Roma, tentato stupro in pieno giorno: arrestato ivoriano, aveva trascinato turista nel parco

Ancora una tentata violenza in pieno giorno nella capitale. E’ questo quanto avvenuto nella giornata di venerdì 8 settembre a Roma, dove un uomo ha tentato uno stupro ai danni di una giovane turista americana proprio sotto la luce del sole in piena mattinata ed esattamente intorno alle ore 10:00 in un’area tra l’altro molto trafficata.

Una bruttissima avventura dunque quella che si è trovata a vivere una giovane turista americana, la quale è stata molestata da uno dei tanti senzatetto che hanno trovato alloggio presso gli scavi archeologici della capitale; l’aggressore è un ivoriano con regolare permesso di soggiorno, il quale pare abbia abbordato la ragazza con la scusa di una sigaretta e poi avrebbe tentato di trascinarla tra la vegetazione in pieno giorno, esattamente intorno alle ore 10:00 del mattino per violentarla.

Fortunatamente la vittima è riuscita ad evitare l’abuso soltanto grazie all’intervento di un residente di nuovo di nome Massimo, il quale si trovava a passare lì per caso, il quale ha capito cosa sta succedendo ed ha letteralmente salvato la donna dalla violenza più che certa che si sarebbe concretizzata da lì a poco. “Uscito dalla palestra, verso le 10:30 di mattina, mi sono imbattuto in un gruppo di stranieri che stavano litigando, dietro di me c’era anche quella ragazza”, ha raccontato Massimo, il quale ha aggiunto che la lite dopo qualche istante si sarebbe placata e improvvisamente avrebbe sentito qualcuno rivolgersi alla ragazza chiedendole in inglese una sigaretta.

A quel punto avrebbe rallentato il passo, forse avendo percepito il pericolo e in effetti racconta di non aver mai perso d’occhio la giovane turista, fino a quando l’ivoriano non l’ha praticamente abbracciata. Ad un certo punto l’ivoriano avrebbe detto alla donna “Tu devi venire con me” e solo a quel punto l’uomo ovvero Massimo sarebbe intervenuto spingendo il migrante, intimandogli di andarsene e minacciandolo di chiamare la polizia e così l’ivoriano ha desistito, scavalcato una recinzione e ha raggiunto il suo nascondiglio che altro non è che un accampamento che è lì da circa un paio di mesi, dove fanno praticamente di tutto, ovvero cucinano, bivaccano, stendono i panni e da qualche tempo hanno iniziato anche a spacciare.

Massimo ha comunque allertato le forze dell’ordine che sono intervenute immediatamente prelevando l’uomo e dopo averlo fatto riconoscere alla vittima, l’ivoriano è stato arrestato e condotto presso il carcere di Regina Coeli dove adesso attende la convalida del fermo. Roma non è sicuramente nuova ad episodi del genere ed infatti lo scorso ottobre, una turista australiana venne violentata proprio nel parco di Colle Oppio a due passi dal Colosseo, soltanto che allora la cosa avvenne di notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.