagare pare l’abbia sequestrata e violentata tanto che la giovane non riuscendo a fuggire in alcun modo, ha pensato bene di calarsi dalla finestra, catturando l’attenzione dei passanti e facendo intervenire la polizia che è riuscita a bloccare ed arrestare l’uomo.

E’ quanto accaduto nella notte di domenica a Roma nella zona di Piazza Bologna, dove la giovane escort 26 romena, una studentessa universitaria è stata contattata online da un 33enne pregiudicato romano, i quali dopo essersi accordati per un incontro si sono visti nell’abitazione dell’uomo sita in via Catania, ma come abbiamo già visto, al suo arrivo però l‘uomo non ha voluto pagare e ha abusato sessualmente della giovane. E’ stata la giovane a denunciare l’uomo e le violenze subite per tutta la notte; l’incubo, come già detto, è finito soltanto quando la giovane romena è riuscita a fuggire, aprendo la finestra del bagno e appendendosi completamente nuda ad uno stendino.

Calata dalla finestra dell’abitazione posta al primo piano da giovane, la romena è riuscita a passare al balcone a fianco ed è stata salvata dai vicini di casa, i quali l’hanno immediatamente trasportata in ospedale dove la giovane ha denunciato l’accaduto alla polizia ed è stato proprio grazie alla testimonianza della giovane donna dei vicini di casa che gli agenti del commissariato Porta Pia sono andati a casa dell’uomo e lo hanno arrestato. La posizione dell’uomo al momento è al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Quell’uomo mi ha contattato per una prestazione sessuale. Mi ha anche dato il numero del cellulare e mi ha detto che è parente di professionisti. Era vestito bene, modi educati. Ma quando ha chiuso la porta dell’appartamento, è improvvisamente cambiato. Mi ha stretto i polsi con violenza e mi ha detto che se non avessi fatto sesso gratis con lui mi avrebbe uccisa”, è questo quanto raccontato dalla donna. “Era violento e continuava a drogarsi. Avrà usato almeno tre dosi di cocaina e diventava sempre più cattivo“, ha aggiunto ancora la giovane romena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.