Roma shock, litiga con la compagna la picchia e scappa con il figlio di pochi mesi

Al momento in cui si è allontanato il ragazzo di 21 anni indossava una felpa a scacchi bianca e nera e pantaloni neri. E’ successo in zona viale Mazzini“

Al culmine di una lite un romano di 21 anni ha aggredito la sua ex compagna dandole un pugno e poi è fuggito insieme al figlio di due anni e mezzo, è questo quanto accaduto a Monterotondo ed è subito scattata la caccia all’uomo. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, nella serata di venerdì intorno alle ore 22 durante una lite avvenuta per strada a Monterotondo, l’uomo Gianluca Caucci, 21enne avrebbe colpito la compagna con un pugno al volto ed è andato via con il bambino di due mesi e mezzo che si trovava nella carrozzina; preoccupata la donna, una 20enne lituana, si è subito recata presso una stazione di carabinieri denunciando quanto accaduto ed è subito scattata la caccia al giovane, ed è stato attivato anche il piano di ricerche provinciale con la Protezione civile, unità cinofile ed elicottero.

Il giovane si era allontanato a piedi e proprio per questo motivo le forze dell’ordine non ci hanno impiegato molto tempo a ritrovarlo; nelle ricerche è stato impegnato anche un elicottero dei carabinieri che ha sorvolato la zona ed ancora alcuni volontari della protezione civile hanno collaborato battendo la zona, limitandosi nelle aree più coperte dalla vegetazione. Il giovane indossava una felpa a scacchi di colore bianco e nero, pantaloni neri.Alta la preoccupazione tra gli inquirenti visto che il giovane padre non aveva mai avuto a che fare con il neonato e quindi non sarebbe stato in grado di gestirlo nella vita quotidiana; fortunatamente il giovane è stato ritrovato dalle forze dell’ordine nella giornata di eri e portato in caserma, dove è stato sottoposto ad interrogatorio ed ha raccontato il suoi spostamenti con il piccolo; l’uomo avrebbe anche riferito di aver portato il piccolo in treno a Fidene poi preso un autobus ed avrebbero trascorso la notte in una baracca di fortuna.“Volevo solo stare con mio figlio. Non gli ho fatto nulla di male“, avrebbe riferito Giancluca Caucci, ritrovato insieme al piccolo nel centro commerciale Porta di Roma, mentre il bambino è stato ricoverato nella neurologia pediatrica del policlinico Gemelli di Roma perché gli è stato riscontrato un ematoma alla testa, sarebbe vigile e cosciente ma i medici non hanno rilasciato alcuna prognosi.

Come abbiamo anticipato, padre e figlio sono stati ritrovati nel centro commerciale Porte di Roma, grazie ad alcune segnalazioni di persone che nella mattina avevano notato il giovane ed il neonato nella struttura commerciale. Le guardie giurate del centro commerciale, cui erano giunte le fotosegnaletiche da parte delle forze dell’ordine, hanno riconosciuto padre e figlio mentre stavano passeggiando, bloccando il giovane, che non ha opposto alcuna resistenza. Ufficialmente le ricerche si sono concluse subito dopo le ore 12 ovvero quando il neonato ed il padre sono stati riconosciuti e fermati dalle forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.